Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Questa sezione del sito è dedicata allo stato delle acque della costa della Provincia di Pesaro-Urbino.

Monitoraggio della qualità delle acque costiere

Il Laboratorio di Biologia Ambientale del Dipartimento di Scienze Biomolecolari dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo che ha sede presso Pesaro Studi, pubblica con periodicità mensile un bollettino contenente i parametri più significativi attestanti lo stato delle acque della costa della Provincia di Pesaro-Urbino.

L'area monitorata è rappresentata dalle stazioni di rilevamento situate a Pesaro e Fano, ed i parametri campionati sono:

  • temperatura
  • pH
  • ossigeno disciolto
  • salinità
  • clorofilla "a"
  • trasparenza

Dall'andamento temporale di questi fattori è possibile rilevare la comparsa di fioriture microalgali dovute a processi eutrofici e le eventuali conseguenze derivanti dall'evoluzione dei fenomeni (ipossie e anossie lungo la colonna d'acqua e sul fondo), nonchè l’eventuale presenza di mucillagini.

Normativa e linee guida ANVUR Pubblicato Scarica
Ottobre 2018 – Bollettino sullo stato delle acque

In diminuzione di circa 4 C° le temperature superficiali rispetto al precedente monitoraggio. Nella norma le concentrazioni di ossigeno disciolto in superficie e lungo tutta la colonna d’acqua. I valori di salinità in superficie, lievemente inferiori nelle stazioni più vicine alla costa, si attestano attorno a 35 psu. Le concentrazioni medio-basse di clorofilla”a”, unitamente ad un’elevata trasparenza, non evidenziano presenza fenomeni di proliferazione microalgale,  ad eccezione della stazione a 500 m di Fano dove la clorofilla “a” raggiunge valori prossimi a 5 µg/l. Lungo la colonna d’acqua, a 3000 m dalla costa,  sono presenti condizioni idrodinamiche differenti nei due transetti. Mentre nella stazione di Pesaro prevale una sostanziale uniformità dei parametri idrologici, nella stazione di Fano è presente un fenomeno di stratificazione alina alla profondità di circa 4 m, ancor più pronunciato nella stazione a 500 m. Questo rivela l’influenza esercitata dagli apporti di origine locale nel determinare le condizioni trofiche, in particolare nelle stazioni prossime alla costa. In tutta l’area monitorata è stata osservata una consistente presenza dello ctenoforo Mnemiopsis leidyi.

12/10/2018 pdf
Settembre 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

Lievemente diminuite le temperature superficiali rispetto al precedente monitoraggio. Nella norma climatologia le concentrazioni di ossigeno disciolto lungo tutta la colonna d’acqua. Gli elevati valori di salinità in superficie sia a 500 che a 3000 m dalla costa denotano l’assenza di significativi apporti fluviali di origine sia locale che padana, evidenziando comunque la presenza di un gradiente spaziale crescente dalle stazioni settentrionali a quelle meridionali. Questo si evidenzia inoltre lungo la colonna d’acqua dove è presente nelle stazioni più lontane da costa  un seppur debole fenomeno di stratificazione alina (aloclino) situato alla profondità di circa 5 m nella stazione di Pesaro e di circa 9 m nella stazione di Fano. Le concentrazioni particolarmente basse di clorofilla”a” e l’elevata trasparenza riscontrati in tutte le stazioni monitorate configurano una buona condizione ambientale del tratto di costa.

19/09/2018 pdf
Agosto 2018 – Bollettino sullo stato delle acque

Nella norma le temperature superficiali e le concentrazioni di ossigeno disciolto in entrambe le stazioni. I valori di salinità in superficie risultano leggermente inferiori nella stazione a 500 m per effetto degli apporti di origine locale (fiume Foglia). L’evento di mareggiata che ha caratterizzato il fine settimana scorso ha determinato rimescolamento e conseguente omogeneizzazione dei parametri idrologici lungo la colonna d’acqua. Le concentrazioni medio-basse di clorofilla “a” denotano l’assenza di fenomeni di proliferazione microalgale.

