Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


A.A. Sede
2013/2014

Obiettivi formativi

Il Master, di durata annuale, ha come obiettivo la formazione di una figura professionale con funzione di coordinamento, progettazione ed attuazione nel campo dell'informazione culturale. Si tratta di un settore in espansione, che va dall’ambito degli uffici stampa per gli eventi culturali e di case editrici, alle nuove forme del giornalismo culturale, specialmente in digitale. Particolare attenzione è rivolta alla gestione redazionale delle pagine elettroniche degli inserti di quotidiani e periodici, ai periodici online, all’informazione culturale nei new media e nei social network. Scopo del Master è quindi fornire strumenti adeguati per una professionalità all'avanguardia nel panorama dell'imprenditoria e del mercato dell'informazione culturale. Il programma didattico prevede anche il raggiungimento di una adeguata preparazione nella gestione di prodotti digitali, con riferimento a tipologie quali riviste elettroniche, blogs, booktrailers, portali di case editrici e periodici, portali di distribuzione commerciale di prodotti culturali che si occupino anche dei relativi servizi di informazione. Per i tratti al tempo stesso specifici e assai articolati del campo in cui opera, l'informazione culturale si differenzia rispetto ad altri generi di giornalismo. Il relativo lavoro richiede dunque una solida preparazione di base, una conoscenza approfondita e costantemente aggiornata del panorama culturale italiano e internazionale, insieme alla capacità di tradurre in termini progettuali e produttivi l'esperienza acquisita.

Ufficio stampa per la cultura (gestione di eventi culturali e ufficio stampa in campo editoriale); nuove forme di redazione culturale nei quotidiani e nei periodici, specialmente in ambito digitale; programmi culturali nelle radio e nelle televisioni; gestione di siti web e di social network per l'informazione culturale; informazione culturale nei siti di e-commerce.

Il piano formativo si articola in una serie di lezioni frontali, con relativi laboratori ed esercitazioni; nella produzione ed eventuale pubblicazione di lavori nel campo del giornalismo culturale; in stages compiuti presso aziende che operano nell’informazione culturale e redazioni culturali. Le aree tematiche e disciplinari riguarderanno: La redazione culturale, l'informazione culturale e il testo (8 crediti) Ufficio stampa per la cultura : Festival culturali, Fiere del libro, Case editrici, Turismo culturale e valorizzazione del territorio (20 crediti) Editoria digitale e new media (6 crediti) I restanti 26 crediti, necessari per raggiungere il totale dei 60 crediti formativi universitari (CFU) richiesti, saranno conseguiti attraverso la partecipazione attiva, dal punto di vista giornalistico, ad eventi culturali, la partecipazione a seminari, esercitazioni nell’informazione culturale, pubblicazioni, produzioni multimediali o altre iniziative didattiche presso Università ed Enti culturali italiani e stranieri, nonché attraverso la partecipazione ad uno stage almeno trimestrale (o, in alternativa, l'elaborazione di un project work) (16 CFU) e attraverso una prova finale consistente nella discussione di un elaborato scritto (10 CFU). Il Master si svolgerà nel periodo compreso tra marzo 2014 e marzo 2015. Le attività avranno luogo presso la sede dell’Università di Urbino "Carlo Bo" in Via Veterani n. 36 e nell'aula informatica in via Saffi n. 15:  le lezioni si terranno nei giorni di giovedì pomeriggio (15-19), venerdì (9-13 15-19) e sabato (9-13). La discussione della prova finale è prevista nel periodo tra marzo e giugno 2015. Al termine dei corsi sono previste prove di accertamento scritte, orali o pratiche. Il superamento delle prove consentirà agli studenti di accedere agli stages di cui sopra, presso periodici, radio, televisioni, uffici stampa, case editrici o altre aziende convenzionate, ove operino redazioni culturali. L’attività svolta in sede di stage verrà inoltre valutata con la presentazione di un elaborato scritto da discutersi in sede di prova finale. Chi non svolga attività di stage dovrà comunque presentare, ai fini del conseguimento del titolo, un project work relativo alla figura professionale delineata dal Master, oltre a un elaborato scritto su argomento concordato con il Comitato Scientifico del Master, da discutersi in sede di prova finale. Chi non svolga attività di stage dovrà comunque presentare, ai fini del conseguimento del titolo, un project work relativo alla figura professionale delineata dal Master, oltre a un elaborato scritto su argomento concordato con il Comitato Scientifico del Master, da discutersi in sede di prova finale. La frequenza del Master, per almeno i 2/3 delle singole attività, e il superamento delle prove consentono l’acquisizione di 60 crediti formativi universitari (CFU) ed il rilascio del  titolo di Master Universitario di Primo Livello in Professionisti dell’Informazione Culturale: redazione, ufficio stampa, new media, previo superamento della prova  finale. Enti e testate giornalistiche convezionati per lo stage: Wuz, L’Indice, Delos Servizi per la Cultura, RAI, Tv 2000, Codice Idee per la Cultura, L’Europeo, Il Mucchio Selvaggio, Tele Capodistria, BlogTV, Hamelin, Amadeus,  Stilema, Il Circolo dei Lettori, Librerie Coop , S. Paolo Distribuzione.   Docenti Il corpo docente è costituito in maggioranza da professionisti nel campo dell'informazione culturale; fra i titolari di insegnamento: GUIDO BARBIERI (Radiotre Suite) VITTORIO BO (Codice. Idee per la Cultura) GIORGIO BOATTI (La Stampa) FRANCESCA BORRELLI (Alias - Il Manifesto) ANNARITA BRIGANTI (giornalista) MARIA TERESA CARBONE (Alfabeta2) GRAZIA CASAGRANDE (consulente editoria digitale ed e-commerce) CARLA COLMEGNA (La Provincia) MARIO DESIATI (scrittore) MARCO DOTTI (saggista e consulente editoriale) ANNA GILARDI (Stilema) ALESSANDRO GRAZIOLI (Minimum fax) ARMANDO MASSARENTI (Il Sole 24 ORE) PAOLA NOBILE (Delos. Servizi per la Cultura) VALERIA PALUMBO (giornalista) MASSIMO RAFFAELI (saggista) SAVERIO SIMONELLI (TV 2000) MARINO SINIBALDI (Radiotre RAI) ANTONO SPADARO (Civiltà Cattolica) DOMENICO STARNONE (giornalista e scrittore) ILARIA TONTARDINI (Hamelin) ALESSIO TORINO (scrittore) EMANUELE TREVI (giornalista e scrittore) CAMILLA VALLETTI (L’Indice) FRANCESCA VANNUCCHI (Università di Roma 'Tor Vergata') ALESSANDRO ZACCURI (L'Avvenire) FABIO ZUCCHELLA (Pulp libri)

L’INPS (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale) ha accreditato il Master di 6 (sei ) borse di studio  a copertura totale o parziale dei costi di contribuzione. Le borse sono riservate ai dipendenti della pubblica amministrazione iscritti all’INPS o ai loro figli (e orfani), ai dipendenti dell’INPS, ai figli e orfani di pensionati INPS. Sul sito dell’INPS è disponibile il  Bando di Concorso INPS  per l’attribuzione delle borse all’indirizzo Internet: http://www.inps.it/portale/default.aspx?sID=%3b0%3b9154%3b9155%3b&lastMenu=9155&iMenu=1&itemDir=9329 Gli iscritti al Master, per finanziare le spese di partecipazione, possono usufruire del prestito d’onore dell’Ateneo, con le modalità consultabili sul sito internet (www.uniurb.it/it/prestitodonore)


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top