Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Presentato il contributo “La lacca dell’ottone degli antichi strumenti della Scienza: uno studio storico e scientifico per la conservazione e la conoscenza”

Comunicato stampa pubblicato il giorno 17/03/2015

L’Università Carlo Bo di Urbino si conferma estremamente attenta allo studio e al restauro degli antichi strumenti di interesse storico - scientifico. E’ stato infatti presentato  al Salone dell’arte e del Restauro di Firenze, sotto il patrocinio dell’EXPO,  il contributo “La lacca dell’ottone degli antichi strumenti della Scienza: uno studio storico e scientifico per la conservazione e la conoscenza”  di Raffaella Marotti, Restauratrice di strumenti scientifici dell’Ateneo e da Luca Giorgi, docente di Chimica dei materiali Polimerici. Questi manufatti, viva testimonianza della Storia della Scienza e della Tecnologia, rappresentano uno  straordinario connubio tra raffinatezza estetica e funzione scientifica. Il loro   restauro prevede una approfondita conoscenza della funzione e dei materiali costitutivi. Questi  ultimi sono strettamente  legati alla conservazione dell’esperimento storico di cui lo strumento è depositario. Anche la lacca, straordinaria composizione di resine terpeniche e pigmenti, specifica per ogni manufatto artistico, per ciò che riguarda lo strumento di interesse storico-scientifico andava a impreziosire e proteggere le parti di ottone  garantendo allo stesso tempo  il perfetto funzionamento sperimentale, come il passaggio delle scariche  elettriche ad esempio. <Il contributo> spiega Raffaella Marotti < è frutto del mio studio e di quello del Dott. Luca Giorgi ed è di grande importanza per ciò che riguarda la conservazione e il restauro degli strumenti scientifici di interesse storico. Infatti, questo lavoro si è fondato su due aspetti complementari fra loro: da una parte lo studio storico attraverso la trattatistica che ha permesso la ricostruzione del percorso storico e scientifico che ha portato alla realizzazione di questa specifica tecnica esecutiva applicata alle parti di ottone degli strumenti della scienza, dall’altro la caratterizzazione delle resine terpeniche e dei pigmenti che la compongono attraverso l’analisi FT-IR eseguite su diversi campioni dal Dott. Luca Giorgi. Attraverso  questa ricerca vogliamo realizzare una banca dati contenente gli spettri infrarossi delle lacche prelevate dagli apparati di interesse s torico scientifico  appartenenti a diversi periodi storici e a zone geografiche diversificate al fine di disporre di un metodo semplice e veloce per una loro prima caratterizzazione. Inoltre  la conoscenza attraverso la caratterizzazione della composizione di questa vernice, è di fondamentale importanza per la  messa a punto di idonei criteri di conservazione relativi a questa importante tecnica esecutiva storica, da attuarsi all’interno dei Musei Scientifici e Tecnologici, presenti in grande numero sul territorio nazionale. Inoltre> conclude Raffaella Marotti <dal confronto degli spettri con le varie  “ricette”,  presenti nei trattati  che ne forniscono la cronologia di utilizzo e applicazione , è possibile risalire ad una datazione del manufatto scientifico-tecnologico .   luca.giorgi@uniurb.it raffaella.marotti@uniurb.it    

« torna indietro

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2020 © Tutti i diritti sono riservati

Top