Ateneo
Dipartimenti
Didattica
Orientamento
Studenti
Laureati
Personale
International
Partner e Aziende
Nuovissimo Abbecedario

Sezioni

Informazioni utili su...

Sezione Ambientale

Responsabile designato:
Almo Farina (PO)

Personale strutturato afferente alla Sezione:
Margherita Carletti (PA)
Umberto Giostra (PA)
Michela Maione (PA)
Fabio Tatano (RC)

Personale non strutturato afferente alla sezione:
Francesco Graziosi (assegnista)
Eleonora Lo Vullo (assegnista)
Francesco Furlani (cococo CINFAI)

Personale non contrattualizzato afferente alla sezione:
Nadia Pieretti (borsista L'Oréal)
Michele Ceccarelli

Dottorandi:
Maria Ceraulo

Tecnici laureati:
Igor Arduini

Descrizione e finalità scientifiche della sezione:
La sezione si compone di docenti e ricercatori che si occupano di aspetti salienti delle scienze ambientali e che spaziano dall’ecologia terrestre alla fisica e chimica dell’atmosfera, dalla modellistica biomatematica all’ingegneria sanitaria-ambientale. Le competenze sono riconducibili alle radici culturali delle Scienze Ambientali che per diversi decenni hanno caratterizzato questo settore di ricerca e didattica nell’Università di Urbino e ne rappresentano un tangibile proseguimento, offrendo al campo della ricerca ambientale pura ed applicata dell’Università di Urbino un ampio spettro di tematiche complementari teoriche ed applicate.

 

Sezione di Chimica Analitica e Chimica Fisica

Sede:
Laboratorio di Chimica Analitica, Piazza Rinascimento, 6 

Responsabile designato:
Prof. Achille Cappiello

Professori associati:
Achille Cappiello, responsabile
Francesca Ottaviani

Ricercatori:
Giorgio Famiglini
Luciano Lattanzi
Pierangela Palma

Tecnici:
Arnaldo Berloni
Michela Cangiotti
Antonella di Paolo
Alessandro Gambarara
Elisabetta Pierini

