Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


DIRITTO DEL LAVORO
LABOUR LAW

Diritto del lavoro
Labour law

A.A. CFU
2017/2018 12
Docente Email Ricevimento studenti
Paolo Pascucci Il docente riceverà gli studenti prima e dopo le lezioni che si terranno tutte le settimane il martedì (h. 17-19), il mercoledì (h. 14-16) ed il giovedì (h. 9-11), fatte salve eventuali modifiche di cui sarà data comunicazione con congruo preavviso

Assegnato al Corso di Studio

Giurisprudenza (LMG/01)
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

PARTE GENERALE

Lo scopo essenziale del corso, relativamente alla parte generale del medesimo, è fornire agli studenti conoscenze e competenze particolarmente approfondite per comprendere i fondamenti del Diritto sindacale e del rapporto individuale di lavoro e le particolari tecniche regolative che caratterizzano la materia, nonché gli strumenti metodologici per affrontare e risolvere le principali questioni applicative in campo giuslavoristico. Le predette conoscenze e competenze consentono agli studenti di cogliere appieno i fondamenti dei diritti dei lavoratori e, soprattutto, come tali diritti possano essere concretamente goduti ed esercitati tenendo conto della peculiare complessità degli interessi presenti sul piano del rapporto di lavoro (in particolar modo quelli del datore di lavoro). Il possesso delle predette capacità si rivela essenziale per svolgere con competenza ed equilibrio le attività professionali a cui prepara il corso di studio (magistrato, avvocato, consulente giuridico aziendale). 

PARTE SPECIALE
Considerata la peculiare rilevanza ed attualità della tematica della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, anche in considerazione della particolare importanza che tale materia rivieste nelle attività di ricerca e di terza missione del Dipartimento di Giurisprudenza (Osservatorio Olympus), una parte specifica del corso sarà dedicata ad illustrare le principali questioni di tale disciplina, con specifico riferimento al d.lgs. n. 81/2008, al fine di far cogliere le peculiarità e le problematicità dell'applicazione della disciplina prevenzionistica nei luoghi di lavoro, la cui conoscenza si sta rivelando sempre più essenziale nello svolgimento delle attività professionali connesse al diritto del lavoro.     


 

Programma

PARTE GENERALE

a) Diritto sindacale
Introduzione storica - Le fonti del diritto del lavoro – La libertà sindacale - L'organizzazione sindacale - La rappresentanza e la rappresentatività sindacale - L'attività sindacale nei luoghi di lavoro - La tipologia del contratto collettivo - Il contratto collettivo di diritto comune – La contrattazione collettiva nel settore privato e nel settore pubblico - Il diritto di sciopero - La disciplina dello sciopero nei servizi pubblici essenziali - La serrata.

b) Diritto del rapporto individuale di lavoro
Il lavoro subordinato - I rapporti speciali di lavoro - Il contratto di lavoro – I servizi per l'impiego - La disciplina della domanda di lavoro flessibile – Gli obblighi del lavoratore e i poteri del datore di lavoro - La durata della prestazione di lavoro - La retribuzione e le altre attribuzioni patrimoniali - La sospensione del rapporto di lavoro – Le modificazioni soggettive del rapporto di lavoro - Il lavoro delle donne e dei minori - I licenziamenti individuali - L'intervento pubblico a tutela dell'occupazione - I licenziamenti collettivi - Le garanzie dei diritti dei lavoratori.

Nell’ambito del corso, 6 ore (1 CFU) saranno dedicate allo studio della casistica giurisprudenziale ed all’apprendimento della metodologia necessaria a tale studio.

PARTE SPECIALE

c) Diritto della salute e sicurezza dei lavoratori
Analisi dei principi fondamentali della disciplina della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (art. 2087 c.c.; artt. 32 e 41 Cost.; direttiva n. 89/391/CE; d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.).

Eventuali Propedeuticità

Istituzioni di diritto privato
Diritto costituzionale

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Conoscenza e comprensione (knowledge and understanding)

Il laureato in Giurisprudenza che abbia sostenuto l'esame di Diritto del lavoro ha:
- completa conoscenza e capacità di comprensione dei settori giuridici di base;
- approfondita conoscenza delle norme fondamentali del diritto del lavoro e dei suoi principali istituti, così come emergono nell'ordinamento internazionale, comunitario e nazionale;
- conoscenza delle procedure di risoluzione giudiziale e stragiudiziale delle controversie in materia di lavoro;
- capacità di comprendere finalità, contesti e conseguenze delle politiche del diritto in materia di lavoro;
- capacità di elaborare documenti giuridici nell ambito di contesti negoziali, stragiudiziali e giudiziali relativamente alla materia lavoristica.
 
