Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


PROGETTAZIONE DELLE IMPRESE NON-PROFIT
PLANNING OF POLITICAL DOCTRINES

Progettazione delle imprese non profit

A.A. CFU
2018/2019 6
Docente Email Ricevimento studenti
Gianfranco Alleruzzo a margine degli orari di lezione o con appuntamento
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Gestione delle Politiche, dei Servizi Sociali e della Mediazione Interculturale (LM-87)
Curriculum: GESTIONE DELLE POLITICHE E DEI SERVIZI SOCIALI
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso si pone i seguenti obiettivi formativi:

1.Fornire i fondamenti teorici e pratici che sono alla base dell’impresa no profit, con particolare attenzione alla progettazione e gestione di servizi di welfare;

2.Offrire strumenti formativi per la gestione, l’organizzazione e la progettazione delle imprese no profit che operano nell'ambito delle politiche di Welfare;

3. Fornire allo studente una visione d'insieme sulle modalità degli affidamenti e dei bandi dei servizi e progetti di welfare;

4. Offrire agli studenti una esperienza di progettazione, attraverso l’elaborazione di un progetto.

Programma

Il corso prevede lezioni teoriche dedicate alla presentazione in aula di concetti, teorie ed esperienze, con discussione in piccoli gruppi sul materiale offerto dal docente. Inoltre, è prevista una esercitazione, consistente nell'elaborazione di un progetto che prenderà origine da una esperienza reale di progettazione nel campo del welfare. All’esercitazione prenderà parte l’intera classe, divisa in gruppi di lavoro di progettazione, ognuno dei quali lavorerà collettivamente, sotto la guida del docente, alla elaborazione delle diverse fasi di una progettazione di una idea nel campo del welfare. 

Le lezioni e discussioni in aula verteranno sui seguenti temi:

Il terzo settore tra Stato e Mercato. Classificazioni e dimensioni economiche del terzo settore. Ruolo del terzo settore nella riforma del Welfare. Normativa del terzo settore, in particolare la cooperazione sociale. Specifictà della forma impresa no profit. Analisi delle trasformazioni sociali ed economiche realizzate dalle imprese no profit. La gestione economica, organizzativa, del lavoro nell'impresa no profit. Il rapporto pubblico/privato no profit. Strategie di sviluppo dell'impresa non profit. La Gestione del Ciclo di Progetto: analisi delle fasi progettuali: lo studio di fattibilità con la conseguente individuazione degli obiettivi generali e specifici, la loro concatenazione secondo una matrice logica, l'individuazione dei criteri di valutazione, gli strumenti per la valutazione in itinere e quella ex post, la procedura per l'eventuale riprogrammazione dell'intervento

Eventuali Propedeuticità

nessuna propedeuticità

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding).

  • Gli studenti dovranno mostrare la padronanza delle principali prospettive teoriche riguardanti la disciplina e di aver acquisito capacità di analisi critica in relazione ai principali oggetti di studio, come la storia e l'evoluzione del terzo settore in relazione all'organizzazione dei sistemi di welfare;
  • Gli studenti dovranno acquisire familiarità con i concetti fondamentali della disciplina (rilevanza numerica ed economica del terzo settore, figure giuridiche, leggi), dimostrando di saperli definire con precisione.
  • Conoscenza della storia, dell'evoluzione del terzo settore e dell’organizzazione dei sistemi di welfare, tale da permettere di gestire organizzazioni, attività e servizi, oltre che realizzare strategie innovative nella organizzazione dei servizi sociali.
  • Lo studente dovrà essere in condizione di interagire con altre figure professionali sulle tematiche specifiche della gestione e progettazione delle imprese non profit.
  • Lo studente dovrà applicare le proprie competenze alla definizione di linee progettuali dei servizi e delle politiche di welfare.

Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding).

Particolare attenzione verrà dedicata al rapporto tra la componente teorica e quella pratico-applicativa del corso. In questa prospettiva, a partire dalle teorie e dai concetti illustrati e discussi nelle lezioni, si svolgerà un’esercitazione di classe nella forma di scrittura di un progetto reale con applicazione in ambito sociale. La classe diventerà un’équipe di progettazione impegnata su tutte le fasi della stessa. Attraverso l’esercitazione, ci si attende che gli studenti:

  • Mettano alla prova e consolidino il loro livello di apprendimento e comprensione delle nozioni teoriche;
  • Apprendano a passare da teorie e concetti astratti alla formulazione di un elaborato progettuale completo;
  • Affinino le proprie capacità di tradurre concetti complessi in variabili gestibili nei processi reali quotidiani;
  • Impegnandosi in un laboratorio di progettazione, ci si attende che affinino le proprie competenze metodologiche (definizione degli obiettivi, delle strategie e delle azioni; ricerca, analisi e rielaborazione dei dati reali disponibili dalle varie fonti; interpretazione dei risultati in relazione alla letteratura, presentazione e discussione in aula dei risultati).
  • Attraverso il lavoro di équipe, ci si attende che lo studente migliori le proprie abilità di coordinarsi con altri e di lavorare in gruppo.

