Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Si è svolto a Urbino il Lego Serious Play

Comunicato stampa pubblicato il giorno 08/05/2015

Che cosa c'entrano Lego e l'innovazione di prodotto? Come può questa coppia divenire un'occasione di incontro tra Università e imprese? La risposta, niente affatto scontata, è l'incontro che si è tenuto lo scorso 5 maggio nell'aula magna del Collegio Raffaello. Incontro organizzato da Università di Urbino Carlo Bo, Dipartimento di Scienze di Base e Fondamenti, Scuola di Scienze e Tecnologie dell’Informazione, in collaborazione con le Scuole di Economia e Scienze della Comunicazione, con il Knowledge Transfer Office dell’Università di Urbino, con l’associazione NeuNet e con l’ISIA. L'iniziativa, chiamata “Lego® Serious Play®”, ha messo assieme allo stesso tavolo imprenditori, studenti e neolaureati provenienti da Economia, Giurisprudenza, Scienze della Comunicazione e Isia. Una compagine che divisa in squadre ha dovuto riflettere sul tema dell'innovazione di prodotto affidandosi al mattoncino danese. “Dovrete creare - ha spiegato Michele Vianello, esperto di social networking, agenda digitale e smart cities – metafore tridimensionali di ciò che sta nella vostra testa. Dopodiché dovrete spiegarlo agli altri attraverso un lavoro di storytelling”. A raccogliere il guanto di sfida, grazie anche al supporto di Confindustria, Confapi e CNA, sono state 14 imprese che hanno partecipato alle due sessioni previste: Imab, Benelli Armi, Pensarecasa, Noctis, Arredoclassic, Sinergia, Guerrieri, Adv Medialab, Boxmarche, Effegomma, Fiam, Imar, Officina Meccanica Sorcinelli, Sap. Mondi diversi ma che hanno a che fare con la selezione naturale del mercato, che devono essere innovativi se vogliono restare competitivi. Vianello, che ha già sperimentato questo “esercizio per stimolare idee e risultati”, soprattutto nelle amministrazioni pubbliche (l'ultima volta in ordine di tempo con un gruppo di sindaci intenti nel trovare soluzioni di progettazione valide per le loro città) ha quindi aggiunto: <Benvenuti in questa follia: spegnete i cellulari e eliminate ogni forma di auto-referenzialità. Sentirsi bravi non basta: occorre che anche gli altri vi considerino bravi”. I gruppi, suddivisi in squadre, hanno ciascuno elaborato una propria interpretazione del concetto di innovazione. “Questo tipo di iniziative – ha commentato il professor Alessandro Bogliolo,  coordinatore della Scuola di Scienze e Tecnologie dell’Informazione e organizzatore dell’evento – è un metodo utile per mettere uno di fronte all'altro studenti, neo-laureati e imprenditori per condividere entusiasmo e competenze fuori dagli schemi”.          

« torna indietro

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2020 © Tutti i diritti sono riservati

Top