Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


A.A. Sede
2005/2006

Obiettivi formativi

Il Master intende promuovere un'idea di drammaturgia espansa che partendo dal testo lo faccia esplodere nella macchina scenica confrontandolo - senza stabilire una scala di importanza - con tutti i materiali di uno spettacolo. Come il suono, lo spazio, il corpo dell'interprete, le tecnologie della luce e del video fino alla robotica. E un'idea di drammaturgia che, a partire da una riflessione più strettamente legata alla tradizione letteraria e della messa in scena, si amplia fino a intrordursi in altri territori apparentemente non direttamente collegabili all'area di azione della drammaturgia stessa. Per evocare e tendere ad una drammaturgia ‘plurale’ e ‘collettiva’. Un pensiero e una pratica drammaturgica intervengono perciò anche nel lavoro di (fra gli altri) progettisti, traduttori, urbanisti, musicisti, curatori, cineasti, disegnatori, programmatori, hackers fino ad arrivare a figure professionali che si occupano dell'amministrazione della città, della programmazione di una rete televisiva o radiofonica. Insomma drammaturgia anche come arte del mettere in relazione luoghi, territori, persone diverse. Arte del network e del collettivo. Arte della trasmutazione, trasmigrazione, traduzione. Un'investigazione alla luce anche dell'impatto dello sviluppo tecnologico sul teatro e sull'idea stessa di drammatugia oggi. Lo spettacolo come interfaccia.Grande importanza è data alla necessità continua di creare spazi. Spazi del pensiero e fisici, spazi della rete.
Il master, di primo livello e di durata annuale, intende formare una figura professionale centrale nel teatro europeo e quasi assente nel panorama del teatro italiano, con compiti di ideazione, scelta e coordinamento tra le varie fasi di passaggio dall’oggetto testuale sino alle soglie della scena. Il ruolo del dramaturg può dunque ricoprire molte funzioni: dalla principale attività di selezione e adattamento dei testi per la messa in scena, alla collaborazione con il regista per precisare l’interpretazione delle opere da allestire, alla progettazione e programmazione dell’indirizzo culturale di teatri, festival, rassegne. Scopo del master è dunque formare una figura professionale flessibile, capace di competenze d’ordine teorico e largamente culturale. Per tale ragione il percorso di formazione insisterà specialmente sulla tradizione letteraria teatrale italiana (cinquecentesca e novecentesca in particolare); sugli aspetti e le forme del teatro di narrazione; sulla traduzione e riduzione di testi classici per la scena; sulle strategie drammaturgiche per i media e il teatro. L’esperienza diretta di stage completerà il percorso formativo del dramaturg e fornirà l’opportunità di verificare e mettere a punto strumenti di lavoro che non possono rimanere solo teorici.
8. Progetto generale di articolazione delle attività formative e di perfezionamento e delle attività pratiche e la suddivisione dei relativi crediti. Scheda didattica del Master: ATTIVITÀ FORMATIVE INDISPENSABILI: Settori scientifico-disciplinari (L-FIL-LET/13) 1. La tradizione del teatro del rinascimento (2 moduli: Arbizzoni – Baiardi) (L-FIL-LET/10) 1. Il teatro politico contemporaneo 2. Classicismo e anticlassicismo nel teatro 3. Il teatro del novecento 4. Drammaturgia italiana del ‘900 (2 moduli:Ossani, Kammerer-Galvani) (3 moduli: Zinato, Perusino, Trezza) (3 moduli: Catalano, Mattioli) (2 moduli: Puppa, Monteverdi) (L-LIN/01) 1.Tradurre per il teatro (4 moduli: Arduini, Frasca, Michel, Cauteruccio) (L-ART/05) I modelli della drammaturgia contemporanea (2 moduli: Guccini, Valentini) (L-FIL-LET/14)Riscritture contemporanee del teatro classico (4 moduli: Raffaelli, Danese, Montecchi- Proni, Storch-Ruschkowski) Ambito della formazione specifica e applicata: 24 CFU Scritture per il teatro (L-ART/05) (7 moduli:Balzola, Casagrande-De Nicolò, De Marinis, Fabbri, Gasparotto-Martinini, Montecchi, Sambati) Regia e direzione artistica (L-ART/05)(2 moduli: Paolo Rosa per Studio Azzurro) La narrazione teatrale (L-FIL-LET/10)(4 moduli: Monteverdi, Kammerer-Galvani Porcheddu) Pubblicare teatro (L-FIL-LET/12) (4 moduli: Esposito, Quinz, Zanardi) Drammaturgia e regia (L-ART/05) (5 moduli: Paci Dalò) Drammaturgia per la radio (L-ART/05) (4 moduli: Fava, Frasca, Cortellessa ) Drammaturgia del teatro per ragazzi e teatro di poesia (L-ART/05) (4 moduli: Rondoni, Voltolina, Bazzocchi, Gatella ) Soggetto e sceneggiatura cinematografica e televisiva (L-ART/06) (7 moduli: Di Rienzo, Ruzza, Carloni/France-schetti) Drammaturgia critica e programmazione (L-FIL-LET/10) (3 moduli: Storch-Ruschkowski, De Incontrera, Cannella )
Un luogo come questo richiede la creazione di manufatti. Un master così immaginato non può non essere anche un laboratorio che produca e che presenti pubblicamente questi materiali. Tra i formati da realizzare: spettacolo, cd audio, opera radiofonica, video, libro / quaderno, sito web. Un master-workshop che lavori con ciascuno dei partecipanti.
L’esperienza diretta di stage completerà il percorso formativo del dramaturg e fornirà l’opportunità di verificare e mettere a punto strumenti di lavoro che non possono rimanere solo teorici.

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top