Urbino, 28 novembre 2005
La mostra
La vita di Fra' Carnevale
Slideshow di fotografie
Linkografia
Bartolomeo di Giovanni Corradini, detto Fra' Carnevale
(1420? - 1484)
di Pier Luigi Cara

Bartolomeo di Giovanni Corradini nacque a Urbino tra il 1420 e il 1425. Dopo essere entrato nell’ordine dei domenicani nel 1449 prese il nome Fra’ Carnevale.
Il suo apprendistato è avvenuto nella città natale sotto la guida di un pittore tardo gotico, il ferrarese Antonio Alberti. Tra il 1445 ed il 1446, Fra’ Carnevale lavorò a Firenze presso la bottega di Filippo Lippi, dove subì le suggestioni prospettico-spaziali derivanti da Brunelleschi, Donatello e Leon Battista Alberti. Dopo l’incontro con Domenico Veneziano, maturò un’attenzione naturalistica di stampo fiammingo verso i particolari, una predilezione per gli ampi scorci scenografici e per i colori chiari e tersi.
Tornato ad Urbino, il suo percorso artistico si sovrappose a quello religioso. Contribuì alla realizzazione del nucleo più antico del palazzo ducale, corrispondente all’appartamento della Jole. A lui fa cenno il Vasari, nelle sue “ Vite”, quando, parlando di Bramante, afferma che il padre lo indirizzò all'arte della pittura “nella quale studiò egli molto le cose di fra' Bartolomeo, altrimenti fra' Carnovale da Urbino, che fece la tavola di Santa Maria della Bella in Urbino”.
Se Fra’ Carnevale fu architetto, è probabile che ciò vada inteso non in senso pieno, ma solo come autore di disegni di edifici e di rilievi decorativi. In tal senso vanno interpretate le notizie che lo danno nel 1449 e nel 1451 impegnato nella costruzione del portale di San Domenico, e poi, nel 1455, coinvolto nella realizzazione del Duomo.
Nel 1466 ricevette, come testimonia Vasari, la commessa per la realizzazione di una tavola destinata alla chiesa di Santa Maria della Bella, sempre ad Urbino.
Nella parte finale della sua vita l’impegno religioso prevalse su quello artistico. Morì nel 1486, lasciando disposizioni testamentali a favore del suo convento e dell’insegnamento alla predicazione.

Le opere

Annunciazione, Monaco, Alte Pinakothek

Annunciazione, Washington D.C., The National Gallery of Art, Samuel H. Cress Collection (vedi foto in alto)

Nascita della Vergine
, New York, Metropolitan Museum of Art

Presentazione della Vergine al Tempio
, Boston, Museum of Fine Arts

Polittico smembrato e disperso di cui sono conservate le tavole seguenti:

San Pietro, Milano, Pinacoteca di Brera

San Francesco
, Milano, Pinacoteca Ambrosiana

San Giovanni Battista
, Loreto, Museo della Santa Casa

Crocefisso
, Urbino, Galleria Nazionale delle Marche

F igura eroica su sfondo architettonico
, Villa Cagnola, Gazzada, Varese

Federico Zeri ha inoltre attribuito la decorazione dell’Alcova del duca Federico nel Palazzo ducale di Urbino