Università di Urbino / Gianluigi Toccafondo / Abbecedario
Ateneo
Dipartimenti
Didattica
Orientamento
Studenti
Laureati
Personale
International
Partner e Aziende
Nuovissimo Abbecedario

Contribuzione agevolata

Informazioni sulla tempistica, le modalità e la documentazione da presentare.

Offerta didattica - Università di Urbino “Carlo Bo”

Informazioni sulle fasce di reddito

  I Fascia II Fascia
III Fascia
IV Fascia V Fascia VI Fascia VII Fascia
I.S.E.E. o I.S.E.E.U. Fino a
18.300,00
da 18.300,01  a 22.000,00 da 22.000,01 a 26.000,00 da 26.000,01 a 30.000,00 da 30.000, 01 a 40.000,00 da 40.000,01 a 60.000,00 > 60.000,00
I.S.P.E. o I.S.P.E.U. Fino a 28.500,00 da 28.500,01  a 32.500,00 da 32.500,01 a 36.000,00 da 36.000,01 a 40.000,00 da 40.000,01 a 50.000,00 da 50.000,01 a 70.000,00 > 70.000,00

Gli importi della contribuzione dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo” sono distinti per fasce di reddito. La prima rata della contribuzione è comune, mentre la seconda è differenziata in base alla fascia di reddito individuale o del nucleo familiare di appartenenza. L’accesso alla contribuzione prevista per le fasce agevolate è condizionato alla presentazione di idonea documentazione da parte degli studenti interessati entro il 30 novembre 2013.

Gli studenti che intendono usufruire della riduzione della seconda rata rispetto all’importo dell'ultima fascia, devono presentare alla Segreteria Studenti di riferimento per il proprio corso di studio - la Dichiarazione sostitutiva unica attestante i parametri I.S.E.E. - I.S.P.E. e/o I.S.E.E.U. - I.S.P.E.U. -  rilasciata dai Centri di Assistenza Fiscale (CAF).  I CAF convenzionati con l’Ateneo provvedono, gratuitamente e previo appuntamento, a prestare adeguata assistenza agli studenti nella compilazione della Dichiarazione sostitutiva unica e a rilasciare l’attestazione I.S.E.E. - I.S.P.E. e/o I.S.E.E.U. - I.S.P.E.U.

L’Università non si occupa dell’assistenza nella compilazione della Dichiarazione sostitutiva unica in quanto il servizio è svolto esclusivamente dai CAF. L’Ateneo è disponibile ad estendere il convenzionamento ad altri CAF interessati.

Documentazione
Modulo contribuzione agevolata 2013/2014 scarica

 

Termini per la presentazione delle domande

Gli studenti che presentano la Dichiarazione Sostitutiva Unica per il rilascio dell’attestazione I.S.E.E. - I.S.P.E. e/o I.S.E.E.U. - I.S.P.E.U. oltre il termine del 30 novembre 2013 e fino al 10 febbraio 2014, sono tenuti al pagamento di una mora pari a euro 40,00. Gli studenti che presentano la dichiarazione sostitutiva unica oltre il 10 febbraio 2014 ma entro il 31 marzo 2014, sono tenuti al pagamento di una mora pari a euro 120,00.

Gli studenti laureandi che - non avendo presentato domanda di iscrizione in quanto intenzionati a conseguire il titolo nella sessione straordinaria - non siano riusciti a concludere gli studi entro la sessione di laurea potranno iscriversi presentando la necessaria documentazione, entro il termine perentorio del 31 marzo 2014.

Gli studenti che non presentano la Dichiarazione Sostitutiva Unica attestante I.S.E.E. - I.S.P.E. e/o I.S.E.E.U. - I.S.P.E.U. vengono inseriti nell’ultima fascia della contribuzione.


 

Modalità di presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica

La Dichiarazione Sostitutiva Unica attestante I.S.E.E. - I.S.P.E. e/o I.S.E.E.U. - I.S.P.E.U.deve essere presentata con le seguenti modalità:

  • consegna presso la Segreteria Studenti di riferimento per il proprio corso di studio la quale rilascerà una ricevuta;
  • invio con raccomandata RR entro i termini previsti.

Soltanto le istanze non pervenute per le quali sia comprovata l’avvenuta spedizione potranno essere accolte.


