Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


ORDINAMENTO GIUDIZIARIO
JUDICIAL SYSTEM

A.A. CFU
2019/2020 6
Docente Email Ricevimento studenti
Chiara Gabrielli Nel periodo di lezione, mercoledì ore 13. Negli altri periodi, in un giorno concordato scrivendo all’indirizzo chiara.gabrielli@uniurb.it

Assegnato al Corso di Studio

Giurisprudenza (LMG/01)
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Dopo aver analizzato le fonti, interne e sovranazionali, che disciplinano l'ordinamento giudiziario e delineato i profili istituzionali e ordinamentali relativi al giudice e al pubblico ministero, il corso intende approfondire lo status giuridico dei magistrati, le modalità di progressione della loro "carriera", le forme di responsabilità previste a loro carico, le garanzie apprestate dall'ordinamento a tutela della loro autonomia, indipendenza e imparzialità.

Particolare attenzione sarà riservata all'esame delle prospettive di riforma in tema di ordinamento giudiziario, anche attraverso la comparazione con le soluzioni accolte dagli altri ordinamenti europei, e alla discussione dei profili di più stringente attualità della materia (ad esempio, la separazione delle carriere, il sistema elettorale del Consiglio superiore della magistratura, l'accesso dei magistrati alle cariche politiche).

Le conoscenze offerte dal corso risultano importanti sia per chi intenda affrontare il tirocinio presso gli uffici giudiziari ex art. 73, comma 1, decreto legge n. 69/2013 conv. dalla legge n. 98/2013, che consente l'accesso diretto al concorso in magistratura, sia per chi intenda svolgere le professioni di cancelliere e assistente giudiziario.

Programma

Le fonti dell’ordinamento giudiziario e la loro evoluzione, dallo Statuto albertino alle riforme del biennio 2006/07.

I presidi costituzionali a tutela dell'indipendenza, autonomia e imparzialità della magistratura.

Giurisdizione ordinaria, giurisdizioni speciali, sezioni specializzate. 

La struttura e le attribuzioni del Consiglio superiore della Magistratura. I delicati rapporti tra il C.S.M. e il Ministro della giustizia. I c.d. "poteri impliciti" del C.S.M.

L’accesso alla magistratura, la progressione in carriera, le valutazioni di professionalità, il collocamento fuori ruolo, gli incarichi extragiudiziari. La separazione delle carriere e quella delle funzioni. 

La responsabilità disciplinare e civile del magistrato.

La struttura della Procura della Repubblica. I rapporti fra il procuratore della Repubblica e i sostituti.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

A) conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)

Lo studente dovrà dimostrare di possedere adeguata conoscenza delle fonti dell'ordinamento giudiziario e dell'assetto degli uffici giudiziari, con particolare riguardo alla materia penale; dovrà dimostrare, inoltre, capacità di comprensione dei principi di riferimento costituzionali e sovranazionali della materia e capacità di analisi critica della traduzione che di tali principi offrono la legislazione ordinaria e le fonti di rango subordinato.

 B) conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding) 

Lo studente dovrà dimostrare di essere capace di applicare le conoscenze acquisite, orientandosi nell'individuare le coordinate normative e giurisprudenziali rilevanti per la risoluzione di problematiche teoriche e operative in materia di ordinamento giudiziario (ad esempio, norme interne, disposizioni di rango sovranazionale, circolari e risoluzioni del Consiglio superiore della Magistratura, pronunce della Corte costituzionale, decisioni della sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura).

C) autonomia di giudizio (making judgements)

Lo studente dovrà dimostrare di conoscere le principali criticità che caratterizzano l'attuale ordinamento giudiziario e fornire suggerimenti per il loro superamento, sul piano legislativo o della prassi.

D) abilità comunicative (communication skills)

Lo studente dovrà dimostrare di partecipare attivamente a seminari di studio e a lavori di gruppo; dovrà altresì essere in grado di esporre le conclusioni raggiunte in modo chiaro ed efficace, giuridicamente rigoroso, terminologicamente appropriato; dovrà, infine, essere capace di interloquire dialetticamente con il docente e con i colleghi, offrendo risposte pertinenti e argomentate alle eventuali obiezioni dei discussants.

E) capacità di apprendere (learning skills)

Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito un metodo di apprendimento che gli permetta di proseguire lo studio della materia in modo autonomo; inoltre, dovrà dimostrare di possedere strumenti di analisi adeguati per cogliere i tratti qualificanti delle future riforme e di formulare autonome valutazioni al riguardo.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Visite guidate presso il Consiglio superiore della magistratura e presso la Scuola superiore della magistratura.

Seminari di approfondimento su temi di particolare attualità legislativa, con la partecipazione di magistrati, avvocati, funzionari degli uffici giudiziari, funzionari dell'Ufficio studi e documentazione del C.S.M.