Assegnisti:
Alberto Fattori
Veronica Termopoli

Descrizione e finalità scientifiche della sezione:
Sviluppo di nuove strumentazioni analitiche nel campo della cromatografia liquida ad alte prestazioni-spettrometria di massa (HPLC-MS) in collaborazione con una delle maggiori aziende del settore (Agilent Technologies, Santa Clara, CA, USA). Obiettivo fondamentale è lo sviluppo di una strumentazione scientifica per l’interfacciamento LC-MS a ionizzazione elettronica commercialmente disponibile. Nell’ambito di questo progetto si stanno studiando anche nuove superfici di vaporizzazione per favorire la ionizzazione di composti altobollenti.
Sviluppo di nuove colonne cromatografiche per la nano-HPLC, finalizzato ad ottenere nanocolonne con prestazioni superiori a quelle attualmente in commercio.
Sviluppo di nuovi metodi di estrazione di composti organici da matrici complesse come ad esempio le benzodiazepine in bevande alcoliche.
Sviluppo di metodi analitici LC-MS e GC-MS per la determinazione di composti organici in matrici biologiche e ambientali come ad esempio: inquinanti organici nel latte in polvere (in collaborazione con Abbott Nutrition, Columbus, USA); componenti di prodotti per l’igiene personale e per la pulizia su campione tal quale; composti organici volatili in campioni di mitili prelevati presso impianti di estrazione di gas naturale (in collaborazione con l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ISPRA, Roma); inquinanti ambientali in reperti autoptici di casi di Sudden Infant Death Syndrome (SIDS) e Sudden Intrauterine Unexplained Death Syndrome (SIUDS) (in collaborazione con l’Università di Milano); prodotti farmaceutici e loro metaboliti in matrici ambientali (in collaborazione con Syngenta, Jealott's Hill International Research Centre, Bracknell, Berkshire, RG42 6ET, UK); acidi biliari in matrici biologiche (in collaborazione con l’Università di Bologna).
Sviluppo di metodi di estrazione e determinazione on-line di inquinanti ambientali in acque superficiali con tecniche CP-MIMS-Direct-EI LC-MS (in collaborazione con la Vancouver Island University, Nanaimo, BC, Canada).
Studio della possibile co-solvenza del glicol dietilenico per alcuni inquinanti ambientali in acque di produzione degli impianti di estrazione di gas naturale (in collaborazione con l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ISPRA, Roma).
Per quanto riguarda l’attività che viene svolta nel Laboratorio di Chimica Fisica della sezione (situato presso il Campus Scientifico E. Mattei), i progetti di maggiore interesse riguardano: 
(a) La caratterizzazione di nuovi farmaci, soprattutto di tipo dendrimerico, dei loro carriers e delle loro interazioni con colture cellulari e proteine per la cura di patologie tumorali e neurodegenerative e dell'HIV. Queste ricerche, con svariate tipologie di sistemi, viene svolta col supporto di numerose collaborazioni con Università e centri di ricerca stranieri: Columbia Univ. di New York - USA, MIT at Cambridge MA-USA,  Tolosa - Francia, Lugano - Svizzera, Dresda - Germania, Lodz - Polonia, Alcala + Madrid - Spagna, Gerusalemme - Israele, Atene - Grecia, e Taiwan;
(b) Assembramento e caratterizzazione di celle fotovoltaiche sensibilizzate al colorante (DSSC) e caratterizzazione di nuovi coloranti;
(c) Nanocompositi ibridi costituiti da particelle inorganiche in matrice polimerica organica per scopi biomedici e industriali. Anche questa ricerca e' in collaborazione con numerose Università italiane e straniere (Sofia - Romania; Bordeaux - Francia; Creta - Grecia; Lugano - Svizzera; Milano, Pisa); 
(d) Caratterizzazione delle proprietà’ superficiali e delle proprietà cancerogene di fibre asbestiformi;
(e) Caratterizzazione della qualità' di matrici oleose alimentari e non; (f) Caratterizzazione di prodotti detergenti e cosmetici. La principale tecnica di indagine utilizzata per le ricerche sopra-elencate è la risonanza magnetica elettronica (EPR) la cui strumentazione è presente nel Laboratorio di Chimica Fisica.

 

Sezione di Chimica Inorganica e dei Materiali

Acronimo:
CHIM

Sede:
via della Stazione, 4

Responsabile designato:
Vieri Fusi

Docenti strutturati afferenti alla sezione:
Vieri Fusi
Mauro Micheloni
Mauro Formica
Luca Giorgi
Maria Letizia Amadori

Altro personale afferente alla sezione:(Personale tecnico, Dottorandi, Assegnisti, Borsisti, CoCoCo, visiting)
Roberto Pontellini (Tecnico cat. D)
Annarita Pierleoni (Tecnico cat. C)
Gianluca Ambrosi (Tecnico cat. C)
Angela Ricci (Dottoranda)
Valentina Raspugli (Co.co.co.)

Descrizione e finalità scientifiche della sezione:
La sezione CHIM raggruppa personale che si occupa di sistemi inorganici e di materiali.
La sezione ha come finalità scientifica lo sviluppo di sistemi inorganici, il loro studio e la loro applicazione nel campo dei materiali sia ad uso industriale (recupero e affinazione di metalli preziosi, sviluppo di sensori, biomedicina) sia conservativo nel campo dei beni culturali (materiali lapidei, ceramici, pittorici e altro).

 

Sezione di Epistemologia, Storia della Scienza e Restauro del Patrimonio Culturale. 