 

Studenti stranieri

Gli studenti stranieri possono rivolgersi direttamente ai CAF solo se in possesso di codice fiscale. Gli studenti sprovvisti di codice fiscale possono rivolgersi per il rilascio all'Agenzia delle Entrate. La situazione economica e patrimoniale del nucleo familiare deve essere certificata con apposita documentazione rilasciata dalle competenti Autorità del Paese in cui i redditi sono stati prodotti e deve essere tradotta in lingua italiana dalle Autorità Diplomatiche italiane competenti per territorio.

Per quei Paesi in cui il rilascio della documentazione da parte della locale Ambasciata italiana presenta particolari difficoltà, lo studente può rivolgersi alle Rappresentanze diplomatiche o Consolari estere in Italia (in tal caso la certificazione rilasciata deve essere legalizzata dalle Prefetture ai sensi dell’art. 33, del D.P.R. 28 dicembre 2000).

Per gli studenti stranieri provenienti da Paesi particolarmente poveri (specificati con decreto del Ministro per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca Scientifica d’intesa con il Ministro per gli Affari esteri) la valutazione della condizione economica è effettuata sulla base di una certificazione della Rappresentanza italiana nel paese di provenienza che attesti che lo studente non appartiene a una famiglia notoriamente di alto reddito e di elevato livello sociale.

Tale certificazione può essere rilasciata anche dall’Università di iscrizione estera collegata da accordi o convenzioni con gli Atenei o da parte di enti italiani abilitati alla prestazione di garanzia di copertura economica di cui alle vigenti disposizioni in materia di immatricolazione degli studenti stranieri nelle università italiane. Lo studente è comunque obbligato a dichiarare i redditi e il patrimonio eventualmente detenuti in Italia dal proprio nucleo familiare in base al decreto legislativo 31 marzo 1999, n. 109, come modificato dal decreto legislativo 3 maggio 2000, n. 130.

La condizione economica e patrimoniale per gli studenti stranieri non appartenenti all’area dell’Euro è valutata sulla base del cambio medio del 2010.

Studenti rifugiati politici ed apolidi

Ai fini della valutazione della condizione economica, per gli studenti riconosciuti quali rifugiati politici ed apolidi, si tiene conto solo dei redditi e del patrimonio eventualmente detenuti in Italia secondo le modalità di cui all'art. 6 del Piano regionale.


 

Accertamenti fiscali

L’Università degli Studi di Urbino esercita un controllo sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive uniche avvalendosi di tutte le modalità di indagine, inclusa l’anagrafe tributaria, l’Amministrazione finanziaria dello Stato, gli Uffici catastali e la Polizia tributaria. In caso di comunicazione di dati non corrispondenti alle risultanze evidenziate attraverso la documentazione fiscale o attraverso i dovuti controlli effettuati tramite gli Uffici finanziari e la Guardia di Finanza, lo studente è tenuto al versamento dovuto in base al proprio I.S.E.E. - I.S.P.E. e/o I.S.E.E.U. - I.S.P.E.U. e verranno applicate le sanzioni previste dalle vigenti disposizioni.


 

 I.S.E.E. - I.S.P.E. e/o I.S.E.E.U. - I.S.P.E.U.

L’attestazione I.S.E.E. - I.S.P.E. e/o I.S.E.E.U. - I.S.P.E.U. è rilasciata dai CAF sulla base della Dichiarazione Sostitutiva Unica sottoscritta dallo studente.
Ai fini del calcolo del valore I.S.E.E. - I.S.P.E. e/o I.S.E.E.U. - I.S.P.E.U. si tiene conto, ai sensi dell’articolo 5 del Dpcm 09/04/2001, dei seguenti criteri specifici e aggiuntivi previsti per l’Università:

Studente indipendente

Al fine di tenere adeguatamente conto dei soggetti che sostengono l'onere del mantenimento dello studente, il nucleo dello studente è integrato con quello dei suoi genitori quando non ricorrano entrambi i seguenti requisiti:

  • residenza, risultante dall'evidenza anagrafica, esterna all'unità abitativa della famiglia di origine, stabilita da almeno due anni rispetto alla data di presentazione della domanda e in un immobile non di proprietà di un componente del nucleo familiare;
  • redditi propri derivanti da lavoro dipendente o assimilato, non prestato alle dipendenze di un familiare, fiscalmente dichiarato da almeno due anni, non inferiore a € 6.500,00 annui.

Qualora non si verifichino entrambe le condizioni sopra richiamate, debitamente documentate, si tiene conto della situazione patrimoniale ed economica della famiglia di origine.