31/08/2018 pdf
Luglio 2018 – Bollettino sullo stato delle acque

In aumento le temperature superficiali che si attestano su valori superiori a 26,5 C°. Nella norma le concentrazioni di ossigeno disciolto lungo tutta la colonna d’acqua, lievemente superiori nella stazione a 500 m di Pesaro. I valori di salinità  in superficie, prossimi a 35, si attestano nella media climatologia del periodo. Le concentrazioni di clorofilla “a” particolarmente basse non denotano presenza di proliferazione microalgale. Lungo la colonna d’acqua è presente un fenomeno di stratificazione alina (aloclino) alla profondità di circa 10 m maggiormente pronunciato nella stazione a 3000 m di Pesaro. Buona risulta inoltre la trasparenza nelle stazioni al largo, lievemente inferiore nelle stazioni prossime alla costa in seguito al fenomeno di sversamento locale che ha interessato maggiormente la stazione di Pesaro dovuto all’ intensa precipitazione che si è verificata nel pomeriggio del giorno 16 luglio ed i cui effetti si sono manifestati maggiormente in prossimità della foce del fiume locale con riduzione dei parametri salinità e trasparenza.

20/07/2018 pdf
Giugno 2018 – Bollettino sullo stato delle acque

In aumento le temperature superficiali che, nelle stazioni settentrionali, si attestano attorno a 26 C°. Nella norma le concentrazioni di ossigeno disciolto lungo tutta la colonna d’acqua, lievemente superiori nelle stazioni a 500 m. I valori di salinità in superficie sia a 500 che a 3000 m dalla costa, risultano medio-bassi per il periodo, mentre le concentrazioni di clorofilla “a”, lievemente superiori nelle stazioni di Pesaro, non denotano presenza di proliferazione microalgale. Lungo la colonna d’acqua è presente un pronunciato fenomeno di stratificazione termo-alina (picnoclino) alla profondità di circa 8 m nella stazione a 3000 m di Pesaro, più verso il fondale nella stazione di Fano, L’entità della stratificazione costituisce, unitamente ai valori medio bassidi salinità fino a circa 8-9 m di profondità, un’evidenza del transito di acque di provenienza padana nel tratto di costa della provincia di Pesaro. Buona risulta inoltre la trasparenza, lievemente superiore nelle stazioni meridionali.

27/06/2018 pdf
Maggio 2018 – Bollettino sullo stato delle acque

In aumento le temperature superficiali rispetto al mese di Aprile. Nella norma le concentrazioni di ossigeno disciolto lungo tutta la colonna d’acqua, lievemente superiori nelle stazioni meridionali. I valori medio-bassi di salinità in superficie sia a 500 che a 3000 m dalla costa, unitamente alle concentrazioni di clorofilla “a” lievemente superiori nelle stazioni a 3000 m, depongono per la maggior importanza delle acque di provenienza padana, rispetto all’influenza esercitata dai fiumi locali, nel determinare lo stato trofico nel tratto di costa monitorato. Lungo la colonna d’acqua è presente un fenomeno di stratificazione termo-alina (picnoclino) maggiormente pronunciato e localizzato più in profondità (circa 7 m) nella stazione a 3000 m di Fano. Buona risulta inoltre la trasparenza.

23/05/2018 pdf
Aprile 2018 – Bollettino sullo stato delle acque

In aumento le temperature superficiali rispetto al precedente monitoraggio. Nella stazione a 500 m la presenza di sversamento fluviale di origine locale (fiume Foglia) condiziona i valori di salinità sia in superficie con valori che risultano medio-bassi che lungo la colonna d’acqua con la presenza di un fenomeno di stratificazione alina (aloclino) alla profondità di circa 2 m. Nella norma le concentrazioni di ossigeno disciolto, superiori nella stazione a 3000 m. Lievemente aumentate le concentrazioni di clorofilla “a”. Buona risulta inoltre la trasparenza.

