Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


A.A. Sede
2009/2010

Obiettivi formativi

Il Master affronta un percorso formativo atto a fornire gli strumenti per la gestione della comunicazione efficace in ambito formativo, educativo e professionale, permettendo l’acquisizione di competenze in campo sociale, istituzionale e di gestione delle risorse umane, nella mediazione dei conflitti e nella conduzione dei gruppi (orientamento, problem solving, gruppi di lavoro).

Il Master, di alta qualificazione professionale, prevede l’apprendimento esperienziale di abilità di counseling e coaching funzionali al miglioramento delle competenze relazionali dei professionisti che già lavorano in ambiti istituzionali e per coloro che sono in una fase di orientamento lavorativo.

 

Il Master è finalizzato alla qualificazione professionale di coloro che operano nelle organizzazioni pubbliche e private e che debbono incrementare le loro competenze relazionali e di leadership nella gestione dei processi di cambiamento e di soluzione delle situazioni di disagio esistenziale.

Comprensione dei concetti fondamentali del Counseling e del Coaching.

Capacità di usare conoscenze e concetti per ulizzare abilità di Counseling e Coaching in ambito formativo e professionale.

Prerequisiti consigliati/obbligatori, prove di ammissione e/o di orientamento

Saranno ammessi al corso i primi 60 iscritti in ordine di presentazione della domanda d'ammissione. Fa fede il timbro postale di partenza.

La graduatoria degli ammessi sarà affissa all'Albo della Segreteria di Presidenza della Facoltà di Scienze della Formazione - Via Bramante 17 -Urbino.

 

Il corso di master affronterà le seguenti tematiche: La comunicazione educativa: teorie e modelli; l'ascolto attivo; la comunicazione facilitata e le barriere comunicative; la formazione all'assertività e alle competenze pro sociali; analisi transazionale, costruttivismo e processi comunicativi; il conversazionalismo: autobiografie e procedure narrative; teorie dello sviluppo cognitivo e pratica educativa; modelli di apprendimento, intelligenze, sistemi simbolici e processi comunicativi: procedure di ristrutturazione cognitiva nei disturbi della comunicazione e nella gestione dei conflitti; il programma di arricchimento strumentale e le biografie cognitive; differenze individuali nell'apprendimento e nella soluzione dei problemi; l'intelligenza emotiva: come promuoverla in ambito scolastico e professionale; dal recupero alle strategie di apprendimento: la comprensione del testo e la costruzione di mappe cognitive; il cooperative-learning; l'applicazione del counseling nei centri di ascolto in ambito scolastico, comunitario e professionale; il counseling orientativo individuale e di gruppo in ambito professionale; il counseling nelle situazioni di disagio e di difficoltà in ambito educativo ed esistenziale; l'alunno con problemi di ansia e timidezza: strategie comportamentali, relazionali e cognitive di intervento; l'alunno con problemi di iperattività ed aggressività: strategie comportamentali, relazionali e cognitive di intervento. Il bullismo: strategie d'intervento a scuola; problemi d'identità ed alimentazione: interventi psicoeducativi;l'alunno con problemi di demotivazione allo studio: strategie comportamentali, relazionali e cognitive di intervento; principi di programmazione neuro-linguistica (PNL); gli stili relazionali del formatore: tutoring scolastico e mutuo insegnamento; principi di prevenzione scolastica e trattamento delle difficoltà di apprendimento; la formazione dei formatori alla competenza relazionale; principi di mediazione familiare; stili di leadership; leadership formale ed informale; Valori e visioni progettuali della leadership; il leader assertivo e situazionale; empowerment ed autostima; Definire gli obiettivi di cambiamento: implementazione del sentimento di autoefficacia e superamento dei momenti di crisi; ristrutturazione cognitiva come superamento delle convinzioni limitanti; il coaching: procedure e ordini di sviluppo; a costruzione del gruppo di lavoro: creare l'affiatamento in riferimento all'obiettivo comune; a conduzione delle riunioni di lavoro, dei gruppi di problem-solving e brain storming; i conflitti e la loro risoluzione all'interno dei gruppi; la comunicazione efficace in ambito formativo e professionale in relazione ad interlocutori difficili.

La prova finale verterà su un colloquio relativo agli argomenti trattati durante il corso.

Sono previste delle conferenze tenute dal prof. Nanetti, aperte a tutti, sulle tematiche inerenti il corso.

Il calendario degli incontri può essere richiesto all'indirizzo maria.ferri@uniurb.it, oppure telefonando al n. 0722 303746.

 


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top