Sede:
Palazzo Albani, Via Timoteo Viti, 10 - Urbino

Responsabile designato:
Prof. Vincenzo Fano 

Membri di ruolo:
Mario Alai
Leonardo Vittorio Arena
Laura Baratin
Vincenzo Fano
Roberto Mantovani
Elvio Moretti
Gino Tarozzi
Responsabile Mario Alai

Assegnisti:
Bertozzi Sara 

Contrattisti:
Pierluigi Graziani
Claudio Calosi
Isabella Tassani
Stefano Bordoni
Adriano Angelucci
Flavia Marcacci
Monia Andreani 

Dottorandi:
Antonella Foligno
Stefano Calboli
Caterina Delsordo
Mirko Tagliaferri 

Descrizione e finalità scientifiche della sezione:
La sezione si configura come un’unità di ricerca a cavallo fra le scienze storiche e quelle naturali. Temi fondamentali dell’indagine sono la storia delle scienze e i loro fondamenti, lo studio della strumentazione scientifica, la storia della filosofia contemporanea, il restauro dei beni culturali e l'uso delle nuove tecnologie per la documentazione e gestione del patrimonio nonché la sua integrazione con il territorio dal punto di vista paesaggistico e culturale.

 

Sezione di Fisica

Sede:
via S. Chiara, 27 – Urbino

Responsabile designato:
Filippo Martelli

Docenti strutturati afferenti alla sezione:

I° fascia:
Flavio Vetrano

II° fascia:
Filippo Martelli
Stefano Santini
Giorgio Spada
Andrea Viceré

Ricercatori a tempo indeterminato:
Catia Grimani
Gianluca Guidi
Luca Lanci
Michele Veltri

Ricercatori a tempo determinato:
Marica Branchesi

Personale Tecnico:
Francesco Piergiovanni

Personale non strutturato afferente alla sezione:
Gaia Galassi (Co.co.co.)
Giuseppe Greco (Assegnista)
Jan Harms (Marie Curie fellow)
Gang Wang (Dottorando)
Matteo Montani (Assegnista)
Giulia Stratta (Assegnista)

Descrizione e finalità scientifiche della sezione:
La Sezione di Fisica del Dipartimento di Scienze Pure e Applicate raggruppa il personale afferente al Dipartimento che svolge la propria attività di ricerca nell’ambito delle discipline fisiche, cercando di favorire tra i soggetti interessati un proficuo scambio di idee e una condivisione delle problematiche comuni a questi settori della ricerca.
Si possono distinguere all’interno della Sezione le seguenti tematiche di ricerca:
Fisica Astroparticellare e delle Alte Energie
La ricerca in Fisica Astroparticellare vede la partecipazione del personale della Sezione a grandi esperimenti internazionali.
In particolare un numeroso gruppo di ricercatori svolge le proprie ricerche nell’ambito della collaborazione internazionale LIGO-VIRGO, che ha recentemente rivelato per la prima volta le onde gravitazionali, con ruoli sia costruttivi, legati alla realizzazione del rivelatore interferometrico Advanced Virgo, sia di analisi dati e coordinamento a livello internazionale.
Sempre nell’ambito dell’astronomia gravitazionale, c’è anche un coinvolgimento nella progettazione della sonda interplanetaria eLISA per la rivelazione di onde gravitazionali a bassissima frequenza, con la partecipazione all'esperimento LISA Pathfinder, test per il futuro rivelatore spaziale, con la responsabilità relativa al controllo e alla simulazione dei fenomeni di carica dovuti ai flussi di particelle di origine sia cosmica che solare.
La Sezione è inoltre impegnata nello sviluppo di nuovi detector per onde gravitazionali, in particolare sfruttando l'Interferometria Atomica nell'ambito della quale è a capo di un progetto finanziato da MiUR e INFN.
Per quanto concerne la fisica delle Alte Energie, il coinvolgimento riguarda la partecipazione ad esperimenti internazionali per lo studio della violazione della simmetria CP nei mesoni B presso il CERN di Ginevra.
La Sezione partecipa inoltre al progetto EuroGammaS per sviluppare una nuova generazione di sorgenti di raggi gamma, con l'obiettivo di rendere disponibili alla comunità scientifica fasci di fotoni di alta monocromaticità e brillanza e aprire l'era della fotonica nucleare, con applicazioni nei campi della diagnostica delle scorie nucleari, del controllo per la non proliferazione nucleare e dell'imaging radiologico.
Fisica Terrestre L’attività di ricerca in questo settore è rivolta alla modellizzazione dei fenomeni geodinamici globali (con particolare interesse alla glacio-isostasia), quali lo studio e la modellizzazione delle variazioni oloceniche e recenti di livello marino; le applicazioni geofisiche della visco-elasticità lineare; dinamica e campo di gravità dei pianeti terrestri; inversione di dati geodetici; deformazioni post-sismiche; reologia del mantello.Altri studi sono invece rivolti alla modellizzazione di campi di sforzo (quali quelli generati dalle dislocazioni della sequenza sismica di Colfiorito (1997) e da eventi sismici precedenti) con lo scopo di studiare le possibili implicazioni per la sismicità futura nella regione, ed allo studio della relazione tra gli aspetti termici, reologici e dinamici dei flussi di lava, con l'obiettivo di comprendere la formazione, le caratteristiche e l'evoluzione dei tubi e delle colate laviche.Un altro filone di ricerca riguarda infine il paleomagnetismo e lo studio del magnetismo nelle rocce applicato a problemi geologici ed ambientali con particolare riguardo al paleoclima.

