L'offerta didattica dell'Insegnamento di Archeologia Medievale dell'Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo" comprende attività di scavo, ricognizioni territoriali, laboratori didattici. Scavi archeologici di ambito medievale permettono di formare sul campo Studenti di corsi triennali, magistrali, di scuole di specializzazione e dottorati di ricerca. Particolarmente lo scavo scuola dell'area Archeologica del Castello di Monte Copiolo, nel Montefeltro (Provincia di Pesaro e Urbino), è adatto per Studenti principianti (ma non solo). Le campagne di ricognizione permettono trasversalmente di indagare e studiare materiali non solo medievali, ma anche protostorici e romani e di acquisire i CFU previsti dalle tabelle ministeriali. Presso i laboratori del Centro di Ricerca di Archeologia Medievale (Ce.A.M.) di Monte Copiolo è possibile partecipare a stages di classificazione di materiali. Un'offerta formativa completa, a vari livelli, per introdurre ed accompagnare lo Studente attraverso la ricerca archeologica, non solo di ambito medievale, facilmente accessibile attraverso moduli, bandi di iscrizione, schede di partecipazione a scavi archeologici collocati direttamente sulla nostra home.

Aperte le iscrizioni alla XIII campagna di scavo presso il CASTELLO DI MONTE COPIOLO

 

Attività Inizio Fine Moduli
Castello di Monte Copiolo XIII campagna di scavo, estate 2014 30 giugno 2014 8 agosto 2014 Modulo informativo scavoModulo adesione Montecopiolo 2014
News

 

MONTE COPIOLO CAMPAGNA DI SCAVO 2014

Aperte le iscrizioni alla XIII campagna di scavo presso il Castello di Monte Copiolo nel Montefeltro. Castello di origine dei Duchi di Urbino.

 

 

METEO CASTELLO MONTE COPIOLO

Per avere informazioni in tempo reale sulle condizioni meteo del Castello di Monte Copiolo visitare il sito www.eremomontecarpegna.it e consultare le immagini della webcam "vista cima est".

Per visitare l'area archeologica del Castello di Monte Copiolo (1033 m s.l.m.) inviare richiesta info al seguente indirizzo e.mail

: infocastellomontecopiolo@gmail.com

 
I siti indagati
Video