Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Studenti di Giurisprudenza in gara alla Competizione Italiana di Mediazione - Le finali a Milano il 16 e 17 Febbraio 2017 -

Comunicato stampa pubblicato il 01/12/2016

           La Competizione Italiana della Mediazione (CIM) organizzata da Camera Arbitrale di Milano, rivolta a tutte le Università italiane, vede in gara la squadra degli studenti di Giurisprudenza di Urbino, composta da Alessandra Gramolini, Chiara Benigni, Gertrude Laska, Giovanni Todaro, Virginia Morgani .  Ogni università può presentare una squadra con un Coach, Mediatore Professionista iscritto ad un Organismo di Mediazione riconosciuto dal Ministero di Giustizia.  Urbino sarà coordinata dai Geometri Giovanni Corsini e Alberto Campagna,  liberi professionisti iscritti al Collegio Geometri di Pesaro, che svolgono anche attività quali Mediatori presso la Sezione Geo-Cam di Pesaro e Co-Mediatori presso l’Organismo forense di Pesaro, oltre ad essere CTU per il Tribunale di Pesaro.

            Geo.C.A.M. Sezione di Pesaro accompagnerà la squadra dell’Università di Urbino e metterà a disposizione i propri mediatori al fine di preparare ed allenare i ragazzi che hanno aderito all’iniziativa, per poter partecipare alla prossima edizione 5° CIM che si svolgerà a Milano a il 16 e 17 Febbraio 2017.

            La “squadra” di Mediatori, appartenenti alla Sezione di Pesaro, ha partecipato alla competizione di mediazione nazionale delle Sezioni GEO-C.A.M. svoltasi a Roma nel luglio 2014, a Firenze nel Settembre 2015 ed a Rovigo nel Giugno 2016, classificandosi nelle prime due Edizioni al PRIMO posto e risultando FINALISTA nella terza.

            I seminari tenuti dai Geom. Campagna e Orsini per la preparazione degli studenti alla competizione, si inquadrano in un Laboratorio di Diritto Vivente organizzato dalla Scuola di Giurisprudenza, docenti responsabili Prof. Elisabetta Righini (corso di Diritto Commerciale) e Prof. Silvia Cecchini (corso di Diritto dell'Economia).

            I Mediatori Geo.C.A.M. hanno tenuto un Seminario per l’introduzione della Mediazione e dei sistemi ADR in generale, nonché illustrato la Competizione.

Individuati gli studenti che hanno scelto di partecipare, si stanno svolgendo degli incontri con cadenza mensile da Ottobre 2016 a Febbraio 2017, che hanno come temi la normativa del D.Lgs.28/2010, la Comunicazione, il BrainStorming, Tecnica delle Domande ecc.

L’iniziativa è interessante per l’Università di Urbino ed ha raccolto e stimolato la voglia e curiosità degli studenti.

            L'associazione nazionale geometri consulenti tecnici, arbitri e mediatori, denominata GEO-CAM ha carattere culturale ed  ha come scopi fondamentali: lo sviluppo della cultura della mediazione e della conciliazione attraverso lo studio, la ricerca, l'organizzazione di corsi di formazione e aggiornamento e la divulgazione dei metodi per la risoluzione dei conflitti e delle controversie, lo sviluppo della cultura in materia di consulenza tecnica in ambito giudiziario ed extragiudiziario e nelle procedure arbitrali. La Competizione delle Sezioni GeoCam prende spunto dalla Competizione Italiana di Mediazione CIM organizzata da Camera Arbitrale di Milano che è rivolta a tutte le Università italiane.

 

I criteri di valutazione dei valutatori osservano la capacità negoziale complessiva di cliente ed avvocato di ciascuna squadra.

Il Laboratorio si prefigge di formare i partecipanti alla cultura della mediazione come strumento per la risoluzione alternativa dei conflitti e per la conclusione positiva di negoziazioni commerciali.

I partecipanti acquisiranno competenze pratiche relative alla gestione di tutte le fasi di un processo di mediazione e negoziazione

Il laboratorio si svolge utilizzando varie metodologie didattiche, ci sono alcune parti svolte come lezioni frontali, per poi seguire un uso pressoché costante del role play così da cimentarsi in prima persona.

Le conoscenze già in possesso degli studenti vengono unite alla conoscenza di tale cultura, con un conseguente arricchimento di tutti i partecipanti.

La volontà è che al termine del laboratorio si saranno piantati i semi della cultura della Mediazione, che possano servire ai partecipanti, non solo nella vita professionale, ma soprattutto in quella di cittadini, per affrontare i conflitti, le trattative e i confronti con approccio aperto, costruttivo e risolutivo.

« torna indietro

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

numero verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2018 © Tutti i diritti sono riservati

Top