Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


TEORIA E LINGUAGGI DELLA PUBBLICITÀ
THEORIES OF ADVERTISING LANGUAGES

Linguaggi promozionali, intrattenimento e contemporaneità
Promotional languages, entertainment and advertising

A.A. CFU
2016/2017 8
Docente Email Ricevimento studenti
Stefania Antonioni mercoledì ore 13-15 previo appuntamento
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Informazione, Media, Pubblicità (L-20)
Curriculum: COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso si propone di fornire gli strumenti necessari ad un inquadramento di tipo teorico del legame tra le varie forme che la pubblicità e i linguaggi promozionali hanno assunto, nel corso del tempo, e la società. Un ulteriore obiettivo è permettere di sviluppare un pensiero critico su alcune forme di pubblicità attuali, cercando di coItivare un atteggiamento creativo nel rispetto dei pubblici di riferimento e delle loro diversità. In questo senso si analizzeranno le varie modalità, i linguaggi e le forme che oggi debbono essere considerate efficaci per una complessa e completa pianificazione media. L'intento è infatti quello di formare dei futuri professionisti della comunicazione e della pubblicità in grado di sapere leggere le tendenze della società contemporanea, facendo riferimento alle sensibilità da essa espresse.

Programma

Gli argomenti affrontati riguarderanno piani e momenti diversi. Nel corso delle prime lezioni si attuerà un excursus attraverso varie forme e linguaggi pubblicitari succedutisi nel corso del tempo, focalizzandosi sul concetto di effetto e sulla sua ipotetica misurazione. In una seconda fase del corso si proporrà il concetto di sincronizzazione tra società e pubblicità, facendo riferimento a casi concreti di successo e di insuccesso. Nell'ultima parte del corso ci si focalizzerà sugli aspetti più tecnici di costruzione della strategia pubblicitaria, anche attraverso lavori di gruppo tesi alla definizione e alla pianificazione di una pianificazione strategica completa. 

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Gli studenti devono conseguire:
1. Conoscenze e capacità di comprensione: delle forme e dei linguaggi della comunicazione promozionale nella società complessa attraverso l'acquisizione di competenze sui principali modelli e teorie di riferimento in ambito pubblicitario.
1.1. Gli studenti conseguono tali conoscenze di base attraverso la frequenza delle lezioni, lo studio dei testi discussi in aula e gli esempi proposti.
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: attraverso l'analisi dei linguaggi promozionali e del loro legame con i gruppi sociali di riferimento e della pianificazione della comunicazione.
2.1. Competenze acquisite attraverso momenti di esercitazione laboratoriale in aula.
3. Capacità di giudizio: riflessione critica sulle dinamiche evolutive della comunicazione pubblicitaria e del suo impatto sulla società digitale.
3.1. Tale capacità di giudizio dovrà essere applicata nel confronto in aula con il docente e i colleghi, durante le esercitazioni e nella preparazione dell'esame finale.
4. Abilità comunicative: gli studenti sono chiamati ad interagire in aula attraverso domande, scambi con i compagni di studio, stesura di brevi presentazioni in fase di esercitazione.
4.1. Abilità che si esercita in aula con l'organizzazione di momenti di discussione, di esercitazione e di presentazione.
5. Capacità di apprendimento: agli studenti viene richiesto di adottare un metodo di apprendimento critico capace di connettere competenze teoriche e analisi empirica, orientandosi alla specificazione di un pensiero autonomo.
5.1. Abilità da potenziare grazie all'argomentazione con il docente e con i compagni di corso.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Lezioni frontali che prevedono la presentazione di case histories, l'utilizzo di materiali video, esercitazioni in aula, lavori di gruppo.


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali, studi di caso, esercitazioni. Verrà inoltre proposto un caso concreto, sul quale lavorare in gruppo, e che dovrà portare alla ideazione di una strategia comunicativa completa per il lancio di un prodotto.

Obblighi

Partecipazione ad almeno i tre quarti delle ore di lezione, partecipazione ai lavori di gruppo in aula e studio dei testi in programma.

Testi di studio

- Antonioni S., Pubblicittà. Forme pubblicitarie del moderno, FrancoAngeli, Milano, 2012.
- Lombardi M., La strategia in pubblicità. Manuale di tecnica multimediale: dai media classici al digitale, FrancoAngeli, Milano, 2014 (le sole parti indicate a lezione).
- Antonioni S., Imagining. Serialità, narrazioni cinematogradiche e fotografia nella pubblicità contemporanea, FrancoAngeli, Milano, 2016.
- Codeluppi V., Storia della pubblicità italiana, Carocci, Roma, 2013.


Altri articoli e saggi di approfondimento potranno essere suggeriti durante lo svolgimento delle lezioni
  

Modalità di
accertamento

La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso una prova orale.

Il  colloquio orale individuale sarà basato sui testi di riferimento per l’esame, e sarà volto a valutare sia l'apprendimento dei contenuti da parte dello studente sia la sua capacità di rielaborazione e di argomentazione.

Daranno luogo a valutazioni di eccellenza: il possesso da parte dello studente di buone capacità critiche e di approfondimento; il saper collegare tra loro le principali tematiche affrontate nel corso; l’uso di un linguaggio appropriato rispetto alla specificità della disciplina.

Daranno luogo a valutazioni discrete: il possesso da parte dello studente di una conoscenza mnemonica dei contenuti; una relativa capacità critica e di collegamento tra i temi trattati: l’uso di un linguaggio appropriato.

Daranno luogo a valutazioni sufficienti: il raggiungimento di un bagaglio di conoscenze minimale sui temi trattati da parte dello studente, pur in presenza di alcune lacune formative; l’uso di un linguaggio non pienamente appropriato.

Daranno luogo a valutazioni negative: difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d'esame; lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato”.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Studio individuale dei testi di studio in programma.

Testi di studio

- Antonioni S., Pubblicittà. Forme pubblicitarie del moderno, FrancoAngeli, Milano, 2012.
- Lombardi M., La strategie in pubblicità. Manuale di tecnica multimediale: dai media classici al digitale, FrancoAngeli, Milano, 2014.
- Antonioni S., Imagining. Serialità, narrazioni cinematogradiche e fotografia nella pubblicità contemporanea, FrancoAngeli, Milano, 2016.
- Codeluppi V., Storia della pubblicità italiana, Carocci, Roma, 2013.

Modalità di
accertamento

La verifica dell’apprendimento avverrà attraverso una prova orale.

Il colloquio orale individuale sarà basato sui testi di riferimento per l’esame, e sarà volto a valutare sia l'apprendimento dei contenuti da parte dello studente sia la sua capacità di rielaborazione e di argomentazione.

Daranno luogo a valutazioni di eccellenza: il possesso da parte dello studente di buone capacità critiche e di approfondimento; il saper collegare tra loro le principali tematiche affrontate nel corso; l’uso di un linguaggio appropriato rispetto alla specificità della disciplina.

Daranno luogo a valutazioni discrete: il possesso da parte dello studente di una conoscenza mnemonica dei contenuti; una relativa capacità critica e di collegamento tra i temi trattati: l’uso di un linguaggio appropriato.

Daranno luogo a valutazioni sufficienti: il raggiungimento di un bagaglio di conoscenze minimale sui temi trattati da parte dello studente, pur in presenza di alcune lacune formative; l’uso di un linguaggio non pienamente appropriato.

Daranno luogo a valutazioni negative: difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d'esame; lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato”.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 23/11/16


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top