 

Sezione di Geologia

Sede:
Campus Scientifico “Enrico Mattei”

Responsabile designato:
Renzulli Alberto

Docenti strutturati afferenti alla sezione:
Capuano Nicola Pio (Professore Associato GEO/02)
Galeotti Simone (Professore Associato GEO/01)
Mattioli Michele (Ricercatore GEO/07)
Renzulli Alberto (Professore associato GEO/07)
Santi Patrizia (Ricercatrice GEO/09)
Tramontana Mario (Professore Associato GEO/02)

Personale Tecnico:
Baldelli Giuseppe

Dottorandi:
Gorini Andrea (XXVIII ciclo)
Giordani Matteo (XXIX ciclo)
Fokin Maria (XXXI ciclo)
Francescone Federica (XXXI ciclo)
Taussi Marco (XXXI ciclo)

Descrizione e finalità scientifiche:
La ricerca scientifica dei componenti della sezione rientra nelle tematiche generali della comprensione dei processi geologici relativi alla dinamica profonda e superficiale della litosfera e di quelli genetici che regolano l’evoluzione della Terra solida attraverso lo studio dei minerali e delle rocce.
In particolare, gli afferenti ai settori scientifico-disciplinari GEO/01-02 si occupano della ricostruzione geocronologica relativa degli eventi fisici e biologici avvenuti nel corso della storia della Terra; dell'analisi delle successioni stratigrafiche, del rilevamento dei corpi sedimentari, attuali e fossili, della loro descrizione, organizzazione e associazione spaziale e temporale, della loro rappresentazione cartografica e dell’interpretazione della loro genesi; dell’analisi delle facies e dell'evoluzione dei bacini sedimentari; dei rapporti tra tettonica, sedimentazione e magmatismo; della ricostruzione paleoambientale, paleoclimatica e paleogeografica; dell’analisi delle grandi crisi biologiche al fine di interpretare i cambiamenti climatici globali con riferimento anche a quelli recenti; dello studio, attraverso metodi paleomagnetici, dei processi geodinamici che hanno caratterizzato l'evoluzione del Pianeta Terra.
Anche la genesi e la classificazione delle rocce sedimentarie e lo studio degli ambienti sedimentari attuali marini e continentali e della loro dinamica costituiscono una parte essenziale dell’attività di ricerca della sezione. La conoscenza della distribuzione dei corpi sedimentari e dei loro processi genetici trova applicazione anche nella gestione delle aree alluvionali e costiere. Nell’ambito della sezione vengono anche svolte ricerche nel campo della geologia ambientale e della geologia planetaria.
Gli afferenti ai settori scientifico-disciplinari GEO/07-09 focalizzano le proprie ricerche nel campo della caratterizzazione dei processi che regolano l’evoluzione geodinamica del sistema Terra, mediante lo studio di minerali, rocce, magmi e fasi fluide e dei loro processi genetici.
