Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


LABORATORIO DI DIDATTICA SPECIALE
WORKSHOP: SPECIAL DIDACTICS

Prassi educativa speciale
Special didattics practices

A.A. CFU
2018/2019 2
Docente Email Ricevimento studenti
Francesca Salis pre e post incontro
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Scienze della Formazione Primaria (LM-85bis)
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

 In relazione all'orientamento teorico post-costruttivista le attività laboratoriali sono orientate a guidare lo studente/ la studentessa a saper fattivamente  progettare , attuare e coordinare interventi didattico/formativi volti all’inclusione. In particolare:

·  Saper individuare possibilità di cooperazione interistituzionale - tra scuola ed extrascuola per la realizzazione di percorsi formativi attivi e personalizzati a favore delle persone con bisogni speciali.

·  Progettare dinamiche inclusive specifiche per le persone con disabilità cognitiva

·  Essere in grado di proporre e valutare soluzioni organizzative e didattiche per la differenziazione scolastica: individualizzazione e personalizzazione.

·  Conoscere e rendere operative metodologie e strategie didattiche con finalità inclusive come il cooperative learning,  le classi aperte,  la didattica con approccio laboratoriale, gli atelier creativi e di riflessione razionale.

·   Saper realizzare attività in rete in sinergia con le risorse del territorio: ambienti naturali e istituzioni culturali locali (biblioteche, musei, mediateche, ludoteche, associazioni culturali e del privato sociale ecc.).

Programma

Il lavoro si svolgerà per gruppi secondo la metodologia delle cooperative learning e del learning by doing: gli studenti impareranno ad utilizzare in maniera pedagogicamente e didatticamente consapevole gli strumenti e le risorse presentate. Attraverso studi di caso, analisi della documentazione, esercitazioni, role playng formativo, attività di progettazione didattica, narrazioni, gli studenti saranno invitati a progettare e valutare esperienze di apprendimentoselezionando le strategie didattiche più appropriate e attuando percorsi personalizzati che obbligatoriamente portino alla realizzazione di un oggetto didattico

Sullo sfondo delle attività formative è presente il riferimento  al documento elaborato dalla European Agency for Development in Special Needs Education “Profilo dei docenti inclusivi”, 2012,  dove vengono delineati quattro valori di riferimento che delineano il profilo del docente inclusivo:

·  valutare la diversità degli alunni: la differenza tra gli alunni è una risorsa e una ricchezza;

·  sostenere gli alunni: i docenti devono coltivare aspettative alte sul successo scolastico degli studenti;

·  lavorare con gli altri: la collaborazione e il lavoro di gruppo sono approcci essenziali per tutti i docenti;

·  garantire l'aggiornamento professionale continuo: l’insegnamento è una attività di apprendimento e i docenti hanno la responsabilità del proprio apprendimento permanente per tutto l’arco della vita.

Eventuali Propedeuticità

Conoscenze psicopedagogiche e didattiche  di base e delle principali correnti filosofiche e pedagogiche del pensiero occidentale

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

In rapporto alla disciplina lo studente deve mostrare il possesso:
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.

Al termine del corso, lo studente avrà acquisito le competenze di base che sono necessarie per progettare , attuare e coordinare interventi didattico/formativi volti all’inclusione:

-  Conoscenza e capacità di comprensione dei contenuti proposti (knowledge and understanding) gli sviluppi storici della didattica; i principi dell’apprendimento, le teorie dell’istruzione, il curriculum e la pianificazione, le strategie didattiche, le tecnologie didattiche,  la gestione dei gruppi di apprendimento, la motivazione, la valutazione. 
;

-   Capacità di applicazione e comprensione (applying knowledge and understanding);

 

Saper individuare possibilità di cooperazione interistituzionale - tra scuola ed extrascuola per la realizzazione di percorsi formativi attivi e personalizzati a favore delle persone con bisogni speciali.

Essere in grado di proporre e valutare soluzioni organizzative e didattiche per la differenziazione scolastica: individualizzazione e personalizzazione tramite cooperative  learning, classi aperte, laboratori e atelier, attività negli ambienti naturali e nelle istituzioni culturali locali (biblioteche, musei, mediateche, ludoteche, associazioni culturali e di volontariato,ecc.).

