Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Aspiranti mediatori si sfidano dall'8 ottobre a Milano nel torneo fra 17 università italiane. Premiato chi sa fare squadra, comunicare e negoziare

Comunicato stampa pubblicato il giorno 07/10/2020

Per tre giorni, a partire da domani 8 ottobre, 120 studenti divisi in 20 squadre in rappresentanza di 17 Università italiane si sfidano per aggiudicarsi il titolo di miglior mediatore di controversie, nell’arena dell’8° Competizione Italiana di Mediazione, organizzata dalla Camera Arbitrale di Milano, con la collaborazione e il patrocinio dell’Università degli Studi di Milano e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Novità assoluta: a causa della pandemia da Coronavirus, quest’anno la gara si tiene per la prima volta online: tre giorni di sfida (8-9-10 ottobre) e uno di premiazione (17 ottobre) interamente a distanza, con un notevole sforzo organizzativo e un positivo impatto ambientale. Secondo una stima della Camera Arbitrale di Milano, questa edizione genera un taglio di -6,96 tonnellate di emissioni nocive di CO2, calcolando i mancati spostamenti in treno, aereo e auto di 120 studenti per 4 giornate provenienti dalle diverse sedi delle Università partecipanti). In altri termini, questo beneficio ecologico è pari ad una mancata produzione di 1.166 kg di plastica (per creare 1 kg di plastica, che deriva dal petrolio, s’immettono nell’atmosfera 6 kg di CO2).(Fonte: dati elaborati sulla base della Tabella della sostenibilità di Legambiente, Ecologia quotidiana e CoopFirenze).

Casi giuridici. I 120 ragazzi si dividono in 20 squadre. Hanno 4 casi legali su cui confrontarsi tratti per la maggior parte da vicende realmente accadute. Il primo caso “La libreria di Pepe” riguarda una libreria storica che deve abbandonare i propri locali, tra le proteste della clientela. Sarà poi il turno di “Una società ingolfata”, una lite tra due soci, amici da una vita, ma divisi su come gestire una situazione critica. La terza vicenda, di grande attualità, riguarda un condominio molto conflittuale dove si contrappongono un amministratore preoccupato e il rappresentante di un’associazione che ospita migranti. Il quarto caso è invece di pura fantasia e vedrà le parti proiettate in un futuro distopico, dove potenti multinazionali si contendono preziosi brevetti. Ogni caso verrà affrontato dagli studenti universitari, attraverso l’utilizzo di tecniche di mediazione, apprese durante il corso di laurea e applicate in concreto in gara. La squadra sceglie quale membro del team  schierare a seconda del tema. Attorno ad ogni caso, due studenti indossano le vesti degli avvocati difensori e due i panni della parte in causa. Il confronto tra le parti è gestito da un mediatore professionista.

Tutti gli Atenei partecipanti: l’edizione di quest’anno vedrà partecipare 120 studenti in rappresentanza di 17 atenei provenienti da tutta Italia: Bari, Bergamo, Brescia, Camerino, Firenze, LUISS (Roma), Milano Bicocca, Milano Cattolica (co-organizzatore), Milano Statale (co-organizzatore), Pavia, Piemonte Orientale (Alessandria), Salento (Lecce), Telematica Pegaso, Torino, Trento, Urbino, Verona.

Giuria. I ragazzi sono giudicati da una giuria composta da due mediatori professionisti e uno della “next generation”, cioè un ex studente che ha gareggiato alle precedenti edizioni. Vincitore: viene premiato chi dimostra capacità di lavorare in gruppo, doti di comunicazione efficace e competenze di negoziazione. Vince la squadra che ha totalizzato il maggior numero di punti grazie alle doti manifestate dai suoi membri e valutate dalla giuria.

Previsioni di assunzione. Saper lavorare in squadra è una delle competenze “con grado di importanza elevato” maggiormente richieste dalle imprese italiane. Secondo il Rapporto Unioncamere-ANPAL su dati del Sistema Informativo Excelsior, basato sulle previsioni di assunzione da parte delle imprese, risulta che il 78% delle imprese italiane chiede a gran voce che il neolaureato sappia lavorare in gruppo, richieste anche flessibilità e adattamento (82,3%) e problem solving (74,9%). Competenze considerate centrali anche per le imprese lombarde: 53,2% chiede capacità di lavorare in gruppo, 65,9% flessibilità e adattamento. Per le imprese milanesi: la capacità di lavorare in gruppo è una competenza ad elevato grado di importanza per il 57,3%, richieste flessibilità e adattamento per il 67,2% delle imprese milanesi. (Fonte dati: Unioncamere-ANPAL, Sistema Informativo Excelsior dati 2018). Secondo gli ultimi dati presentati a settembre 2020 la domanda di lavoro delle imprese in Italia nel mese di settembre è di 310.570 unità, di queste 13.580 (circa il 5%) riguarda l’area legale e amministrativa. Le previsioni di assunzione tra settembre e novembre 2020 in Italia riguardano 862.320 lavoratori, di cui 193.200 in Lombardia, 90.950 a Milano, 12.090 a Monza e 2.520 a Lodi. Le 5 province con più assunzioni previste sono Milano, Roma, Torino, Napoli, Brescia. Le 10 province che offrono più opportunità di lavoro ai giovani sono Biella (36,4% delle possibili assunzioni sono giovani con meno di 29 anni), seguono Novara (36,1%), Belluno, Sondrio, Terni, Lodi, Genova, Venezia, Vercelli, La Spezia. (Fonte: Unioncamere-ANPAL, Sistema Informativo Excelsior, settembre 2020).

