Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Dal 21 maggio gli eventi in programma tra l’Ateneo e la Rete Italiana per il Dialogo Euro-Mediterraneo (RIDE-APS)

Comunicato stampa pubblicato il giorno 10/05/2019

La partecipazione dell’Università di Urbino alla Rete Italiana per il Dialogo Euro-Mediterraneo prevede diversi eventi:

Martedì 21 maggio avrà luogo al Conservatorio di Napoli l'evento "Il Mediterraneo che ci unisce". Verranno presentati due volumi della Collana di studi euro-mediterranei EPHESO, della Cisalpino-Istituto Editoriale Universitario: "Economia e diritto dei mercati nello spazio europeo: Dall'età antica all'età globale", a cura di Antonio Cantaro; e "Mediterranean, the Sea that Unites: New Prospects for the Agri-Food System", a cura di Desirée Quagliarotti ed Elena Viganò

In serata, seguirà la consegna del Premio EPHESO 2019 per i rapporti euro-mediterranei alla cantante tunisina M'Barka ben Taleb, che si esibirà nel recital di canzoni arabe, napoletane e napoletane tradotte in arabo " 'A luna rossa / Alquamar Al'Ahmar ".

Il 28 maggio sarà ospite del Dottorato in Global Studies dell’Università di Urbino l'Ambasciatore di Giordania, Fayiz Khouri. Interverranno il Rettore Stocchi e i proff. Di Uniurb Antonello Zanfei, Paolo Morozzo, Giuseppe Giliberti (in rappresentanza della Rete Italiana per il Dialogo Euro-Mediterraneo, cui Uniurb aderisce) e Igor Pellicciari (Ambasciatore di S. Marino in Giordania). L'incontro con gli studenti del dottorato inaugura la formula "Meeting with the Ambassador", in cui un diplomatico fa un breve discorso, chiacchiera informalmente con gli studenti per poi condividere un aperitivo. Il tema dell'incontro è "Europe and the Middle East". 

Il 12 giugno si terrà la conferenza stampa di presentazione del festival Popolinfesta (Fermignano-Gradara), cui parteciperanno, tra gli altri, i docenti dell’ateneo di Urbino Paolo MorozzoEduardo Barberis, Giuseppe Giliberti e il Segretario Generale della RIDE-APS Enrico Molinaro.  Direttrice artistica, M'Barka ben Taleb.  Il 15 giugno comincia il Festival. Tra gli organizzatori, Othman Yassine, laureato in Giurisprudenza ad Urbino, studente del Dottorato in Global Studies, consigliere comunale di Fermignano. Il Festival è stato proposto dal Ministero degli Affari Esteri come il primo contributo culturale italiano al "Summit delle due rive", convocato da Macron a Marsiglia nel 2020. Il Vertice, tra Portogallo, Spagna, Francia, Italia, Malta, Mauritania, Marocco, Tunisia, Algeria, Libia" (i cosiddetti paesi "5+5"), avrà come oggetto la cooperazione culturale. L'Italia presenterà a Marsiglia due esperienze: Popolinfesta come buona pratica di collaborazione tra enti locali, università e comunità di immigrati; e l'ambizioso progetto "Scaena Mediterranea", sulla messa in rete e la valorizzazione dei teatri greco-romani del Mediterraneo. A questo progetto partecipa, tra gli altri, la professoressa di Uniurb Liana Lomiento

« torna indietro

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top