Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Nuove resistenze e fascismi digitali. Se ne parla sabato 29 marzo alle 17

Comunicato stampa pubblicato il giorno 25/03/2014

Sede ANPI di Urbino, Via Oddi, 11

Con Giovanni Torrisi e Fabio Giglietto dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo

I fascismi, da Goebbels a Pavolini, hanno sempre fatto uso delle nuove tecnologie per veicolare e imporre culturalmente le proprie visioni del mondo. Dai cinegiornali al web, dalla radio ai social network, i fascismi usano gli strumenti della comunicazione per acquisire e mantenere consenso e supporto, imbastendo una propaganda martellante e mettendo a tacere le voci dissonanti. C’è però un’importante differenza rispetto al passato, implicita nella configurazione dei nuovi mezzi di comunicazione. Se stampa, cinegiornali e radio sono dei mezzi unidirezionali, cioè il ricevente del messaggio non può interagire, web e social network richiedono, per definizione e per la loro stessa sopravvivenza, un ingente contributo da tutti i partecipanti alla comunicazione. I fascismi si ritrovano così costretti al confronto con idee alternative. Parallelamente sorgono nuove resistenze, resistenze digitali alla discriminazione, all’oppressione, all’egoismo mitizzato dell’etnia e del territorio come recinto. Nel corso degli ultimi anni abbiamo assistito, solo per citare alcuni esempi, al ruolo giocato da Facebook e Twitter durante le primavere arabe, alle rivelazioni di Wikileaks e Edward Snowden sui segreti di Stati democratici e all’emergere di movimenti politici che indicano la rete come nuovo spazio della partecipazione. Ha dunque ragione chi sostiene che web e social network sono ambienti intrinsecamente democratici? O non è piuttosto vero, come sostengono altri, che questi spazi supportano forme di attivismo sterili e strategie di controllo più che mai pervasive?  

« torna indietro

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2020 © Tutti i diritti sono riservati

Top