Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


A.A. Sede
2010/2011

Obiettivi formativi

Il Master, di durata annuale, ha come obiettivo la formazione di una figura professionale con funzione di coordinamento, progettazione ed attuazione delle strategie redazionali per l'informazione culturale nell'ambito di diversi media (quotidiani su carta e online, periodici e riviste, radio, televisione, new media) ma anche all'interno di tutti quegli enti pubblici e privati che organizzino con regolarità manifestazioni di carattere culturale e soprattutto negli uffici stampa. Per i tratti al tempo stesso specifici e assai articolati del campo in cui opera, l'informazione culturale si differenzia rispetto ad altri generi di informazione e il relativo lavoro richiede dunque (oltre ovviamente a una solida preparazione di base) da un lato una conoscenza approfondita e costantemente aggiornata del panorama culturale italiano e internazionale, dall'altro la capacità di tradurre in termini progettuali e produttivi l'esperienza acquisita. Scopo del Master è quindi fornire strumenti adeguati per una professionalità all'avanguardia nel panorama dell'imprenditoria e del mercato dell'informazione culturale.

Nel corso degli incontri ampio spazio verrà dato alle fasi progettuali e organizzative che passano fra la committenza di un intervento culturale e la sua "pubblicazione". Oltre a una serie di approfondimenti sull'evoluzione del mercato editoriale e sugli strumenti tecnologici che saranno di uso quotidiano nel suo lavoro, al frequentante verrà proposto un aggiornamento culturale rivolto soprattutto al rapporto tra produzione culturale (letteratura, teatro, cinema, musica, arte, spettacolo, fashion, discografia, prodotti audiovisivi), editoria e giornalismo, nonché una specifica preparazione nell'elaborazione dei testi. L'esperienza diretta di stages alla fine del Master completerà infine la sua preparazione, fornendogli l'opportunità di verificare e mettere a punto strumenti di intervento che non possono rimanere soltanto teorici.

 

Redazione culturale nei quotidiani e nei periodici; programmi culturali nelle radio e nelle televisioni; gestione di siti web per l'informazione culturale; uffici stampa in manifestazioni culturali, festival e case editrici; organizzazione di eventi culturali presso enti pubblici e privati.

La redazione culturale, l'informazione culturale e il testo

Quali prerogative è lecito attendersi da un redattore culturale e cosa lo differenzia da un altro genere di redattore: questioni relative alla formazione e alle relazioni esterne di cui deve dotarsi. Diversi modi di concepire e scrivere un'intervista e il lavoro che deve precederla. Come organizzare una pagina della cultura all'interno di un quotidiano. Diverse tipologie di pagine, monografiche, frammentate, vincolate a una notizia di attualità o meno; come concepire i diversi generi - interviste, commenti, recensioni, fondi, obituaries, corsivi, polemiche - quando a ospitarli è una pagina della cultura. Valutazione di un testo a partire, prima ancora del suo contenuto, da tutti quei fattori materici che intervengono a determinarne la ricezione. Esempi singoli proiettati sullo sfondo della sociologia del testo allo scopo di imparare a vagliare la natura dei condizionamenti che ogni veste editoriale, o contenitore di qualsivoglia prodotto culturale portano con sé. Cosa fa di un testo un libro o un testo "pubblico": gli interventi dell'autore, quelli dell'editore, quelli dei media che se ne occupano.

12 crediti

La pagina culturale, l'intervista, gli inserti culturali e l'editing

Come si organizza un inserto culturale dedicato a un argomento specifico e venduto insieme al giornale come un corpo separato. Editing di un articolo culturale o di una intervista: esempi di pezzi impeccabili, mediocri, irredimibili. I confini entro i quali l'importanza della forma e quella del contenuto possono compensare le reciproche défaillances.