20/04/2018 pdf
Marzo 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

In diminuzione di oltre 2 C° le temperature superficiali in entrambe le stazioni rispetto al precedente monitoraggio. Nella norma le concentrazioni di ossigeno disciolto ed i valori di salinità, leggermente superiori nella stazione a 3000 m. Lungo la colonna d’acqua permane dal mese precedente una condizione di stratificazione alina (aloclino) alla profondità di circa 4 m. Le concentrazioni medio-basse di clorofilla “a” denotano l’assenza di fenomeni di proliferazione microalgale. Buona risulta inoltre la trasparenza.

16/03/2018 pdf
Febbraio 2018 – Bollettino sullo stato delle acque

Le condizioni di maltempo che hanno caratterizzato il periodo con precipitazioni e mare agitato hanno determinato una situazione caratterizzata da valori medio-bassi di salinità e bassa trasparenza. Le concentrazioni di clorofilla “a” denotano la presenza di un fenomeno eutrofico di discreta intensità. Nella norma le temperature superficiali e le concentrazioni di ossigeno disciolto, leggermente superiori nella stazione a 3000 m. Lungo la colonna d’acqua sono presenti fenomeni di stratificazione alina piuttosto accentuati, alla profondità di 5.5 metri, conseguenti agli apporti locali e di origine padana.

22/02/2018 pdf
Gennaio 2018 – Bollettino sullo stato delle acque

Le temperature superficiali rientrano nella media del periodo. Medio-alti i valori di salinità in conseguenza dei ridotti apporti di acqua dolce dai bacini costieri. Tuttavia nella stazione a 500 m dalla costa è evidente un fenomeno di stratificazione alina (aloclino), localizzato nello strato superficiale della colonna d’acqua (0.6 m), determinato dall’apporto del fiume locale (Foglia). Nella norma il livello di ossigenazione lungo tutta la colonna d’acqua. Buona risulta inoltre la trasparenza. Permangono concentrazioni di clorofilla “a” al di sotto della media del periodo, leggermente superiori a 3000 m.

15/01/2018 pdf
Dicembre 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

In diminuzione le temperature superficiali rispetto al precedente monitoraggio. Medio-alti i valori di salinità in conseguenza dei ridotti apporti di acqua dolce dai bacini costieri. Nella norma le concentrazioni di ossigeno disciolto lungo tutta la colonna d’acqua. Buona risulta inoltre la trasparenza. Le concentrazioni di clorofilla “a” sono al di sotto della media del periodo. Si configura nel complesso una buona condizione ambientale. A 3000 m dalla costa, lungo la colonna d’acqua, è presente un debole fenomeno di stratificazione termo-alina (picnoclino) alla profondità di 8 metri.

14/12/2017 pdf
Novembre 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

I valori di salinità risultano medio-alti per il periodo in conseguenza degli scarsi apporti fluviali. Da sottolineare un netto abbassamento delle temperature superficiali rispetto al precedente monitoraggio. Nella norma il livello di ossigenazione lungo tutta la colonna d’acqua. Buona risulta inoltre la trasparenza. I valori di clorofilla “a” non evidenziano fenomeni di proliferazione microalgale. Lungo la colonna d’acqua a 3000 m dalla costa è presente un fenomeno di stratificazione termo-alina (picnoclino) abbastanza pronunciato alla profondità di 6.5 m.

27/11/2017 pdf
Settembre 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

I valori di salinità risultano medio-bassi in tutte le stazioni in seguito all’apporto di acque dolci di provenienza sia padana (fiume Po) che locale. Il conseguente apporto di nutrienti contribuisce ad alimentare la componente microalgale evidenziando la presenza di un fenomeno eutrofico, come risulta da un aumento nelle concentrazioni di clorofilla “a” e da un buon livello di ossigenazione delle acque, con valori più elevati nelle stazioni di Pesaro. Lungo la colonna d’acqua a 3000 m dalla costa sono presenti fenomeni di stratificazione alina (aloclini) abbastanza pronunciati e superficiali in corrispondenza di Pesaro, meno accentuati e più in profondità nelle stazioni di Gabicce e Fano. Nella norma gli altri parametri fisico-chimici.

