Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Mercoledì 6 dicembre all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare i risultati delle ricerche sui resti umani della Grotta dei Teschi di Tajmishte (Macedonia)

Comunicato stampa pubblicato il 04/12/2017

Mercoledì 6 dicembre all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – Laboratori Nazionali Gran Sasso – di Assergi (AQ) il dottor Michele Betti dell’Università di Urbino presenterà i risultati delle analisi condotte sui resti umani rinvenuti all’interno di una grotta in località Tajmishte in Macedonia nel 2016 nel corso del “Mavrovo Caving Project”. <Si è trattato di una datazione molto complicata> spiega Betti <in quanto ci veniva richiesta una perizia ufficiale che sgombrasse il campo da eventuali illazioni e strumentalizzazioni. In realtà i resti risalgono a un periodo compreso tra il I e il IV secolo dopo Cristo. A questo punto il lavoro consisterà nello stabilire se quella grotta sia da ritenersi un luogo di culto oppure se i resti siano giunti lì trascinati da fiumi sotterranei>.

La datazione dei reperti è stata ottenuta conducendo analisi di carattere biochimico, microscopico, radiochimico e ambientale a ritroso nel tempo, escludendo via via datazioni più recenti. Un lavoro multidisciplinare che ha coinvolto le Università di Urbino, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e l’Università inglese di Durham dove il professor Claudio Cavazzuti ha condotto le indagini bioarcheologiche sul materiale.

Due anni di esplorazioni e analisi, che oltre alle istituzioni citate hanno coinvolto anche gli speleologi che per primi avevano scoperto la grotta, come il Centro di Speleologia Montelago, il Gruppo Speleologico Urbinate, lo Speleo Club di Chieti e Spit Sport di Fano. Una storia ricca di misteri svelati che mercoledì ad Assergi sarà raccontata dalla viva voce dei protagonisti.

« torna indietro

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

numero verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2018 © Tutti i diritti sono riservati

Top