Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


PSICOLOGIA CLINICA II
CLINICAL PSYCHOLOGY II

A.A. CFU
2017/2018 6
Docente Email Ricevimento studenti
Mario Rossi Monti martedì ore 13

Assegnato al Corso di Studio

Psicologia Clinica (LM-51)
Curriculum: COMUNE
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso intende presentare le caratteristiche della psicologia clinica (1) in quanto metodo di approccio alla individualità del singolo caso clinico; (2) in quanto disciplina nella quale vengono applicate nella clinica nozioni e conoscenze che provengono da altre branche della psicologia; (3) in quanto insieme di tecniche di tipo diagnostico e terapeutico. In questo senso il corso si propone, dopo avere messo a punto la specificità del metodo clinico, favorire lo sviluppo del ragionamento clinico attraverso la applicazione della psicologia clinica alla analisi dei problemi della vita interiore e soprattutto al versante della patologia mentale. In questo senso la psicologia clinica verrà intesa come una vera e propria "psicologia del patologico" volta a delineare i differenti "mondi" nei quali vivono coloro che sono affetti da una patologia mentale sulla base delle conoscenze sviluppate dalla psicopatlogia di tipo fenomenologico-dinamico. 

Programma

La parte iniziale del corso sarà dedicata ad un tentativo di definizione della psicologia clinica, intesa come area altamente eterogenea. In particolare si cercherà di delineare i vari compiti e ruoli che lo psicologo clinico è chiamato a svolgere nelle differenti istituzioni nelle quali si può trovare a lavorare (con particolare attenzione ai servizi di salute mentale).  Seguirà una descrizione dei rapporti che la psicologia clinica intrattiene con le discipline di confine ed in particolare con psicologia generale, psicologia medica, psichiatria, psicopatologia generale e clinica, psicoanalisi,. L'ipotesi è che l'oggetto della psicologia clinica sia ampiamente sovrapponibile a quello della psichiatria (la sofferenza mentale nelle sue varie declinazioni) ma che l'approccio a questo oggetto si realizzi (a differenza di quanto accade in psichiatria) attraverso metodiche diagnostiche e terapeutiche incentrate su mezzi esclusivamente psicologici ed attraverso un metodo specifico: il metodo clinico. Particolare attenzione verrà dedicata quindi alla sofferenza mentale nelle sue varie declinazioni (soprattutto per quanto riguarda l’area delle patologie “gravi”: area psicotica e borderline) a partire dalla analisi di alcuni dispositivi di vulnerabilità per arrivare alla diagnosi e alla indicazione terapeutica. Lo sfondo teorico di riferimento è costituito dalle due grandi tradizioni di ricerca sulla soggettività nel campo della patologia psichica: psicoanalisi e psicopatologia fenomenologica. Ampio spazio verrà dato, tutte le volte che sarà possibile, ad esemplificazioni cliniche.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Lo studente dovrà mostrare la padronanza delle conoscenze di base della psicologia clinica e del metodo clinico con particolare riferimento alla specificità del metodo in relazione a discipline affini.

Lo studente dovrà mostrare di avere assimilato le nozioni e i modelli utilizzati in psicologia clinica, con particolare riguardo alle più gravi patologie mentali (area schizofrenica, disturbi dell’umore e disturbi gravi di personalità)

Lo studente dovrà mostrare di essere in grado di applicare un ragionamento clinico a materiale clinico originale consistente in resoconti di casi clinici o vignette cliniche

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali

Discussione di gruppo di casi clinici

Seminari con esperti

Obblighi

Si consiglia vivamente la frequenza delle lezioni a causa del contenuto applicativo della materia

Testi di studio

1) A.SIMS,INTRODUZIONE ALLA PSICOPATOLOGIA DESCRITTIVA, CORTINA, MILANO, 2009 Quarta Edizione. Cap. 1; Cap. 7-8-9-10: Cap.12-13-14-15; Cap. 18; Cap. 21 –  264 pp.

2) G.STANGHELLINI, M. ROSSI MONTI, PSICOLOGIA DEL PATOLOGICO. CORTINA, MILANO, 2009 – 320 pp.

3) M. ROSSI MONTI (A CURA DI), PSICOPATOLOGIA DEL PRESENTE. CRISI DELLA NOSOGRAFIA E NUOVE FORME DELLA CLINICA. ANGELI, MILANO, 2012 – 208 pp.

Letture integrative consigliate

W. BLANKENBURG, LA PERDITA DELLA EVIDENZA NATURALE, CORTINA, MILANO,

H.GRIVOIS, NASCERE ALLA FOLLIA. MAGI, ROMA, 2002

R.LAING, L’IO DIVISO, EINAUDI, TORINO, 2001

Modalità di
accertamento

ESAME ORALE

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 01/02/18


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top