09/10/2017 pdf
Agosto 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

Le temperature superficiali risultano in aumento in tutte le stazioni monitorate con valori superiori a 27 C°. Nella norma le concentrazioni di ossigeno disciolto lungo tutta la colonna d’acqua, con valori leggermente superiori, in superficie, nelle stazioni meridionali. Gli elevati valori di salinità associati alla presenza di concentrazioni di clorofilla “a” particolarmente basse e ad elevati valori di trasparenza configurano una buona condizione ambientale in tutto il tratto di costa. Lungo la colonna d’acqua è presente un fenomeno di stratificazione termo-alina (picnoclino) piuttosto pronunciato, alla profondità di 11 m, in corrispondenza della stazione a 3000 m di Fano.

04/08/2017 pdf
Luglio 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

In aumento le temperature superficiali in tutte le stazioni monitorate. Nella norma le concentrazioni di ossigeno disciolto sia in superficie che in corrispondenza del fondale. Il parametro salinità evidenzia un gradiente di distribuzione spaziale con valori medio-alti nelle stazioni di Gabicce (circa 34), maggiormente influenzate dalle acque provenienti dal bacino padano, e valori progressivamente più alti nelle stazioni di Pesaro e Fano (oltre 37). La presenza di basse concentrazioni di clorofilla “a” associata ad elevati valori di trasparenza, in particolare nella stazione più meridionali, configura una buona condizione ambientale in tutto il tratto di costa. Lungo la colonna d’acqua è presente un fenomeno di stratificazione termo-alina (picnoclino), alla profondità di 5 m, in corrispondenza della stazione a 3000 m di Gabicce.

17/07/2017 pdf
Giugno 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

In aumento la temperatura lungo tutta la colonna d’acqua. Nella norma i valori di ossigeno disciolto sia in superficie che in corrispondenza del fondale. Gli scarsi apporti fluviali che caratterizzano il periodo contribuiscono a mantenere basse le concentrazioni di clorofilla “a” e medio-alti i valori di salinità in tutto il tratto di costa. Le contemporanee condizioni di stabilità meteo-marina determinano un’elevata trasparenza, in particolare nelle stazioni a 3000 m di Pesaro e Fano. Non sono evidenti fenomeni di stratificazione termica e/o alina, tranne nella stazione a 3000 m di Gabicce dove è presente un debole picnoclino alla profondità di circa 6 m, probabilmente per la maggior influenza delle acque provenienti dal bacino padano che riducono di oltre un punto i valori di salinità in superficie rispetto alle stazioni meridionali.

22/06/2017 pdf
Maggio 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

In aumento la temperatura superficiale delle acque sia a 500 che a 3000 m dalla costa. I valori di salinità risultano medio-bassi in tutte le stazioni in seguito all’apporto di acque dolci di provenienza sia padana (fiume Po) che locale. Il conseguente apporto di nutrienti contribuisce ad alimentare la componente microalgale evidenziando la presenza di un lieve fenomeno eutrofico, come risulta da un aumento nelle concentrazioni di clorofilla “a” e da un buon livello di ossigenazione delle acque, con valori leggermente più elevati nelle stazioni di Fano. In tutto il tratto monitorato, a 3000 m dalla costa, sono presenti fenomeni di stratificazione alina (aloclini) lungo la colonna d’acqua.

01/06/2017 pdf
Aprile 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

Nella norma la temperatura delle acque, ad eccezione della stazione a 500 m di fronte a Pesaro dove risulta sensibilmente inferiore a causa dell’ influenza esercitata dal fiume locale (fiume Foglia). Buoni i valori di ossigeno disciolto, sia in superficie sia sul fondo, lungo il tratto di costa monitorato. La salinità risulta medio-alta sia a 500 che a 3000 m dalla costa. Buona risulta la trasparenza. Nella stazione a 3000 m di fronte a Fano è evidente un debole fenomeno di stratificazione termo-alina (picnoclino) alla profondità di 5 metri. Lungo tutto il tratto di costa non risultano presenti fenomeni di proliferazione microalgale.

