Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


Facoltà di Scienze e Tecnologie

A.A. Classe Sede
2009/2010 L-34 SCIENZE GEOLOGICHE

Obiettivi formativi

Il Corso di Laurea in Scienze Geologiche e Gestione del Territorio si rivolge a chi è interessato a comprendere i processi geologici che sono alla base della continua evoluzione del nostro pianeta, permettendo l'acquisizione delle conoscenze di base, degli strumenti analitici e dei metodi di indagine utilizzati nel campo delle Scienze della Terra, sia sul terreno sia in laboratorio. Il corso si propone di formare una figura professionale che risponda alle direttive della Comunità Europea per la professione di Geologo Junior nell'ambito della gestione territoriale, della programmazione e conservazione dell'ambiente, della ricerca ed utilizzo delle georisorse e del monitoraggio e mitigazione dei rischi naturali. Propone percorsi formativi orientati verso una conoscenza geologica mirata al riconoscimento dei parametri utili alla risoluzione di problemi applicativi e alla corretta gestione e salvaguardia del territorio (compresa la legislazione dell'ambiente). Verranno, inoltre, fornite le metodologie per l'informatizzazione, l'elaborazione e la gestione di dati a carattere geologico-territoriale (GIS). I laureati apprenderanno conoscenze terminologiche e linguistiche, durante i corsi di insegnamento, anche attraverso l'utilizzo di siti WEB internazionali tali da permettere l'accesso alle informazioni scientifiche nei vari ambiti disciplinari delle Scienze della Terra.

Scienze geologiche e gestione del territorio (L-34)

Il Corso di Laurea in Scienze Geologiche e Gestione del Territorio, oltre all'accesso alle lauree di secondo livello, consente l'ingresso nel mondo del lavoro nelle amministrazioni pubbliche, ai vari gradi di carriera, e nell'imprenditoria privata attraverso la professione di geologo. Le conoscenze acquisite durante il corso di studi permetteranno infatti ai laureati di poter sostenere l'esame di abilitazione per la professione di Geologo Junior (iscrizione all'Albo specifico nella "Sezione dei Geologi Juniores"; DPR, 5 Giugno 2001, n. 328). I laureati potranno svolgere attività professionali in tutti gli ambiti delle Scienze della Terra, quali la cartografia geomorfologica e geologica tematica, le indagini geognostiche e l'esplorazione del sottosuolo (anche con metodi geofisici), il reperimento, la valutazione, la gestione delle georisorse (comprese quelle idriche), la valutazione e prevenzione del degrado dei versanti, l'analisi petrografica e la certificazione dei materiali geologici, i rilievi geodetici, topografici ed oceanografici. Le professionalità acquisite potranno trovare applicazione in enti pubblici, istituzioni, aziende, società e studi professionali. L'accesso all'insegnamento in specifici gradi scolastici o universitari è vincolato dalla normativa in vigore. Nell'ambito della classificazione Istat delle professioni (NUP 2007), il Corso di Laurea in Scienze Geologiche e Gestione del Territorio forma delle specifiche figure professionali appartenenti prevalentemente ai seguenti gruppi: Geologi, Paleontologi, Geofisici, Guide ed accompagnatori specializzati, Tecnici dei musei.

Il Corso si propone di far sviluppare conoscenze e capacità di comprensione attraverso l'acquisizione di competenze analitiche di base, sia teoriche sia pratiche, nei diversi settori delle Scienze della Terra. A tal fine saranno utilizzati specifici metodi di indagine quali: a) l'analisi degli elementi fondamentali della geosfera e dell'idrosfera; b) il riconoscimento dei componenti paleontologici, mineralogici e petrografici che costituiscono le rocce (microscopia ottica); c) lo studio, la ricostruzione e l'evoluzione dei processi geologici (riconoscimento, rilevamento sul terreno e telerilevamento); d) la lettura e comprensione di carte geologiche e tematiche; e) l'impiego di sistemi diagnostici operativi di terreno e laboratorio (indagini e prove in sito ed analisi e prove geotecniche di laboratorio). Verranno, inoltre, acquisite le competenze e le metodologie per l'informatizzazione, l'elaborazione e la gestione di dati a carattere geologico-territoriale (GIS). Il grado di apprendimento troverà riscontro anche nell'uso pertinente di libri di testo avanzati e sarà valutato mediante esami di profitto e prove pratiche orali e scritte. Le conoscenze e le capacità di comprensione assimilate durante il corso di studi permetteranno ai laureati di operare con professionalità nell'ambito dell'acquisizione di dati e parametri per la valorizzazione, lo sfruttamento e la protezione delle risorse naturali e territoriali, in modo particolare nel riconoscimento delle forme del territorio, nella classificazione litologica e tecnica e nella restituzione ed elaborazione di carte geologiche e tematiche anche mediante metodi informatici. I laureati saranno in grado di svolgere compiti tecnici, gestionali ed attività professionali nel campo della geologia applicata. Avranno capacità operative autonome e possibilità di inserimento in ambienti di lavoro nazionale ed internazionale, essendo in grado di utilizzare adeguatamente competenze per la comprensione e la gestione dei dati scientifici e la conoscenza di una lingua straniera. La capacità di applicare conoscenze e comprensione saranno valutate in base alla correttezza metodologica, alla organicità delle articolazioni interdisciplinari e al grado di approfondimento nel contesto evolutivo spazio-temporale. La capacità di raccogliere ed interpretare dati scientifici di competenza geologica viene sviluppata in una prima fase durante le lezioni di laboratorio ed esercitazioni pratiche sul terreno, in cui lo studente è coinvolto direttamente nella preparazione ed esecuzione delle varie metodiche di analisi e prove. Inoltre durante lo svolgimento di attività di tirocinio lo studente potrà confrontare le proprie capacità e competenze acquisite con le richieste del mondo del lavoro. L'autonomia di giudizio sarà stimolata e verificata anche mediante la redazione della Prova Finale, attraverso la quale lo studente avrà l'opportunità di analizzare, gestire, elaborare ed approfondire le informazioni ed i dati raccolti. Durante questo percorso formativo i laureati acquisiranno anche competenze riguardo la risoluzione di problematiche socio-economiche e culturali che coinvolgono direttamente la gestione e l'utilizzo del territorio. Le capacità di comunicazione verranno acquisite, migliorate e praticate in differenti situazioni: durante gli esami di profitto, sia attraverso l'esposizione orale delle proprie conoscenze e/o la stesura di brevi relazioni scritte; in occasione di seminari didattici che avvicineranno e predisporranno gli studenti a discussioni e confronti dialettici a carattere scientifico su argomenti specifici; infine, la presentazione ed esposizione del lavoro relativo alla Prova Finale rappresentano una ulteriore opportunità per l'esplicitazione delle proprie capacità comunicative. La capacità di apprendimento sarà sviluppata durante lo svolgimento degli insegnamenti (lezioni frontali) e stimolata attraverso lo scambio di informazioni nell'ambito di attività di gruppo sul terreno ed in laboratorio (escursioni ed esercitazioni pratiche). Essa sarà valutata dai docenti (esami di profitto) tenendo conto anche della capacità dello studente di intraprendere approfondimenti in modo autonomo, in particolar modo durante l'elaborazione della Prova Finale. Il conseguimento di questi obiettivi costituisce il presupposto per intraprendere studi di grado superiore.

