Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Quando la teoria incontra la realtà istituzionale: studenti in visita di istruzione a Roma

Comunicato stampa pubblicato il 31/05/2018

Si è svolta nei giorni scorsi una visita guidata, nel cuore delle Istituzioni italiane, riservata agli studenti più meritevoli del corso di Diritto costituzionale del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Urbino "Carlo Bo", dopo un’esperienza consolidata giunta ormai al settimo anno. Quest'anno, ad aprire le porte agli studenti sono stati il Garante per la protezione dei dati personali, il Senato della Repubblica e la Camera dei Deputati.

Tale iniziativa è parte integrante del corso di Diritto costituzionale ed è finalizzata ad approfondire, anche dal punto di vista del funzionamento quotidiano, lo studio di alcune delle principali Istituzioni ove vengono adottate le più importanti scelte legislative, politiche, economiche ed amministrative del nostro Paese. Come spiega proprio il Prof. Massimo Rubechi: “L’Università di Urbino è un ateneo a “misura di studente” che, al contempo, si confronta con il mondo esterno e consente, tra le altre cose, lo svolgimento di queste interessanti attività integrative alla didattica. Gli studenti selezionati hanno potuto così approfondire alcuni temi oggetto del programma del corso di Diritto costituzionale e conoscere da vicino le più importanti istituzioni italiane, altrimenti solo studiate sui libri di testo”.

Come primo appuntamento, gli studenti si sono recati presso il Garante per la protezione dei dati personali. Qui hanno incontrato la Prof.ssa Licia Califano (Componente del Collegio del Garante e ordinario di Diritto costituzionale alla Università degli studi di Urbino Carlo Bo), il Dott. Baldo Meo (dirigente del Servizio relazioni esterne e media), la Dott.ssa Michela Massimi (funzionaria responsabile dell’Ufficio Relazioni con il pubblico) e il Dott. Luigi Montuori (dirigente del Servizio relazioni internazionali e con l'Unione europea). "I vari relatori – prosegue il Professor Rubechi – hanno evidenziato il ruolo sempre più importante che questa Autorità amministrativa indipendente svolge nel nostro ordinamento a tutela del diritto fondamentale alla protezione dei dati personali, soprattutto in vista della ormai prossima applicazione del nuovo Regolamento europeo in materia di data protection. In questo contesto, i relatori si sono poi concentrati sull’ampia questione del trattamento dei dati personali nel mondo delle comunicazioni elettroniche e dei social media, ponendo in evidenza i rischi, le possibili forme di tutela e il ruolo sin qui svolto sia dalla Corte di Giustizia dell’UE che dalle Autorità di protezione dati europee e italiana.

Il Senato della Repubblica è stata la seconda tappa romana. Gli studenti hanno potuto visitare i luoghi più suggestivi di Palazzo Madama oltre ad accedere all’aula e sedere negli scranni dei Senatori.

Al termine della visita guidata, si è svolto l’incontro con Cons. Alessandro Goracci (Consigliere - Segretario della Commissione Affari Costituzionali) e il Cons. Stefano Marci (Servizio per la qualità degli atti normativi) presso la Sala della 1ª Commissione permanente (Affari Costituzionali) del Senato. Il Cons. Goracci ha relazionato sul funzionamento e sulle competenze della 1ª Commissione permanente, sull’iter di formazione delle leggi evidenziando in particolare il ruolo delle Commissioni parlamentari in questo procedimento.

Il Cons. Marci ha poi illustrato la mission del Servizio per la qualità degli atti normativi del Senato e sottolineato l’importanza della qualità della legislazione.

Inoltre gli studenti hanno avuto la possibilità di confrontarsi con il Sen. Vito Claudio Crimi Presidente della Commissione speciale per l’esame degli atti urgenti del Governo, che si riunisce anch’essa presso la Sala della Commissione Affari Costituzionali. Tale Commissione, istituita per consolidata prassi ad ogni inizio di legislatura presso entrambi i rami del Parlamento, si occupa di esaminare gli atti in scadenza trasmessi dal Governo che non possono attendere i tempi di perfezionamento dell’avvio della legislatura: su tutti i decreti legge emanati e ancora da convertire, gli schemi di decreto legislativo trasmessi alle Camere per l’espressione dei pareri, altri atti per i quali l’ordinamento prevede termini di presentazione perlopiù non perentori, come ad esempio il Documento di Economia e Finanza.

Il giorno successivo, a completamento della visita di istruzione, gli studenti si sono recati alla Camera dei Deputati per una visita guidata di Palazzo Montecitorio. Durante la visita, nei pressi del Transatlantico di Montecitorio hanno incontrato diversi parlamentari tra cui l’On. Emanuele Fiano, deputato del Partito Democratico e l’On. Gennaro Migliore, Sottosegretario alla Giustizia.

I due esponenti politici hanno risposto alle sollecitazioni e alle curiosità degli studenti sulla formazione del Governo in corso.

Al termine della visita guidata si è svolto l’incontro con il Vice Presidente, On. Ettore Rosato. Scenario dell’incontro è stata la sala di Montecitorio intitolata alla memoria dello statista Aldo Moro (Sala “Aldo Moro”).

L’On. Rosato ha illustrato in generale le molteplici funzioni del Parlamento, soffermandosi in particolare sui meccanismi di funzionamento della Camera e sui procedimenti parlamentari disciplinati dal regolamento. Non è mancato un confronto sulla formazione del Governo, sulla legge elettorale e sull’attualità politica.

Le domande degli studenti sono state numerose e il Vice presidente si è intrattenuto con loro con vivacità e cordialità.

Anche questa visita istituzionale conferma quanto sia importante per gli studenti coniugare lo studio teorico con un tipo di formazione più vicina al funzionamento, alle procedure e alle prassi delle principali Istituzioni del nostro Paese. Gli studenti hanno colto appieno questo spirito, dimostrando apprezzamento per l’iniziativa che rappresenta un punto di forza per un’Università ricca di stimoli e di opportunità come l’Ateneo urbinate.

« torna indietro

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

numero verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2018 © Tutti i diritti sono riservati

Top