19/04/2017 pdf
Marzo 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

In aumento la temperatura delle acque rispetto alla precedente campagna di monitoraggio. Nella norma i valori dei ossigeno disciolto lungo tutta la colonna d’acqua. I valori di salinità risultano medio-alti, ad eccezione della stazione a 500 m di fronte a Pesaro più soggetta all’influenza del fiume locale (fiume Foglia). Oltre alla ridotta salinità superficiale l’apporto locale di acque dolci è evidenziato, nella stazione in oggetto, dalla presenza di un fenomeno di stratificazione alina (aloclino) localizzato alla profondità di circa 2 m, e da una ridotta trasparenza conseguente all’apporto di materiale particellato proveniente dalla foce. In tutto il tratto di costa non risultano presenti fenomeni di proliferazione microalgale.

24/03/2017 pdf
Febbraio 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

In tutto il tratto di costa monitorato tra Gabicce e Fano sono presenti concentrazioni di clorofilla “a” leggermente elevate. Tale condizione, particolarmente nelle stazioni più settentrionali (Gabicce e Pesaro), è alimentata dallo sversamento in mare di acqua fluviale comportando un considerevole abbassamento del parametro salinità  nello strato superficiale della colonna d’acqua (22-23 PSU) fino alla profondità di circa 2 metri.. Di conseguenza sono presenti fenomeni di stratificazione alina (aloclini) piuttosto pronunciati e più superficiali nelle stazioni più meridionali dove il parametro salinità risulta aumentato (27-29 PSU). L’evidenza di questo gradiente spaziale depone per l’importanza delle acque di provenienza padana,unitamente all’influenza esercitata dai fiumi locali, nel determinare lo stato trofico nel tratto di costa monitorato. In conseguenza dell’attività fotosintetica presente i valori di ossigeno risultano buoni lungo tutta la colonna d’acqua. La temperatura delle acque in superficie risulta in lieve aumento rispetto ai controlli precedenti attestandosi in media sui 7.2.°C. Nella norma risulta inoltre la trasparenza ad eccezione della stazione a 500 m di fronte a Pesaro più soggetta all’influenza del trasporto di materiale particellato proveniente dal fiume Foglia.

17/02/2017 pdf
Gennaio 2017 – Bollettino sullo stato delle acque

 Le temperature delle acque risultano leggermente al di sotto dei limiti stagionali. Nella norma i valori di ossigeno disciolto. L’assenza di significativi sversamenti fluviali condiziona valori di salinità che risultano medio-alti per il periodo. Le concentrazioni di clorofilla “a” sono leggermente elevate nelle stazioni settentrionali, più sensibili all’influenza delle acque di provenienza padana, mentre risultano inferiori nelle stazioni di Pesaro e Fano. Buona inoltre la trasparenza in tutto il tratto di costa monitorato. Lungo la colonna d’acqua non sono presenti fenomeni di stratificazione particolarmente evidenti.

02/02/2017 pdf
Dicembre 2016 – Bollettino sullo stato delle acque

Le intense precipitazioni che si sono verificate nel periodo in corrispondenza soprattutto del bacino padano hanno comportato lo sversamento in mare di abbondante quantità di acqua fluviale condizionando i parametri chimico-fisici dell’ambiente marino. Tale condizione si è ripercossa significativamente lungo tutto il tratto di costa compreso fra Gabicce e Pesaro dove si sono rilevati valori di salinità particolarmente bassi (25-27 PSU) nello strato superficiale della colonna d’acqua e comportando fenomeni di stratificazione termoalina (picnoclino) piuttosto pronunciati. La presenza di un gradiente decrescente di profondità in cui è situata tale stratificazione, dalle stazioni più settentrionali (circa 6 metri) a quelle più meridionali (circa 3 metri), depone per l’origine alloctona dell’acqua fluviale (fiume Po). Nella norma i valori di ossigeno disciolto lungo tutta la colonna d’acqua mentre i valori di clorofilla “a” risultano inferiori rispetto alla media del periodo. Buona inoltre la trasparenza.

