Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


A.A. Sede
2014/2015

Obiettivi formativi

Il principale obiettivo di questo singolare corso universitario di alta formazione, inteso come espressione della necessità di sviluppare approfondimenti teorici e metodologici e acquisire ambiti di competenza più elevati ed estesi nel settore agroalimentare ed enogastronomico italiano, è quello di formare nuove figure professionali – Narratore del Gusto e della Cultura, Comunicatore del Benessere e Selezionatore delle Tipicità italiane – attraverso lo studio dell'analisi sensoriale, della fisiologia del gusto e dello stretto legame tra produttori, prodotti e territori che li esprimono, migliorando, nel contempo, la cultura del cibo e rendendo protagonisti non solo questi “gioielli” della terra ma anche gli artigiani del gusto che li creano. Il nostro Paese è ricco di prodotti agroalimentari ed enogastronomici di alta qualità. Questi prodotti sono i protagonisti della sua cultura e rappresentano un significativo legame con la terra e dunque un'eccezionale via d'accesso alle conoscenze tecnico-scientifiche ed economico-sociali che sono alla base di un'equilibrata gestione e di un'ottimale valorizzazione del territorio. Ma occorre produrre rispettando il territorio e valorizzando anche le sue caratteristiche geologiche e geomorfologiche per produrre qualità che diventa specificità per maturare in unicità. Condivisione quindi delle conoscenze scientifiche correlate con i prodotti agroalimentari attraverso nuove forme di approccio alla consapevolezza del territorio, tra natura e cultura. E' necessario anche migliorare la presentazione dei nostri prodotti “buoni”, prodotti che meritano non solo un racconto ma meritano di essere raccontati bene. Il racconto, quindi, come elemento fondamentale, innovativo e promozionale. Ma occorre saper raccontare al pubblico cosa c'è dentro il prodotto buono, saper raccontare la sua anima e il suo cuore per far parlare la mente e il cuore prima che il prodotto arrivi al palato, saper raccontare perché un prodotto buono ha un valore così diverso da un altro prodotto simile e saper raccontare la cultura e la bellezza del luogo nel quale questo prodotto buono nasce. E per essere credibile, il narratore del gusto deve saper raccontare non solo i prodotti del proprio luogo ma anche quello degli altri luoghi. Tutto questo senza tralasciare di fornire indicazioni sul rapporto prezzo-qualità che offrano soluzioni appropriate per affrontare la crisi secondo principi di avanzata sostenibilità. I Narratori del Gusto e della Cultura, i Comunicatori del Benessere e i Selezionatori delle Tipicità italiane valorizzeranno le 5T (Tradizione, Tipicità, Territorio, Trasparenza, Tracciabilità) pensando ad un “tavolo delle delizie” che ha sapore di futuro ma che è perfettamente coniugato con la forza della tradizione. A metà strada quindi tra scienziati-divulgatori ed esperti di prodotti agroalimentari ed enogastronomici di alta qualità, del gusto e di comunicazione, queste nuove figure professionali possono contribuire a contrastare la crisi e a guardare con più fiducia al futuro. Con lo sguardo rivolto verso l'Expo 2015, un nuovo modo di “guardare avanti” per realizzare un patto del buongusto con le aziende agricole e con la distribuzione.

Sbocchi professionali si apriranno nel settore dell'agroalimentare e in quelli del turismo enogastronomico, della comunicazione del paniere delle produzioni e della ristorazione e dell'hotellerie. In particolare emergerà una nuova figura professionale, l'esperto "Selezionatore delle Tipicità italiane", che si dedicherà alla selezione della qualità, dell'unicità e dell'autenticità delle produzioni, sempre sostenute dalla spinta emozionale.

Al termine del corso gli allievi avranno raggiunto una sistematica comprensione di questo particolare settore e sviluppato particolari capacità di apprendimento che consentiranno loro di procedere in modo autonomo. Essi saranno capaci di applicare le loro conoscenze e capacità di comprensione in contesti lavorativi e di comunicare queste conoscenze e capacità di comprensione alla più ampia comunità di interlocutori specialisti e non specialisti. Inoltre, saranno in grado di concepire, progettare, realizzare, adattare e promuovere con notevole autonomia anche specifici progetti nel settore.

I principali temi del corso sono: geologia e geomorfologia, geologia medica, geopedologia, geochimica, geologia e vino, il sapore dell'acqua, produzione agroalimentare ed enologica, proprietà organolettiche dei prodotti tipici, conoscenza dei terroir, analisi sensoriale dei prodotti, fisiologia del organi di senso, fisiologia del gusto, denominazione di origine e marchi di certificazione, economia e cultura agroalimentare, conservazione del cibo, storia antica e storia dell'arte, città e paesi, arte e artigianato artistico, letteratura-folklore-turismo, processi culturali e comunicativi. Il piano del corso prevede attività formative per un totale di 250 ore distribuite in 78 ore di lezioni frontali, 28 ore di stage, 22 ore per project work, 50 ore di visite guidate, 64 ore di studio individuale e 8 ore per la prova finale. La durata del corso, che si svolgerà presso il Campus "E. Mattei" dell'Università degli Studi di Urbino, è di sei settimane, dal 6 ottobre al 14 novembre 2014. Le attività formative si svolgeranno dal lunedì al venerdì. Sono previste verifiche didattiche intermedie per i diversi insegnamenti che avverranno durante le lezioni sotto forma di colloquio individuale e la presentazione di un report individuale come prova finale. Il corso prevede il riconoscimento di 10 Crediti Formativi Universitari (CFU). Ai partecipanti al corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione, subordinato alla frequenza obbligatoria di almeno 2/3 delle ore complessive di attività formative.

La prova finale si svolgerà dopo la conclusione delle attività formative, nel periodo 24-28 novembre 2014, e consisterà nella valutazione da parte di una commissione composta dal Direttore del corso e da due docenti esterni di un report individuale relativo alla valorizzazione di uno o più prodotti presi in considerazione durante il corso e del grado di maturazione raggiunto.

Questo singolare corso di perfezionamento, che rappresenta un progetto innovativo e virtuoso che tutela la salute, la buona tavola, la sostenibilità e la solidarietà, ma anche la natura e il paesaggio, consentirà di formare nuove figure professionali – Narratore del Gusto e della Cultura, Comunicatore del Benessere e Selezionatore delle Tipicità italiane – a metà strada tra scienziati-divulgatori ed esperti di prodotti agroalimentari ed enogastronomici di alta qualità, del gusto e di comunicazione.


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top