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali, incontri seminariali, lavori di gruppo.

Obblighi

Conoscenza istituzionale del diritto costituzionale.

Testi di studio

Nicolò Zanon-Francesca Biondi, Il sistema costituzionale della magistratura, V ed., 2019, ad eccezione delle seguenti parti:

- §§ 10, 11.2, 11.3, 11.4 e 12 del capitolo 2

- §§ 12 e 13 del capitolo 3

- capitolo 5

Modalità di
accertamento

Esame orale, con almeno tre domande. Tale modalità si ritiene più idonea a verificare, oltre alla padronanza degli istituti giuridici e della disciplina normativa e "paranormativa", anche la capacità comunicativa e le abilità linguistiche dello studente, nonché le attitudini a evidenziare collegamenti con le discipline "contigue" del diritto costituzionale e del diritto processuale penale.

I criteri di valutazione e i punteggi relativi in trentesimi sono determinati secondo le seguente scala:

meno di 18: livello di competenza sufficiente. Il candidato non raggiunge nessuno dei risultati di apprendimento previsti al punto "conoscenza e capacità di comprensione"

18-20: livello di competenza sufficiente. Il candidato raggiunge i risultati di appredimento previsti al punto "conoscenza e capacità di comprensione".

21-23: livello di competenza pienamente sufficiente. Il candidato raggiunge i risultati di apprendimento previsti ai punti "conoscenza e capacità di comprensione" e "conoscenza e capacità di comprensione applicate".

24-26: livello di competenza buono. Il candidato raggiunge i risultati di apprendimento previsti ai punti "conoscenza e capacità di comprensione"; "conoscenza e capacità di comprensione applicate" e "autonomia di giudizio".

27-29: livello di compentenza molto buono. Il candidato raggiunge i risultati di apprendimento previsti ai punti "conoscenza e caapcità di comprensione", "conoscenza e capacità di comprensione applicate", "autonomia di giudizio" e "abilità comunicative".

30 e 30 e lode: livello di competenza eccellente. Il candidato raggiunge pienamente i risultati di apprendimento previsti ai punti "conoscenza e capacità di comprensione"; "conoscenza e capacità di comprensione applicate"; "autonomia di giudizio"; "abilità comunicative" e "capacità di apprendere".

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Obblighi

Conoscenza istituzionale del diritto costituzionale.

Testi di studio

Nicolò Zanon-Francesca Biondi, Il sistema costituzionale della magistratura, V ed., 2019, ad eccezione delle seguenti parti:

- §§ 10, 11.2, 11.3, 11.4, 12 del capitolo 2

- §§ 12 e 13 capitolo 3

- capitolo 5

Modalità di
accertamento

Esame orale, con almeno tre domande. Tale modalità si ritiene più idonea a verificare, oltre alla padronanza degli istituti giuridici e della disciplina normativa e "paranormativa", anche la capacità comunicativa e le abilità linguistiche dello studente, nonché le attitudini a evidenziare collegamenti con le discipline "contigue" del diritto costituzionale e del diritto processuale penale.

I criteri di valutazione e i punteggi relativi in trentesimi sono determinati secondo le seguente scala:

meno di 18: livello di competenza sufficiente. Il candidato non raggiunge nessuno dei risultati di apprendimento previsti al punto "conoscenza e capacità di comprensione"

18-20: livello di competenza sufficiente. Il candidato raggiunge i risultati di appredimento previsti al punto "conoscenza e capacità di comprensione".

21-23: livello di competenza pienamente sufficiente. Il candidato raggiunge i risultati di apprendimento previsti ai punti "conoscenza e capacità di comprensione" e "conoscenza e capacità di comprensione applicate".

24-26: livello di competenza buono. Il candidato raggiunge i risultati di apprendimento previsti ai punti "conoscenza e capacità di comprensione"; "conoscenza e capacità di comprensione applicate" e "autonomia di giudizio".

27-29: livello di compentenza molto buono. Il candidato raggiunge i risultati di apprendimento previsti ai punti "conoscenza e caapcità di comprensione", "conoscenza e capacità di comprensione applicate", "autonomia di giudizio" e "abilità comunicative".

30 e 30 e lode: livello di competenza eccellente. Il candidato raggiunge pienamente i risultati di apprendimento previsti ai punti "conoscenza e capacità di comprensione"; "conoscenza e capacità di comprensione applicate"; "autonomia di giudizio"; "abilità comunicative" e "capacità di apprendere".

Note

Gli studenti che hanno superato l’esame di Ordinamento giudiziario sono esonerati dal sostenere l'esame di diritto processuale penale sui seguenti argomenti:

I sistemi processuali penali - La giurisdizione e l’azione penale - I soggetti del processo: il giudice e il pubblico ministero (libro I c.p.p.).

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 22/07/19


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top