Particolare attenzione viene rivolta alle rocce ignee e alla vulcanologia attraverso lo studio, con i metodi propri della mineralogia, della petrografia e della geochimica, dell’attività eruttiva e della geologia delle aree vulcaniche sia in relazione all’origine e all’evoluzione dei magmi, che in funzione delle dinamiche di risalita, eruzione, trasporto e deposizione dei prodotti. Le competenze di questa sezione, basate su approcci sperimentali e sull’osservazione diretta dei prodotti e dei fenomeni, risultano inoltre essenziali nella comprensione, quantificazione e mitigazione dei rischi associati all'attività vulcanica, nella realizzazione di carte geologiche in aree vulcaniche e nelle indagini geologiche di superficie potenzialmente utili per lo sfruttamento dell'energia geotermica.
La caratterizzazione petrochimica e petrofisica dei materiali coerenti e incoerenti di interesse industriale, ambientale e culturale costituisce un ulteriore filone di ricerca della sezione, con particolare riguardo alle applicazioni archeometriche per lo studio, la determinazione della aree di provenienza e la conservazione dei geomateriali utilizzati per opere d’interesse archeologico e storico-artistico. Nell’ambito delle georisorse la sezione si occupa infine di prospezione mineralogica e geochimica delle materie prime minerali.
Le competenze della sezione riguardano anche lo studio e la caratterizzazione di materiali cristallini usando e sviluppando diverse metodologie analitiche, con indagini diffrattometriche, microscopiche e spettroscopiche. Tali competenze mineralogiche risultano di fondamentale importanza nelle ricerche di scienze dei materiali, delle relazioni tra minerali e salute umana e delle interazioni geosfera-biosfera.
Alcuni afferenti a questa sezione svolgono attività di terza missione nell’ambito delle seguenti imprese di Spin off dell’Università di Urbino: Geo.In.Tech. srl e Enersol Società Consortile A.R.L.

 

Sezione di Geologia Ambientale e Geodinamica

Sede:
Campus Scientifico “E. Mattei”

Responsabile designato:
Prof. Rodolfo Coccioni

Docenti strutturati afferenti alla sezione:
Prof. Rodolfo Coccioni
Prof. Olivia Nesci
Prof. Daniele Savelli
Prof. Mariella Bellagamba
Prof. Marco Menichetti

Personale non strutturato afferente alla sezione:
Dott. Fabrizio Frontalini (Assegnista)
Dott.ssa Daniela Piacentini (Assegnista)
Dott.ssa Carla Bucci (Tecnico)
Dott. Sauro Teodori (Tecnico)
Dott. Nicoletta Bedosti (Dottoranda)
Dott.ssa Serena Ferraro (Dottoranda)
Dott. Luigi Giaramita (Dottorando)
Dott. Andrea Tamburini (Dottorando)