Non è soggetto a tale disposizione e forma nucleo familiare a sé stante, in conformità all’art. 5 DPR 223/1989 lo studente che verte nelle condizioni tassativamente elencate:

  • motivi religiosi (appartenenti ad ordini religiosi)
  • di cura (ricoverati in case di assistenza)
  • di assistenza (badanti)
  • militari (appartenenti a corpi militari o di polizia)
  • pena e simili (detenuti)

Tali studenti possono richiedere l’attestazione I.S.E.E. - I.S.P.E. e/o I.S.E.E.U. - I.S.P.E.U. riferita alla propria condizione economica dell’anno solare 2012 esclusivamente se non sono coniugati o fiscalmente a carico di altre persone.

Redditi dei fratelli/sorelle

Il reddito ed il patrimonio dei fratelli e/o sorelle appartenente al nucleo familiare dello studente, concorre alla formazione di tutti gli indicatori della situazione economica, nella misura del 50%.

Redditi e patrimoni posseduti all’estero

Si tiene conto dei redditi e dei patrimoni posseduti all’estero.

Gli studenti che intendono avvalersi del servizio di assistenza fornito dai CAF devono disporre della seguente documentazione:

Composizione del nucleo familiare

  • dati anagrafici e codici fiscali di tutti i componenti il nucleo familiare, fotocopia della carta di identità del dichiarante, libretto universitario o numero di matricola dello studente
  • certificazione dello stato di invalidità rilasciata dall’ASL, qualora nel nucleo familiare vi siano soggetti con handicap permanente grave o invalidità superiore al 66%.

Redditi

  • copia della dichiarazione dei redditi 2012 di tutti i componenti del nucleo familiare (mod. 730/2012, UNICO/2012) o CUD/2012 e dichiarazione IRAP (imprenditori agricoli)
  • copia del contratto di locazione (se la casa di abitazione non è di proprietà) indicante il canone annuo e gli estremi della registrazione del contratto
  • redditi prodotti all’estero

Patrimonio mobiliare

Deve essere considerato l’ammontare del patrimonio mobiliare al 31 dicembre 2012 di tutti i componenti il nucleo familiare:

  • saldo depositi bancari e postali
  • valore nominale o quotazione dei titoli di Stato, obbligazioni, certificati di deposito, buoni fruttiferi ed assimilati, azioni ed altre forme di investimento
  • contratti di assicurazione mista sulla vita e di capitalizzazione da cui risulti l’importo dei premi complessivamente versati dalla stipula al 31/12/2012
  • bilancio di società non quotate, società non azionarie, imprese individuali oppure, in assenza dell’obbligo del bilancio, documentazione comprovante il patrimonio netto (rimanenze finali al 31/12/2012, costo dei beni strumentali al netto dei relativi ammortamenti al 31/12/2012, altri cespiti o beni patrimoniali al 31/12/2012)
  • patrimonio mobiliare posseduto all’estero

Patrimonio immobiliare

Deve essere considerato l’ammontare del patrimonio immobiliare al 31 dicembre 2012 di tutti i componenti il nucleo familiare:

  • certificati catastali, dichiarazione ICI (ultima presentata), ricevute mutuo da cui risulta il capitale residuo del mutuo
  • patrimonio immobiliare posseduto all’estero. Il patrimonio immobiliare localizzato all'estero, posseduto alla data del 31 dicembre 2012, è valutato solo nel caso di fabbricati ed è considerato sulla base del valore di € 500,00 al metro quadrato.

 

Normativa di riferimento

Informazioni dettagliate suI parametri I.S.E.E. - I.S.P.E. e/o I.S.E.E.U. - I.S.P.E.E.U., clicca qui

La normativa di riferimento è la seguente:

  • Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 109 modificato dal Decreto legislativo 3 maggio 2000, n. 130 “Definizioni di criteri unificati di valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni sociali agevolate”
  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 7 maggio 1999, n. 221 modificato dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 aprile 2001, n. 242 “Regolamento concernente le modalità attuative e gli ambiti di applicazione dei criteri unificati di valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni agevolate

 

Sedi CAAF convenzionate

ELENCO SEDI CAF CONVENZIONATE CON L’UNIVERSITA’ DI URBINO “CARLO BO” PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUITIVA UNICA A TITOLO GRATUITO PER GLI STUDENTI ISCRITTI
CAF CGIL Scarica PDF
CAF CISL Marche - Sedi Convenzionate Scarica PDF
ELENCO SEDI CAF-CISL Scarica PDF

[aggiornato il 1 luglio 2013]