 

Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)

Il laureato in Giurisprudenza che abbia sostenuto l'esame di Diritto del lavoro ha:
- la capacità di interpretare ed applicare le norme dell ordinamento giuridico lavoristico nazionale, comunitario ed internazionale;
- la capacità di reperire, anche tramite banche dati, comprendere e utilizzare le fonti del diritto del lavoro, la giurisprudenza in materia di lavoro ed i dati rilevanti specialmente in relazione al mercato del lavoro ed alla sicurezza sul lavoro. L'acquisizione dei suddetti requisiti sarà verificata tramite le seguenti modalità: esercitazioni su casi giurisprudenziali; prove intermedie ed esami finali dei singoli corsi; il risultato degli eventuali tirocini e di altre esperienze formative organizzate nell ambito del corso di studi.

Autonomia di giudizio (making judgements)

Il laureato in Giurisprudenza che abbia sostenuto l'esame di Diritto del lavoro ha:

capacità interpretativa, di analisi casistica e di qualificazione del rapporto tra fatti di realtà e fattispecie legale, in modo da poter riuscire ad identificare, rappresentare e risolvere problemi connessi alla tutela dei diritti dei lavoratori e di risoluzione dei conflitti di lavoro interindividuali (relativi al singolo rapporto individuale di lavoro) e collettivi (relativi a questioni connesse alla contrattazione collettiva di categoria o aziendale), anche al fine di produrre testi normativi, negoziali, processuali che siano chiari, pertinenti ed efficaci.

Abilità comunicative (communication skills)

Il laureato in Giurisprudenza che abbia sostenuto l'esame di Diritto del lavoro ha:

capacità di descrivere ed approfondire i problemi giuridici relativi al Diritto del lavoro nel rapporto sia con operatori e soggetti professionali, sia con potenziali clienti o soggetti comunque interessati; capacità di illustrare i percorsi logico-giuridici che portano alla soluzione dei problemi teorici ed applicativi posti; capacità di convincimento e di esposizione delle argomentazioni, anche in contraddittorio con altri soggetti qualificati.

Capacità di apprendimento (learning skills)

Il laureato in Giurisprudenza che abbia sostenuto l'esame di Diritto del lavoro ha:

acquisito le capacità e gli strumenti di base per l'aggiornamento costante delle proprie competenze in materia giuslavoristica; capacità di comprendere la complessità dei fenomeni giuridici nel campo dei rapporti di lavoro; capacità di seguire autonomamente l'evoluzione del diritto del lavoro vivente (giurisprudenza lavoristica di merito e di legittimità) e di approfondirlo utilizzando tutte le conoscenze, anche strumentali, necessarie ed acquisite durante il corso di studi.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Seminari di approfondimento/Laboratorio di diritto vivente

Il materiale didattico e le comunicazioni specifiche del docente sono reperibili, assieme ad altre attività di supporto, all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Il corso si svolgerà nel Primo Semestre e consisterà in lezioni frontali e seminari di approfondimento.

Nell’ambito del corso, 6 ore (1 CFU) saranno dedicate allo studio della casistica giurisprudenziale ed all’apprendimento della metodologia necessaria a tale studio

Obblighi

Gli studenti frequentanti debbono presentarsi a lezione con un codice del lavoro o, almeno, con un codice civile contenente le principali leggi in materia lavoristica (Statuto dei lavoratori ecc.).  

Testi di studio

PARTE GENERALE

a) per il Diritto sindacale: G. GIUGNI, Diritto sindacale (Aggiornato da L. Bellardi, P. Curzio, V. Leccese), Bari, Cacucci, ultima edizione.

e
b) per il Diritto del rapporto individuale di lavoro: E. GHERA, A. GARILLI, D. GAROFALO, Diritto del lavoro, Torino, G. Giappichelli Editore, ultima edizione.

o, in alternativa,  

sia per a) Diritto sindacale, sia per b) Diritto del rapporto individuale di lavoro: O. MAZZOTTA, Diritto del lavoro, Padova, Cedam, 2017. N.B. Gli studenti frequentanti che abbiano superato la prova scritta di verifica sul Diritto sindacale (a) e che intendano adottare, ai fini della preparazione relativa al Diritto del rapporto individuale di lavoro (b) il manuale di O. MAZZOTTA, dovranno studiare le pagg.da 179 a 667 del suddetto testo.