Descrizione e finalita' scientifiche della sezione:
La Geologia Ambientale è la branca multidisciplinare e applicata delle Scienze della Terra che prende in esame i rapporti scambievoli fra uomo e ambiente. Considerando l’ambiente come l’insieme di componenti fisiche e biologiche nelle loro reciproche e complesse influenze e interazioni, la Geologia Ambientale viene qui intesa come la disciplina che, avvalendosi degli strumenti e dei metodi delle discipline geologiche (Paleontologia e Micropaleontologia, Stratigrafia integrata, Geomorfologia, Geologia del Quaternario, Geologia strutturale e Geodinamica, Geologia Medica, Rilevamento e cartografia geologica e geomorfologica, ecc.) analizza le problematiche connesse con l’ambiente naturale in cui l’uomo vive e col quale interagisce utilizzandolo e/o trasformandolo. In questo contesto, si inserisce anche lo studio del “paesaggio” inteso come “parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall'azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni” (Convenzione Europea del Paesaggio, 2000). La Geodinamica è qui intesa come quella branca delle Scienze della Terra che studia la dinamica del Pianeta Terra visto nel suo insieme. Dai processi che modellano la superficie, all’interazione con le strutture profonde delle placche tettoniche fino a l’evoluzione della vita sulla Terra con le forme fossili ed attuali. Una evoluzione nel tempo e nello spazio, un trasformarsi e divenire, nelle sue componenti non solo fisiche, ma anche biologiche e antropiche. Pertanto, gli studi che la sezione di “Geologia Ambientale e Geodinamica” intende svolgere, sia come ricerca di base che applicata, affrontano principalmente problematiche geologiche della natura, ma anche di quelle antropiche ambientali con importanti risvolti sul territorio, sulla  cultura e sulla società umana del passato, del presente e del futuro.

 

Sezione di Geologia Applicata

Sede:
Campus Scientifico "E. Mattei"

Responsabile designato:
Prof. Ass. Mauro De Donatis

Docenti strutturati:
Prof. Umberto Gori
Prof. Roberto Romeo
Dr.sa Carmela Paletta
Dr. Gianluigi Tonelli
Dr. Francesco Veneri 

 

Personale tecnico:
Dr. Giulio Fabrizio Pappafico (laboratorio LISTA; docente di Sistemi Informativi Territoriali) 

Dottorandi:
Michele Bartolucci (Dottorato di ricerca in Scienze di Base e Applicazioni, XXX ciclo, tutor: Francesco Veneri)
Calcarella Maria Benedetta 

Visiting:
Dr.sa Sara Susini (docente a contratto del corso di Geomatica on-line)

Descrizione e finalità:
La sezione di Geologia Applicata raggruppa competenze in ambito applicato e ambientale della Geologia. In particolare i ricercatori costituenti la sezione si occupano di geologia applicata alle costruzioni, geotecnica, idrogeologia, uso del suolo, stabilità dei versanti, rischi geologici e ambientali (in particolare rischio sismico e da frana), geomatica e sistemi informativi territoriali. Si avvale di due specifici laboratori: il laboratorio di geologia tecnica per lo studio delle caratteristiche fisco-meccaniche delle terre, rocce deboli e compatte e il Laboratorio di Informatica applicata alle Scienze della Terra e dell'Ambiente (LISTA).

 

Sezione di Scienze e Tecnologie dell’Informazione

Sede:
secondo piano del Collegio Raffaello in Piazza della Repubblica 13 a Urbino

Responsabile designato:
Alessandro Bogliolo

Professori Associati:
Alessandro Aldini
Marco Bernardo
Alberto Carini
Renzo Lupini
Raffaella Servadei

Ricercatori universitari:
Emanuele Lattanzi

Assegnisti di ricerca:
Valerio Freschi

Dottorandi:
Saverio Delpriori
Silvia Malatini

Personale tecnico:
Andrea Seraghiti
A questi membri effettivi si aggiungeranno a breve i vincitori dei bandi già pubblicati per un RTD, 4 borsisti, 1 assegnista di ricerca e 1 contrattista

Descrizione e finalità:
La Sezione di Informatica del DiSPeA riunisce professori e ricercatori che svolgono attività di ricerca nelle aree dell'informatica, dell'ingegneria dell'informazione e della matematica, nonchè unità di personale tecnico di supporto all'attività di ricerca nelle aree stesse. Afferiscono alla Sezione anche assegnisti, dottorandi, borsisti e contrattisti i cui referenti e tutor afferiscono alla Sezione.
La Sezione di Informatica conduce ricerche ad ampio spettro nel campo della matematica e delle scienze e tecnologie dell'informazione pure e applicate.