12 crediti

Festival culturali e Fiere del libro, Ufficio stampa per la cultura

I festival culturali: loro differenze, come nascono, come si organizzano, come è possibile scriverne da parte di un redattore culturale piuttosto che darne un resoconto da parte di un conduttore radiofonico o televisivo.Le fiere del libro: una storia lunga alcuni secoli. Qual è il loro scopo, come si sono evolute e come sono degenerate nel tempo, cosa ci si può aspettare di trovare e cosa ci si può scordare di incontrare. Rapporti con gli uffici stampa. Tessitura di un pool di collaboratori, il rapporto con i corrispondenti e gli inviati. Il lavoro dell'ufficio stampa nell'organizzazione di eventi culturali e nelle case editrici.

8 crediti

Radio, televisione, internet, webtv e booktrailers

Come comporre la varietà di una trasmissione radiofonica o televisiva che si proponga di aggiornare sulla attualità culturale. O, al contrario, come organizzare una serie monografica di trasmissioni centrate su un unico tema. L'informazione culturale nella rete. Realizzazione e progettazione di booktrailers. L'informazione culturale nelle webtv.

8 crediti

La trasmissione dei processi culturali

Come valutare la dinamica storica dei processi culturali, dall'antichità ai giorni nostri, in rapporto con le esigenze di ricezione e comprensione del pubblico cui è destinata l'informazione culturale.

4 crediti

Altre attività (partecipazione a seminari, esercitazioni nell'informazione culturale, pubblicazioni, produzioni multimediali o attività affini).

7 crediti

Stage o Project Work

6 crediti

Prova finale

3 crediti

La struttura del Master annuale prevede complessivamente non meno di 1500 ore di attività formative.

Al termine dei corsi sono previste prove di accertamento scritte, orali o pratiche. Il superamento delle prove consentirà agli studenti di accedere a stages, della durata di almeno tre mesi, presso periodici, radio, televisioni, uffici stampa, case editrici o altre aziende convenzionate, ove operino redazioni culturali. L'attività svolta in sede di stage verrà inoltre valutata con la presentazione di un elaborato scritto da discutersi in sede di prova finale.

Chi non svolga attività di stage dovrà comunque presentare, ai fini del conseguimento del diploma, un Project Work relativo alla figura professionale delineata dal Master, oltre a un elaborato scritto su argomento concordato con il Comitato Scientifico del Master, da discutersi in sede di prova finale.

La prova finale sarà sostenuta alla presenza di una Commissione formata da 3 membri del Collegio docenti.

Per il rilascio del diploma occorre aver frequentato almeno i due terzi delle lezioni.
Il diploma recherà una votazione complessiva espressa in 110.

 

 

Il Master è alla quarta edizione.

Molti degli ex allievi lavorano già in aziende che operano nell'informazione culturale, ad esempio presso l'ufficio stampa Delos (www.delosrp.it), l'ufficio stampa della casa editrice Marcos y Marcos (www.marcosymarcos.com), Wuz (www.wuz.it), etc. Altri hanno creato aziende specializzate in organizzazione e comunicazione di eventi culturali come Echo (www.echomunica.com). Altri ancora collaborano con varie testate giornalistiche come Il mucchio selvaggio (www.ilmucchio.it), Bookchannel (www.bookchannel.it), Milano Nera (www.milanonera.com), etc.

E' possibile prendere contatto con docenti, allievi ed ex-allievi del Master nel gruppo Facebook I Professionisti dell'informazione culturale (http://www.facebook.com/?ref=home#!/group.php?gid=54339486360&ref=ts)

Gli allievi del Master hanno aperto insieme ai docenti un blog, che si chiama net_urbino (http://net-urbino.blogspot.com/), dove inseriscono alcuni dei lavori elaborati durante il periodo dell'attività didattica.

All'indirizzo http://www.uniurb.it/it/prestitodonore sono disponibili le informazioni relative alla possibilità di ottenere presso la Banca delle Marche un prestito d'onore, riservato agli iscritti ai corsi dell'Università di Urbino 'Carlo Bo', per finanziare le spese di partecipazione al Master.

 


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top