14/12/2016 pdf
Novembre 2016 – Bollettino sullo stato delle acque

I parametri monitorati nel tratto di costa tra Gabicce e Fano evidenziano uno stato ambientale di buona qualità. L’assenza di significativi sversamenti fluviali condiziona valori di salinità che risultano medio-alti rispetto al periodo climatologico. Nella norma le concentrazioni di ossigeno disciolto e di clorofilla “a” ad eccezione della stazione di Pesaro a 500 metri dalla costa. Le temperature risultano in diminuzione rispetto al precedente monitoraggio di oltre 4°C. Non si evidenziano fenomeni di stratificazione particolarmente evidenti lungo la colonna d’acqua in conseguenza dei processi di rimescolamento determinati da condizioni meteo-marine instabili che hanno caratterizzato i giorni precedenti. Di conseguenza i valori di trasparenza risultano particolarmente bassi soprattutto nelle stazioni più settentrionali.

14/12/2016 pdf
Ottobre 2016 – Bollettino sullo stato delle acque

I parametri monitorati nelle acque costiere tra Gabicce e Fano rientrano in gran parte nei limiti stagionali: Da sottolineare una diminuzione della temperatura di oltre 4°C rispetto al precedente monitoraggio. Non ci sono tracce evidenti di proliferazione di cellule microlgali. Nella stazione di Gabicce alla distanza di 3000 m dalla costa è presente un aloclino alla profondità di 6 metri, mentre nella stazione di Pesaro è riscontrabile un picnoclino nello strato superficiale della colonna d’acqua (0.5 m). Nelle stazioni di Fano a 500 e 3000 metri dalla costa si osserva una minore trasparenza (1.5 m) rispetto alle stazioni più settentrionali.

14/12/2016 pdf
Settembre 2016 - Bollettino sullo stato delle acque

Lo stato delle acque costiere tra Gabicce e Fano è di buona qualità. I parametri monitorati sono in norma coi valori stagionali. La trasparenza delle acque risulta buona. L’indice di salinità è piuttosto elevato sia nelle stazioni costiere che a 3000 metri per lo scarso apporto di acque dolci provenienti dai fiumi. I valori di ossigeno disciolto in superficie risultano essere leggermente superiori nelle stazioni di Fano sia a 500 che a 3000 metri dalla costa. Nelle stazioni di Pesaro e Fano a 3 Km dalla costa è evidente la presenza di un picnoclino alla profondità di 8-9 metri, leggermente più in superficie nella stazione di Fano.

03/10/2016 pdf
Agosto 2016 - Bollettino sullo stato delle acque

Le temperature delle acque rientrano nella media stagionale, nella norma l’ossigeno disciolto, mentre i valori di salinità risultano particolarmente elevati dato lo scarso afflusso di acque dolci. Buona la trasparenza, leggermente più elevata nella stazione a 3 Km di Fano, e l’ossigeno disciolto sia in superficie che in corrispondenza del fondale. Non si rileva nelle stazioni a 3 Km presenza di fenomeni di stratificazione termica e/o alina lungo la colonna d’acqua.

05/08/2016 pdf
Luglio 2016 - Bollettino sullo stato delle acque

Le temperature delle acque rientrano nelle medie del periodo. Nella norma l’ossigeno disciolto sia in superficie che in corrispondenza del fondale. Nella norma anche la salinità sia nelle stazioni a 500 che a 3000 m dalla costa. Buona inoltre la trasparenza ed il parametro di clorofilla “a”. A 3000 m dalla costa nelle stazione di Pesaro ed in misura meno accentuata nella stazione di Fano, risulta evidente la presenza di un termoclino piuttosto accentuato alla profondità di circa 3 metri.