Saper attivare procedure e richiedere/sollecitare interventi di varia natura (diagnostici, riabilitativi, formativi, ecc.),a vantaggio di persone interessate da disabilità e BES, avvalendosi della normativa vigente e delle risorse istituzionali disponibili.

-  Abilità comunicative (communication skills);

Conoscere le tecnologie che possono potenziare le capacità comunicative, intellettive e di apprendimento delle persone con bisogni speciali.

Conoscere i siti, le sedi e le pubblicazioni delle principali associazioni e delle istituzioni che offrono informazioni, consulenza, aiuti e servizi ai disabili, ai soggetti

-  Autonomia di giudizio (making judgements) Gli studenti saranno in grado di: valutare esperienze di apprendimento, selezionare le strategie didattiche più appropriate, valutare eventi e individuare le questioni chiave rilevanti per il successo formativo. 

-  Capacità di apprendere (learning skills) Gli studenti impareranno a ricercare nuove risorse educative in ottica inclusiva e a collaborare nella progettazione e gestione di eventi formativi.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

lezione dialogata e partecipata, supportata da esemplificazioni didattiche ; esercitazioni; lavori di gruppo, proiezione di filmati; dibattiti su tematiche specifiche, produzione di oggetti didattici in itinere, individuali e di gruppo

Obblighi

non è previsto obbligo di frequenza.

Testi di studio

F. Salis, La persona con Sindrome di Down. Riflessioni di Pedagogia e Didattica Speciale per una presa in carico globale nella prospettiva inclusiva. Anicia, Roma, 2017.( pp.191)

P. Gaspari, Pedagogia speciale e “Bes”. Spunti per una riflessione critica verso la scuola inclusiva, Anicia, Roma, 2014. (pp. 246)

F. Salis, Disabilità cognitiva e narrazione. Il contributo in Pedagogia speciale, Anicia, Roma, 2016.  (pp.140)

D. Milito, F. Salis, Processi e strumenti per una didattica inclusiva, Anicia, Roma, 2017. (pp.285)

Modalità di
accertamento

L’esame di Didattica speciale prevede una prova scritta di fine corso con 5 domande a scelta multipla, ed un elaborato che rappresenti o un progetto inclusivo, ola simulata di uno studio di caso. L’esito dello scritto fornirà il voto che potrà essere verbalizzato o integrato con un esame orale.

Attenzione: gli esiti della prova scritta di fine corso possono essere verbalizzati solo nella sessione d'esame immediatamente successiva( due appelli).

Gli studenti impossibilitati a sostenere la prova scritta possono chiedere al docente di sostenere solo il colloquio orale.
Gli studenti frequentanti svolgeranno l’esame in due momenti: un test intermedio (a metà corso, con la produzione di un oggetto didatico) e una prova finale. I frequentanti realizzeranno poi un lavoro di gruppo anche questo oggetto di valutazione.

nella valutazione della prova si terrà conto di:

1. Adeguatezza del lessico disciplinare e precisione terminologica; 
2. Efficacia comunicativa nella riformulazione delle conoscenze; 
3. Rigore nell'esplicazione di teorie e nozioni; 
4. Correttezza dei riferimenti alla letteratura scientifica; 
5. Pregnanza interpretativa dei contenuti; 
6. Originalità nella rielaborazione delle conoscenze; 
7. Ricchezza e articolazione dei collegamenti; 
8. Pertinenza nell'applicazione di metodologie, tecniche, strumenti; 
9. Riflessività e prospettiva nella costruzione delle risposte; 
10.Rilevanza degli approfondimenti personali.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

si suggerisce di seguire la piattaforma per visionare i materiali e organizzarsi per uno studio di gruppo, con frequetanti o meno.

Testi di studio

i testi sono i medesimi dei frequentanti

Modalità di
accertamento

Per i non frequentanti è prevista una forma di accertamento orale

i criteri di valutazione sono i medesimi indicati per i frequentanti.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 27/06/19


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top