PARTE SPECIALE


c) per il Diritto della salute e sicurezza dei lavoratori: P. PASCUCCI, La tutela della salute e della sicurezza sul lavoro: il Titolo I del d.lgs. n. 81/2008 dopo il Jobs Act (nuova edizione aggiornata al 1° novembre 2017), Fano, Aras Edizioni, 2017 (limitatamente alle parti di testo scritte in caratteri più grandi)


Per la consultazione delle fonti si consiglia vivamente l'uso di un Codice aggiornato di Diritto del lavoro.

Modalità di
accertamento

Ogni studente, frequentante e non, ha diritto di sostenere la prova di esame finale esclusivamente mediante una discussione orale avente ad oggetto le tematiche trattate nei tre testi di riferimento sopra indicati. La modalità del colloquio orale consente di valutare nel modo più completo, oltre che la capacità comunicativa dello studente, l'acquisizione delle capacità analitiche e critiche richieste allo studente in considerazione della complessità delle tematiche e delle argomentazioni oggetto del corso di cui egli deve dimostrare la conoscenza e la comprensione.

Nella predetta discussione, i risultati di apprendimento attesi saranno valutati mediante la formulazione di tre o più domande. I criteri di valutazione e i punteggi sono determinati secondo la seguente scala:

  • meno di 18/30 - livello insufficiente: il candidato non raggiunge nessuno dei risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;
  • 18-20/30 - livello sufficiente: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;
  • 21-23/30 - livello pienamente sufficiente: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione” e “conoscenza e capacità di comprensione applicate”;
  • 24-26/30 - livello buono: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate” e “autonomia di giudizio”;
  • 27-29/30 - livello molto buono: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio” e “abilità comunicative”;
  • 30-30 e lode - livello eccellente: il candidato raggiunge pienamente i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio”; “abilità comunicative” e “capacità di apprendere”. 

N.B. Soltanto agli studenti che frequenteranno assiduamente l'intero corso è riservata la facoltà di sostenere una prova scritta (15 test a risposte multiple) di verifica sul Diritto sindacale (a) che si svolgerà al termine della prima parte del corso medesimo: per coloro che superino positivamente tale prova scritta, la prova di esame finale consisterà nella discussione orale solo sulle tematiche relative al Diritto del rapporto individuale di lavoro (b) ed al Diritto della salute e sicurezza dei lavoratori (c) alla luce dei testi di studio sopra indicati. La valutazione della prova scritta è in trentesimi, con la seguente graduazione: 8 risposte esatte=18; 9 risposte esatte=19-20; 10 risposte esatte=21-22; 11 risposte esatte=23-24; 12 risposte esatte=25-26; 13 risposte esatte=27-28; 14 risposte esatte=29-30; 15 risposte esatte=30 e lode. In ogni caso, lo studente è libero di avvalersi o meno dell'esito della prova scritta e lo comunicherà alla commissione di esame all'inizio del colloquio di esame finale. Per coloro che non superino positivamente la prova scritta o per coloro che, pur avendola superata, abbiano riportato un voto che non li soddisfi, la prova di esame finale consisterà nella discussione orale su tutto il programma (a, b, c).

In ogni caso, lo studente potrà avvalersi dell'esito della prova scritta esclusivamente entro e non oltre l'ultimo appello della prima sessione di esami successiva al termine del corso di lezioni.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

//

Obblighi

//

Testi di studio

PARTE GENERALE

a) per il Diritto sindacale: G. GIUGNI, Diritto sindacale (Aggiornato da L. Bellardi, P. Curzio, V. Leccese), Bari, Cacucci, ultima edizione.

e
b) per il Diritto del rapporto individuale di lavoro: E. GHERA, A. GARILLI, D. GAROFALO, Diritto del lavoro, Torino, G. Giappichelli Editore, ultima edizione.

o, in alternativa,  

sia per a) Diritto sindacale, sia per b) Diritto del rapporto individuale di lavoro: O. MAZZOTTA, Diritto del lavoro, Padova, Cedam, 2017

PARTE SPECIALE


c) per il Diritto della salute e sicurezza dei lavoratori: P. PASCUCCI, La tutela della salute e della sicurezza sul lavoro: il Titolo I del d.lgs. n. 81/2008 dopo il Jobs Act (nuova edizione aggiornata al 1° novembre 2017), Fano, Aras Edizioni, 2017 (limitatamente alle parti di testo scritte in caratteri più grandi)


Per la consultazione delle fonti si consiglia vivamente l'uso di un Codice aggiornato di Diritto del lavoro.