18/07/2016 pdf
Giugno 2016 - Bollettino sullo stato delle acque

Il perdurare di condizioni meteo-climatiche di intensa piovosità ha configurato una condizione ambientale, nelle stazioni di Gabicce e Pesaro, caratterizzata da bassa salinità delle acque superficiali (24-26 PSU) sia su costa che al largo. Lo sversamento di nutrienti (azoto e fosforo) immessi dalle acque dolci in mare prevalentemente dal bacino padano (fiume Po), ha contribuito allo sviluppo in eccesso della componente fitoplanctonica determinando di conseguenza un innalzamento delle concentrazioni di clorofilla “a” (6.5-10 ?g/L) e di ossigeno disciolto (8.5-9.5 mg/L) favorendo un processo moderatamente eutrofico. Diversamente nelle stazioni di Fano sono presenti concentrazioni medio-basse di clorofilla “a” e valori di salinità ed ossigeno disciolto nella norma. In aumento la temperatura delle acque superficiali che si attesta intorno ai 23°C. Da sottolineare la presenza di un accentuata stratificazione termo-alina (picnoclino) nella stazione di Gabicce a 3000 m (attorno a 2.5 metri) che progressivamente diventa più profonda e meno accentuata nelle stazioni di Pesaro e Fano (a 5 m).

15/06/2016 pdf
Maggio 2016 - Bollettino sullo stato delle acque

La temperatura delle acque rientra nelle medie stagionali. I valori dell’ossigeno disciolto risultano nella norma sia in superficie che in corrispondenza del fondale. Buoni i valori di trasparenza. Le concentrazioni di clorofilla “a” risultano essere particolarmente basse, soprattutto in corrispondenza delle stazioni Pesaro 500 e 3000 m dalla costa. Nella stazione di Gabicce a 3 Km dalla costa è evidente la presenza di un picnoclino alla profondità di circa 5 metri, assente invece nelle stazioni di Pesaro e Fano.

10/05/2016 pdf
Bollettino del 08/04/2016 notiziario sullo stato delle acque - vedi 08/04/2016
Bollettino del 05/02/2016 notiziario sullo stato delle acque - vedi 05/02/2016
Bollettino del 19/01/2016 notiziario sullo stato delle acque - vedi 19/01/2016
Bollettino del 14/12/2015 notiziario sullo stato delle acque - vedi 14/12/2015
Bollettino del 12/11/2015 notiziario sullo stato delle acque - vedi 13/11/2015
Bollettino del 27/10/2015 notiziario sullo stato delle acque - vedi 30/10/2015
Bollettino del 22/09/2015 notiziario sullo stato delle acque - vedi 30/10/2015
Bollettino del 06/08/2015 notiziario sullo stato delle acque - vedi 06/08/2015
Bollettino del 16/07/2015 notiziario sullo stato delle acque - vedi 16/07/2015
Bollettino del 23/06/2015 notiziario sullo stato delle acque - vedi 30/06/2015
Bollettino del 29/05/2015 notiziario sullo stato delle acque - vedi 30/06/2015
Bollettino del 03/03/2015 notiziario sullo stato delle acque - vedi 09/03/2015
Bollettino del 18/12/2014 notiziario sullo stato delle acque - vedi 22/12/2014
Bollettino del 20 e 21/11/2014 notiziario sullo stato delle acque - vedi 25/11/2014
Bollettino del 29/10/2014 notiziario sullo stato delle acque - vedi 31/10/2014
Bollettino del 30/09/2014 notiziario sullo stato delle acque - vedi 16/10/2014
Bollettino del 21/08/2014 notiziario sullo stato delle acque - vedi 22/08/2014
Bollettino del 28/07/2014 notiziario sullo stato delle acque - vedi 22/08/2014
Bollettino del 20/06/2014 notiziario sullo stato delle acque - vedi 24/06/2014
Bollettino del 27/05/2014 notiziario sullo stato delle acque - vedi 27/05/2014
Bollettino del 30/04/2014 notiziario sullo stato delle acque - vedi 30/04/2014
Bollettino del 02/04/2014 notiziario sullo stato delle acque - vedi 02/04/2014
Bollettino del 23/01/2014 notiziario sullo stato delle acque - vedi 23/01/2014
Bolletino del 18/12/2013 notiziario sullo stato delle acque - vedi 18/12/2013

Contatti
V.le Trieste, 296 – 61121 Pesaro PU
Tel. +39 0722 304908 / +39 0722 304909
Fax +39 0722 304902
E-mail: fabio.ricci@uniurb.it / antonella.penna@uniurb.it


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

numero verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2017 © Tutti i diritti sono riservati

Top