“Con questo evento di portata nazionale – ha dichiarato Stefano Azzali, Direttore Generale della Camera Arbitrale di Milano-  il nostro obiettivo è quello di promuovere e diffondere anche a livello universitario la cultura della mediazione, come strumento di risoluzione alternativa delle controversie, rispetto al procedimento del Tribunale ordinario. La mediazione se fatta bene, fa bene alla giustizia, all’economia e alla società. “La Competizione Italiana di Mediazione rappresenta il modo migliore per stimolare le vocazioni degli studenti italiani e per indirizzarli a coltivare le competenze necessarie per diventare futuri mediatori. Non basta solo una buona conoscenza del diritto, chi opera in una mediazione deve acquisire capacità di ascolto, problem solving, doti comunicative e di negoziazione”.

"La Competizione italiana di mediazione è stato il primo moot studentesco a livello nazionale che punta sulle abilità negoziali e conciliative. Oggi la nostra università offre agli studenti una decina circa tra moot studenteschi e cliniche legali. Il mooting è diventato sempre più importante nelle facoltà di legge, che tradizionalmente hanno sempre vissuto il problema di offrire poco training pratico ai giuristi in formazione. Queste esperienze sono importanti sia da un punto di vista professionale che umano, per i legami che si creano e per la sicurezza che gli studenti acquisiscono nel parteciparvi" commenta Luigi Cominelli, Professore di Negoziazione e Mediazione dell’Università Statale di Milano.

“L’esperienza che l’Università Cattolica di Milano offre agli studenti che partecipano a questo ormai tradizionale moot universitario è funzionale a potenziare le abilità nella comunicazione, a sviluppare pensiero critico, leadership e capacità di lavorare in team (soft skills), che si uniscono alle già maturate competenze tecniche in ambito giuridico - ha spiegato Raffaella Muroni, docente del corso di Cliniche Legali di Diritto Civile e Commerciale dell’Università Cattolica a Milano. Nel mio duplice ruolo di tutor nella preparazione della squadra e di responsabile delle Cliniche legali, in questi anni ho colto e condiviso con gli studenti impegno, determinazione ed entusiasmo, a conferma dell’importanza di continuare a potenziare queste iniziative”.

 

Cosa è. La Competizione Italiana di Mediazione è una gara tra studenti di università italiane sul tema della mediazione. Ogni anno gli studenti universitari di varie università italiane, insieme ai loro docenti e coach, si danno appuntamento a Milano e si sfidano davanti a mediatori professionisti. Questa ottava edizione dura tre giorni, 8-9-10- ottobre  2020 con la premiazione al 17 ottobre.

Precedenti edizioni: lo scorso anno sul podio tre università milanesi: Statale, seconda Cattolica e terza Bicocca. Per due volte vincitrici Milano Statale (2018 e 2019) e Trento (nel 2014 e 2015). Bologna vincitrice della prima edizione (2013), seguita da Bergamo (2016) Sassari (2017). 32 le università italiane coinvolte nel corso degli anni, con la partecipazione di più di 1000 tra studenti e professionisti.

Il racconto di una storia di successo: il testimonial: dalla gara alla realtà. Diversi sono i ragazzi che avendo partecipato alle precedenti edizioni della competizione di mediazione hanno poi sfruttato con successo questa competenza. E’ ad esempio il caso di Andrea Moneta che ha partecipato negli anni scorsi alla Competizione come componente della squadra dell’Università di Milano Bicocca e oggi, diventato avvocato, assiste i propri clienti in vere mediazioni e ritorna alla competizione, ma questa volta nelle vesti di valutatore. “La CIM è un’esperienza incredibile -ha dichiarato Andrea Moneta-  che permette agli studenti universitari di mettere finalmente in pratica tutte le tecniche negoziali che hanno studiato e imparato. È una competizione che tutti dovrebbero fare”.

Premi: oltre a premiare la migliore squadra, è prevista anche l’assegnazione di riconoscimenti ai team che si distinguono per le competenze maturate su ambiti specifici come la capacità di saper fare squadra, gli skills di comunicazione efficace, l’abilità a negoziare.

« torna indietro

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top