Modalità di
accertamento

L'accertamento della preparazione avverrà mediante una discussione orale avente ad oggetto le tematiche trattate nei tre testi di riferimento sopra indicati. La modalità del colloquio orale consente di valutare nel modo più completo, oltre che la capacità comunicativa dello studente, l'acquisizione delle capacità analitiche e critiche richieste allo studente in considerazione della complessità delle tematiche e delle argomentazioni oggetto del corso di cui egli deve dimostrare la conoscenza e la comprensione.

Nella predetta discussione, i risultati di apprendimento attesi saranno valutati mediante la formulazione di tre o più domande. I criteri di valutazione e i punteggi sono determinati secondo la seguente scala:

  • meno di 18/30 - livello insufficiente: il candidato non raggiunge nessuno dei risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;
  • 18-20/30 - livello sufficiente: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;
  • 21-23/30 - livello pienamente sufficiente: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione” e “conoscenza e capacità di comprensione applicate”;
  • 24-26/30 - livello buono: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate” e “autonomia di giudizio”;
  • 27-29/30 - livello molto buono: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio” e “abilità comunicative”;
  • 30-30 e lode - livello eccellente: il candidato raggiunge pienamente i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio”; “abilità comunicative” e “capacità di apprendere”. 

Note

* Le tesi di laurea in Diritto del lavoro verranno assegnate preferibilmente agli studenti che abbiano frequentato assiduamente le lezioni ed i seminari.


** Per gli studenti iscritti al Corso di laurea triennale in Scienze giuridiche il programma del corso è limitato alla PARTE GENERALE: pertanto, per la preparazione dell'esame è richiesto lo studio soltanto dei testi sub a) e b).  


*** Per gli studenti iscritti al corso di laurea triennale in Scienze politiche, per i quali l'esame di Diritto del lavoro è di 6 CFU, il programma del corso è limitato alla PARTE GENERALE: N.B.: all'inizio del corso di lezioni il docente comunicherà a tali studenti le parti dei testi sub a) e b) che dovranno studiare per la preparazione dell'esame.


**** Gli studenti provenienti dal corso di laurea triennale in Scienze giuridiche nel cui ambito abbiano già sostenuto l'esame di Diritto del lavoro (9 CFU) e che siano poi passati al corso di laurea magistrale in Giurisprudenza assolveranno il debito formativo di 3 CFU mediante lo studio del testo sub c).


**** Si fa presente che i diritti d'autore relativi al testo sub c) sono interamente devoluti ai fondi dell'Osservatorio "Olympus" per il monitoraggio permanente sulla legislazione e giurisprudenza sulla sicurezza del lavoro (http://olympus.uniurb.it).

Per quanto concerne lo studio del Diritto della sicurezza sul lavoro (parte speciale del corso) si fa presente che nel Dipartimento è attivo l’Osservatorio Olympus per il monitoraggio permanente della legislazione e della giurisprudenza in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. L'Osservatorio svolge varie attività tra cui, in particolare: la gestione di un sito web con banche dati legislative, giurisprudenziali e contrattuali in materia di sicurezza sul lavoro; approfondimenti e articoli, rassegne specialistiche e "focus" tematici; la gestione di 2 riviste scientifiche on line - "I Working Papers di Olympus" (2011-2015) e "Diritto della Sicurezza sul Lavoro" - in materia di diritto della sicurezza nei luoghi di lavoro, che si avvalgono di un'ampio comitato scientifico internazionale e di procedure di referaggio per la individuazione dei saggi da pubblicare; l'organizzazione di eventi convegnistici e seminariali anche di carattere internazionale. Tale Osservatorio, il cui sito web è liberamente accessibile a tutti in una logica di servizio pubblico, consente agli studenti del corso di studio di reperire materiali e documentazione utili al proprio percorso di studio ed alla redazione delle tesi di laurea. Offre, altresì, tramite i menzionati incontri convegnistici e seminariali, i cui atti sono pubblicati nel sito, la possibilità di confrontarsi con i maggiori esperti della materia e di analizzare approfonditamente le questioni più delicate attinenti ad essa. http://olympus.uniurb.it/

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 21/09/17


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top