Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


AGRI-SMART: Lo sviluppo inclusivo passa per l'agricoltura intelligente

Comunicato stampa pubblicato il 28/08/2018

Con una cerimonia ufficiale di inaugurazione prende il via questa mattina a Quelimane (Mozambico) il progetto Agri-SMART (http://www.agrismart.eu), un partenariato internazionale finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, che mira a dare una risposta efficace alle sfide di resilienza e sviluppo poste dai cambiamenti climatici in Mozambico.

<Il ruolo dell’Università di Urbino> spiega il professor Riccardo Santolini <sarà quello di esaminare e approfondire il tema degli ecosistemi dei distretti coinvolti, sia in senso ecologico che economico, allo scopo di offrire alle popolazioni la consapevolezza sul valore delle risorse agricole a disposizione. In questo modo potranno gestire al meglio le attività legate all’agricoltura mantenendone qualità ed ecosostenibilità>.

Il Contesto

In Mozambico, circa l’80% della popolazione dipende dall’agricoltura come fonte primaria di sostentamento. Il 95% del PIL nazionale è generato dal lavoro dei piccoli coltivatori, che lavorano però solo una piccola parte dei terreni arabili nel paese e lo fanno con metodi rudimentali, che rendono la produzione scarsa e poco diversificata.

Si tratta oltretutto di agricoltura itinerante – praticata con tecniche (debbio, aratura profonda) che degradano l’ambiente e liberano stock di carbonio – che non lascia spazio a iniziative di lavorazione dei prodotti e, dunque, a qualsiasi prospettiva di esportazione e guadagno.

Questo già instabile equilibro, è stato definitivamente turbato dagli shock climatici che si sono susseguiti nel paese negli ultimi 3 anni, facendo crescere il tasso di povertà fino al 55%.

Il Partenariato

Agri-SMART è realizzato da COSV insieme a CELIM, il gruppo di azione per la mitigazione del cambiamento climatico CarbonSink, la cooperativa sociale Eliante, le Università di Urbino e Milano, il Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME) e il Dipartimento per la Terra e l’Ambiente della Zambezia, Mozambico.

L’Intervento

Dando seguito al lavoro delle organizzazioni partner nella provincia della Zambezia e integrando percorsi di costruzione di resilienza e sviluppo diversificato intrapresi con la popolazione e il governo locale, per i prossimi 3 anni, l’intervento mirerà ad instaurare una produzione agricola fruttuosa e, al contempo, costruire le infrastrutture adatte alla trasformazione e alla commercializzazione dei prodotti.

Un percorso verso la piena sostenibilità della produzione, non solo per il sostentamento, ma anche per l’esportazione e il guadagno delle comunità locali.

La cerimonia

La cerimonia ufficiale di inaugurazione dell’iniziativa vede non solo la partecipazione di contadini e produttori, ma anche delle rappresentanze governative dei distretti di intervento, così come delle Direzioni Provinciali di Terra Ambiente e Sviluppo Rurale, Pesca e Agricoltura e Sicurezza Alimentare, segno della grande connessione e sinergia tra il team di progetto e le istituzioni locali, fondamentale per una cooperazione che possa avere risultati concreti di comprensione e buona gestione nel lungo periodo.

“È un orgoglio essere parte della creazione e del rafforzamento delle opportunità per gli attori economici locali, cercando di assicurare la loro integrazione formale nell'economia del territorio e generare un maggiore valore economico, sociale e culturale – ha affermato Giulia Zingaro, esperta di sviluppo rurale e rappresentante dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione, ed ha aggiunto - Vorrei anche evidenziare la centralità per la crescita della Provincia di una componente importante di questo progetto: la partecipazione dei giovani e l'attenzione alle donne. Siamo davvero ansiosi di monitorare i progressi e l’impatto di questa Azione”.

Soggetti coinvolti

Rappresentanti di:

Governo della Provincia della Zambézia

Direzione Provinciale Terra, Ambiente e Sviluppo Rurale – Zambèzia

Direzione Provinciale della Pesca

Direzione Provinciale dell’Agricoltura, Sicurezza alimentare – Zambézia

Instituto Agrario di Ricerca

Governo Distretto di Derre, Governo Distretto Namarroi, Governo Distretto di Lugela

Governo distretto di Gilé, Servizio Distrettuale Attivitá Economiche (Derre, Lugela, Gilé, Namarroi)

Servizio Distrettuale Pianificazione e Infrastruttura (Derre, Lugela, Gilé, Namarroi)

Radeza ONG Locale

Fondo Nazionale di sviluppo Sostenibile – Programma SUSTENTA

Fondo Sviluppo Agrario

Rappresentanti contadini e piccoli produttori (Derre, Lugela, Gilé, Namarroi)

« torna indietro

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

numero verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2018 © Tutti i diritti sono riservati

Top