Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


ANTROPOLOGIA POLITICO-CULTURALE I E II AMI

A.A. CFU
2009/2010 10
Docente Email Ricevimento studenti
Luigi Alfieri lunedì e martedì ore 12-13; mercoledì ore 12-14 (orario soggetto a modifiche nel corso dell'anno, che saranno comunicate)

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Parte I

L'obiettivo principale è un ripensamento della problematica del potere, in rapporto ai fenomeni di massa e alla violenza collettiva, in un'ottica teorica e di comparazione culturale, allo scopo di individuare alcuni nessi fondativi del sociale e indagare le loro possibili trasformazioni. Un secondo obiettivo più specifico riguarda l'approfondimento della guerra come fenomeno di "massa doppia" strettamente legato alla tematica del potere come "sopravvivenza".

Parte II

Non è possibile pensare l'ordine al di fuori di una regolamentazione del principio d'indifferenziazione di cui è portatrice la morte. Il sacrificio è una strategia di corruzione della morte fondata sul consumo del dono da parte della Divinità. Ma cosa accade se la gerarchia del pasto sacrificale si rovescia? La determinazione dell'essere supera la mimesi col Dio per identificarsi con il consumo in sé. Accrescimento, produzione e consumo si saldano in un'unica strategia che non ha più come momento centrale il dono alla morte, ma l'interdizione dell'accesso al dono come negazione della vita.

Programma

Parte I

1) Introduzione all'antropologia culturale; 2) L'antropologia poltica come dimensione specifica dell'antropologia culturale; 3) Differenze culturali e identità collettive; 4) Concetto di "massa" in Canetti; 5) Caratteri e tipologie delle masse; 6) Simbolica di massa e di nazionalità;7) Tipologia delle "mute"; 8) Mute e religioni; 9) Potere e sopravvivenza; 10) Figure del 'sopravvissuto'; 11) Struttura del comando; 12) Antidoti alla 'sopravvivenza'; 13) La metamorfosi; 14) La massa doppia della guerra; 15) "Si tratta di uccidere"; 16) Noi e Loro: la doppia morte; !7) Trasformazioni della guerra nel mondo contemporaneo; 18) "Indicibilità" e "impossibilità" della guerra; 19) Guerra e terrore; 20) Il destino del "sopravvissuto" e la guerra.

Parte II

1) Il Sacro 2) Il Sacrificio 3) Tempio e Granaio come poli dell'ordine sociale 4) Il rovesciamento del pasto sacrificale 5) Consumo e produzione come strategie di sopravvivenza 6) Il Desiderio Mimetico 7) Globalizzazione, Crisi del Politico e Rinascita del Religioso.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

1. Conoscenze e capacità di comprensione: si tratta di acquisire uno sguardo critico riguardo alle apparenti evidenze ed ovvietà del sociale, cercando di coglierne i fondamenti.

1.1 Gli studenti conseguono tali conoscenze di base partecipando attivamente e dialogicamente alle lezioni e studiando analiticamente i testi proposti.

2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione, attraverso il riferimento di quanto appreso alla comune esperienza, utilizzando anche le vicende di cronaca e le produzioni dell'immaginario, come le varie forme d'arte.

2.1 Discussioni in aula, seminari, conferenze, proiezioni cinematografiche.

3. Capacità di giudizio: riflessione critica utilizzando approcci multidisciplinari.

Tale capacità si manifesta nelle discussioni in aula col docente e tra colleghi, in appositi seminari di approfondimento, in sede d'esame.

4. Abilità comunicative: è elemento importante di giudizio la reattività alle sollecitazioni del docente, l'intervento attivo alle discussioni in aula, la capacità di proporre riflessione e obiezioni.

4.1 Tali abilità si acquisiscono progressivamente abituandosi ad un atteggiamento partecipativo e criticamente attento nel corso delle lezioni e delle discussioni.

5. Capacità di apprendimento: gli studenti debbono sviluppare capacità di apprendimento critico e di comprensione in profondità, riservando un ruolo secondario alla memorizzazione; debbono, senza inutile presunzione, mantenere autonomia di giudizio e capacità di proporre visioni divergenti e alternative riguardo alle ipotesi prospettate.

5. 1 tali capacità verranno acquisite nelle diverse occasioni di interazione didattica.

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Parte I

Lezioni frontali; tesina di approfondimento (facoltativa)

Parte II

Lezioni frontali con utilizzo di materiale audiovisivo. Il corso sarà integrato da una rassegna cinematografica.

Obblighi

Parte I

Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione. Studio individuale dei testi indicati.

Parte II

Partecipazione ad almeno 3/4 delle ore di lezione e studio del materiale didattico testi di riferimento

Testi di studio

Parte I

- Elias Canetti, Massa e potere, Adelphi, Milano 1992 e segg.

- L.Alfieri, La stanchezza di Marte. Variazioni sul tema della guerra, Morlacchi, Perugia 2008. 

Parte II

- Cristiano Maria Bellei, La Vittima liberata. Dal pasto sacrificale all'economia di consumo, Giappichelli, Torino 2009

-Burkert W., La creazione del Sacro, Adelphi, Milano 2003

Modalità di
accertamento

Parte I

Esame orale, con discussione delle eventuali tesine.

Parte II

Esame orale, con discussione delle eventuali tesine.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Studio individuale dei testi, integrato da eventuali incontri con i docenti.

Obblighi

Parte I

Studio individuale dei testi indicati.

Parte II

Studio del materiale didattico e dei testi di riferimento

Testi di studio

Parte I

-Elias Canetti, Massa e potere, Adelphi, Milano 1992 e segg.

- L.Alfieri, La stanchezza di Marte. Variazioni sul tema della guerra, Morlacchi, Perugia 2008. 

Parte II

-Cristiano Maria Bellei, La Vittima liberata. Dal pasto sacrificale all'economia di consumo, Giappichelli, Torino 2009

-Burkert W., La creazione del Sacro, Adelphi, Milano 2003

-Fabietti U., L'identità Etnica (seconda edizione), Carocci, Roma 2009

 

Modalità di
accertamento

Parte I

Esame orale

Parte II

Esame orale

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 04/07/09


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2020 © Tutti i diritti sono riservati

Top