Prerequisiti consigliati/obbligatori, prove di ammissione e/o di orientamento

Per l'accesso al Corso di Laurea in Scienze Geologiche e Gestione del Territorio è richiesto il possesso del diploma di Scuola Secondaria Superiore o di altro titolo di studio equipollente conseguito al di fuori del territorio nazionale. L'adeguata preparazione iniziale sarà verificata attraverso un test di ingresso a carattere non selettivo ed il cui esito non pregiudicherà l'iscrizione e la fruizione del percorso formativo scelto. Il test verterà su argomenti relativi a discipline scientifiche di base e su capacità logico-deduttive. Lo scopo di tale procedura è solo quello di fornire indicazioni sul grado di conoscenza culturale complessiva e sulle eventuali lacune di preparazione delle matricole e, quindi, di programmare specifiche attività didattiche aggiuntive che lo studente sarà tenuto obbligatoriamente a seguire entro il primo anno.

Il primo anno del Corso di Laurea prevede insegnamenti atti a fornire allo studente competenze di base nell'ambito scientifico ed una conoscenza ad ampio spettro dei processi geologici, endogeni ed esogeni, che controllano l'evoluzione del pianeta Terra. Il secondo ed il terzo anno prevedono insegnamenti caratterizzanti nell'ambito geologico e nella gestione del territorio secondo i due curricula proposti: "geologico-tecnico" e "geologico-territoriale". Oltre alle lezioni frontali organizzate in semestri e svolte in aula con il supporto di strumenti audiovisivi, il Corso di Laurea prevede attività di laboratorio (paleontologico, mineralogico-petrografico, litologico, cartografico e geologico-tecnico), numerose esercitazioni pratiche sul terreno, consistenti in escursioni giornaliere o plurigiornaliere, un campo di rilevamento geologico, attività pratiche per l'utilizzo dei principali strumenti fotogrammetrici, viaggi di studio, stage, seminari e tirocini presso imprese private ed enti pubblici.

Lo studente che abbia superato tutti gli esami del triennio può sostenere la Prova Finale mirata ad accertare il raggiungimento degli obiettivi formativi qualificanti del Corso di Laurea. La prova finale consiste in un esame pubblico, dinnanzi ad una apposita commissione, su un elaborato scritto realizzato dallo studente sotto la guida di uno o più Relatori. L'elaborato presentato può essere di tipo compilativo-descrittivo o sperimentale. L'elaborato scritto della Prova Finale e la sua presentazione possono essere svolti anche in lingua inglese, francese, spagnola o tedesca. La valutazione conclusiva del profitto terrà conto della carriera universitaria dello studente, della qualità del lavoro finale e della capacità e livello di autonomia nell'esposizione.

La laurea triennale in Scienze Geologiche e Gestione del Territorio permette l'accesso diretto a tutte le lauree Magistrali della classe in Scienze e Tecnologie Geologiche (LM-74). 

Parallelamente al Corso di Studi triennale di Scienze Geologiche e Gestione del Territorio viene attivato anche un percorso a tempo parziale (per studenti lavoratori) della durata di 5 anni in cui sono sempre previsti i due curricula "geologico-tecnico" e "geologico-territoriale". Tutte le attività didattiche si svolgeranno nel Campus Scientifico dove è attivo un servizio di tutorato che fornirà allo studente tutte le informazioni necessarie per trovare le soluzioni più idonee per eventuali problemi relativi ai corsi, a borse di studio, alla scelta dei percorsi formativi e della tesi di laurea, all'orientamento nel mondo del lavoro, ecc.


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

numero verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2017 © Tutti i diritti sono riservati

Top