Autonomia di giudizio (making judgements).

Il corso si propone di fornire agli studenti una serie di strumenti di analisi e interpretazione del fenomeno "Terzo settore" e del suo rapporto con i diversi sistemi di welfare, con particolare riferimento al contesto locale e nazionale. Per questo, ci si aspetta che gli studenti ne ricavino strumenti utili ad una rigorosa e autonoma analisi critica dei fenomeni complessi che caratterizzano le attuali tendenze sociali e i sistemi di welfare contemporanei.

Abilità comunicative (communication skills).

  • Ci si attende che gli studenti, al termine del corso, sappiano analizzare e discutere criticamente i temi proposti anche attraverso l’utilizzo del linguaggio adeguato e "tecnico".
  • Inoltre, l’elaborazione dei risultati della ricerca (attraverso l’analisi degli elaborati progettuali) sarà condotta da gruppi di 3-4 studenti, che lavoreranno autonomamente. Al termine del lavoro, ciascun gruppo sarà invitato a presentare con una relazione orale accompagnata da supporto visivo (slide su PowerPoint) i risultati e le relative interpretazioni al resto della classe, e a prendere parte al dibattito che ne risulterà: attraverso questa fase ci si attende quindi un miglioramento delle capacità espositive e di discussione in pubblico.

Capacità di apprendere (learning skills).

Gli studenti dovranno aver sviluppato opportune capacità di apprendimento, sulla cui base possano poi ampliare le conoscenze acquisite durante il corso, applicando le conoscenze acquisite su questioni di ordine generale e/o specifico a nuovi interrogativi di analisi e ricerca. Le modalità di lavoro didattico attraverso cui il corso intende raggiungere questo obiettivo sono le seguenti: lezioni frontali sulle questioni di base, ricorso a materiali visivi (slide in PowerPoint), dibattito in aula, partecipazione all’esercitazione di classe.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali saranno alternate da attività di gruppo e discussioni in aula. 

Obblighi

Studio del materiale indicato 

Partecipazione all'esercitazione in aula e partecipazione ad almeno 3/4 delle lezioni

Testi di studio

Fazzi L. “Imprenditori sociali innovatori. Casi di studio nel terzo settore” Franco Angeli 2014.

Gesualdi F., L'altra via - dalla crescita al benvivere, programma per un'economia della sazietà, Altreconomia, Milano 2009. Scaricabile gratuitamente on line all'indirizzo: http://www.cnms.it/attachments/article/24/altravia_0.pdf

Modalità di
accertamento

Elaborato scritto con domande aperte al fine di accertare la padronanza delle conoscenze acquisite, la riproduttività di conoscenze all'interno di modelli di comportamente codificabili, ma anche per accertare i traguardi di competenza intesa come capacità di coordinare conoscenze e abilità per affrontare situazioni complesse. 

Gli elaborati saranno valutati nelle seguenti aree: padronanza di conoscenze, capacità di applicazione delle conoscenze, di elaborazione di idee, di spiegazione, di argomentazione e otterranno un giudizio compreso tra insufficiente, sufficiente, buono, ottimo. Al giudizio relativo ad ogni singola risposta alle domande proposte sarà quindi attribuito un punteggio tra 17 (insufficiente) e 30 (ottimo). 

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Lezioni frontali saranno alternate da attività di gruppo e discussioni in aula. 

Obblighi

Studio del materiale indicato 

Testi di studio

Fazzi L. “Imprenditori sociali innovatori. Casi di studio nel terzo settore” Franco Angeli 2014.

Gesualdi F., L'altra via - dalla crescita al benvivere, programma per un'economia della sazietà, Altreconomia, Milano 2009. Scaricabile gratuitamente on line all'indirizzo: http://www.cnms.it/attachments/article/24/altravia_0.pdf

Messia F. e Venturelli C. (a cura di) (2015) “Il welfare di prossimità. Partecipazione attiva, inclusione sociale e comunità” Trento Erickson.  

Modalità di
accertamento

.

I risultati di apprendimento attesi verranno valutati attraverso una prova scritta che prevede domande aperte al fine di accertare la padronanza delle conoscenze acquisite, la riproduttività di conoscenze all'interno di modelli di comportamento codificabili, ma anche per accertare i traguardi di competenza intesa come capacità di coordinare conoscenze e abilità per affrontare situazioni complesse. 

Gli elaborati saranno valutati nelle seguenti aree: padronanza di conoscenze, capacità di applicazione delle conoscenze, di elaborazione di idee, di spiegazione, di argomentazione e otterranno un giudizio compreso tra insufficiente, sufficiente, buono, ottimo. Al giudizio relativo ad ogni singola risposta alle domande proposte sarà quindi attribuito un punteggio tra 17 (insufficiente) e 30 (ottimo). 

Gli studenti non frequentanti sono invitati a consultare il materiale didattico caricato su Moodle (slide discusse a lezione. materiale elaborato, ecc) attraverso il quale sarà possibile approfondire maggiormente lo studio dei volumi indicati nella sezione “Testi di studio”.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 09/01/19


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top