Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Esami di profitto

Per sostenere gli esami di profitto lo studente deve essere in regola con l’iscrizione e con il versamento della contribuzione studentesca e di eventuali ulteriori contributi, se dovuti.

Lo studente è tenuto a conoscere le norme dell’ordinamento o del regolamento didattico del proprio corso di laurea ed è il solo responsabile dell’annullamento degli esami che siano sostenuti in violazione di tali norme.

Si ricorda, in particolare, che:

  • Non è consentita la ripetizione, con eventuale modifica della valutazione relativa, di un esame già superato.
  • L'esito negativo dell'esame non comporta l'attribuzione di un voto, ma è registrato sul verbale di esame, mediante l'annotazione "respinto". Tale annotazione non influisce sul voto di laurea, né produce alcun effetto sulla carriera universitaria dello studente, salvo quello di precludere la possibilità di sostenere nuovamente l'esame nell'appello successivo della medesima sessione.
  • non possono essere sostenuti esami in violazione delle norme che regolano la propedeuticità, stabilita dal Regolamento del corso di laurea.

Esami di laurea o diploma

La domanda di ammissione all’esame di laurea o di diploma, deve essere presentata presso la Segreteria Studenti entro i seguenti termini:

  • 1° aprile - per laurearsi nella prima sessione (estiva);
  • 1° settembre - per laurearsi nella seconda sessione (autunnale);
  • 1° dicembre -  per laurearsi nella terza sessione (straordinaria);

Nel caso in cui lo studente non discuta la tesi nella sessione indicata, la domanda rimarrà valida anche per le sessioni successive all’interno dello stesso anno accademico.

Studenti fuori corso

Lo studente si considera fuori corso (Regolamento Didattico di Ateneo, art. 9) quando, pur avendo completato gli anni di iscrizione previsti come normali dagli ordinamenti, non abbia acquisito, entro la durata normale del corso di studio, tutti i crediti necessari al conseguimento del titolo.

I regolamenti dei corsi di studio possono prevedere che la permanenza nella condizione di studente sia subordinata alle verifiche dei crediti acquisiti al fine di valutarne la non obsolescenza dei contenuti formativi, tenendo conto dell'anno di immatricolazione dello studente e della durata normale del corso di studio.

Lo studente fuori corso, ove intenda esercitare i diritti derivanti dall'iscrizione, deve presentare domanda di ricognizione della qualità di studente e pagare le tasse e contributi nella misura prevista per gli studenti fuori corso.

Studenti ripetenti

Sono considerati studenti "ripetenti" (Regolamento Didattico di Ateneo, art. 9) coloro che sulla base di norme specifiche del Regolamento didattico del corso di studio al quale sono iscritti, non abbiano acquisito i crediti o assolto gli obblighi di frequenza per il passaggio all'anno di corso successivo o per il conseguimento del titolo finale.
La qualifica di "ripetente" può essere concessa anche allo studente fuori corso che intenda modificare o integrare il suo piano degli studi.
Lo studente iscritto come ripetente è tenuto di nuovo al pagamento delle prescritte tasse e contributi

[aggiornato il 16 novembre 2015]


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

numero verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2018 © Tutti i diritti sono riservati

Top