Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


STORIA DELLA FILOSOFIA MODERNA I
HISTORY OF MODERN PHILOSOPHY I

Spazio, tempo e potere in Niccolò Machiavelli: i dilemmi della politica alle soglie dell'età moderna
Space, time and power: Niccolò Machiavelli and the dilemmas of politics on the threshold of the modern age

A.A. CFU
2017/2018 6
Docente Email Ricevimento studenti
Fabio Frosini dopo le lezioni e su appuntamento
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese Francese Spagnolo
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

ll corso introduce allo studio di alcune dicotomie che sono all'origine del pensiero politico moderno: comando/obbedienza, autorità/persuasione, prudenza/impeto, amicizia/inimicizia, conservazione/innovazione, potenza/corruzione, unione/disunione, libertà/servitù, equalità/inequalità; si prenderanno inoltre in considerazione le nozioni di reputazione, desiderio e ambizione. Tutte queste tematiche saranno presentate alla luce delle categorie dello spazio e del tempo. L'obbiettivo consiste nel far comprendere l'importanza di questi due assi ai fini della ricostruzione della genesi dello Stato moderno e della personalità storica della borghesia come classe dominante e dirigente.

Programma

Il significato filosofico dell'opera di Niccolò Machiavelli viene oggi prevalentemente ricostruito per mezzo di due grandi paradigmi ermeneutici: il repubblicanesimo e la democrazia, che rinviano rispettivamente ai valori della libertà (in quanto dimensione che non oppone, ma unisce i cittadini allo Stato) e del potere popolare (che definisce lo Stato a partire dalla partecipazione attiva dei cittadini alla vita politica). Mentre la lettura repubblicana presuppone che lo Stato includa la politica, quella democratica enfatizza l'eccedenza della politica rispetto allo Stato: in entrambi i casi, lo Stato è visto nel suo significato moderno, come detentore del monopolio legittimo della violenza e come struttura territoriale accentrata e strutturata.

La lettura che si proporrà prende invece le mosse dal carattere fluido del potere, ancora sospeso tra la sua fondazione religiosa, la sua organizzazione oligarchica (riflesso della società feudale divisa in "stati" separati) e l'emergenza di forme dirette di azione politica popolare, a loro volta spesso immerse nel fanatismo religioso. Dinnanzi a questo scenario, e nella situazione di estrema instabilità che caratterizza la congiuntura italiana a partire dal 1494, Machiavelli si interroga sui fondamenti del potere, sul significato dell'innovazione politica e della ribellione, sui fondamenti della stabilità, sul rapporto tra potenza della "moltitudine" e "autorità" degli individui che la guidano, sul rapporto tra la "prudenza" e la "forza", tra "virtù" e "imperio", tra "conflitto" e "ordine". Nelle sue riflessioni, le dimensioni dello spazio e del tempo si rivelano di importanza essenziale: lo spazio, perché si tratta di pensare l'articolazione del potere rispetto alla grande alternativa tra comando verticale e rivendicazione di una orizzontalità democratica; il tempo, perché le strutture politiche affidano la propria sopravvivenza alla capacità di anticipare il futuro e, in questo modo, di produrre la propria continuità.

Argomenti:

1. Introduzione al corso. Profilo biografico di Niccolò Machiavelli. Principali interpretazioni del suo pensiero.

2. Dalla lettera a Ricciardo Becchi (1498) ai Ghiribizi al Soderino (1506).

3. Post res perditas (1): Il Principe: legislatore e principe nuovo; virtù e innovazione: astuzia e forza; reputazione, immaginazione e verità; riscontro, occasione, fortuna.

5. Post res perditas (2): i Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio: fondare e mantenere; religione e politica; conflitto e ordine; le leggi e il "ritorno ai principi".

6. L'Asino (1517) e la Mandragola (1518?): la bestia, l'umanità, la virtù.

7. Il Discursus florentinarum rerum (1520-1521): il gioco delle "ambizioni".

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Gli studenti dovranno essere in grado di comprendere e spiegare testi filosofici di carattere intermedio, affrontare e risolvere problemi classici della storia della filosofia, utilizzare gli strumenti bibliografici e informativi attinenti al settore (Storia della filosofia), conoscere le problematiche di base del proprio campo di studio. Inoltre, gli studenti dovranno dimostrare autonomia di giudizio nella valutazione dei dati raccolti.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Il materiale didattico e le comunicazioni specifiche del docente sono reperibili, assieme ad altre attività di supporto, all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali.

Testi di studio

Parte generale: un libro a scelta tra i seguenti:

Il potere. Per la storia della filosofia politica moderna, a cura di G. Duso, Roma, Carocci, 2000

Ordine e mutazione. Figure, concetti e problemi del pensiero politico moderno, a cura di A. Pandolfi, Verona, Ombre corte, 2014.

Parte monografica:

Testi di riferimento:

a) N. Machiavelli, Opere, a cura di C. Vivanti, 3 volumi, Torino, Einaudi-Gallimard, 1997; ovvero: De principatibus, Discorsi sopra la prima Deca di Tito Livio e altre opere, a cura di R. Rinaldi, 2 volumi, Torino, Utet, 2006.

b) In alternativa, si possono acquistare le opere nelle seguenti edizioni:

Il Principe, a cura di G. Inglese, Torino, Einaudi, 1995 (ed edd. success.)

Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio, a cura di G. Inglese, Milano, Rizzoli, 1984

Mandragola, a cura di G. Davico Bonino, Torino, Einaudi, 1997 (ed edd. success.)

(gli altri testi saranno distruibuiti durante il corso).

Letteratura critica:

un libro a scelta tra i seguenti:

G. M. Barbuto, Machiavelli, Roma, Salerno editrice, 2013

G. Inglese, Per Machiavelli, Roma, Carocci, 2006

U. Dotti, Machiavelli rivoluzionario, Roma, Carocci, 2003.

Machiavelli: tempo e conflitto, a cura di R. Caporali, V. Morfino e S. Visentin, Milano, Mimesis, 2013

Altri testi di letteratura critica saranno indicati e concordati secondo le esigenze di ciascuno studente.

Modalità di
accertamento

Esame orale.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Obblighi

Gli studenti non frequentanti sono tenuti a mettersi in contatto con il docente con un congruo anticipo rispetto alla data stabilita per sostenere l'esame.

Testi di studio

Parte generale: un libro a scelta tra i seguenti:

Il potere. Per la storia della filosofia politica moderna, a cura di G. Duso, Roma, Carocci, 2000

Ordine e mutazione. Figure, concetti e problemi del pensiero politico moderno, a cura di A. Pandolfi, Verona, Ombre corte, 2014.

Testi di riferimento:

N. Machiavelli, Il Principe, a cura di G. Inglese, Torino, Einaudi, 1995 (ed edd. success.)

N. Machiavelli, Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio, a cura di G. Inglese, Milano, Rizzoli, 1984

N. Machiavelli, Mandragola, a cura di G. Davico Bonino, Torino, Einaudi, 1997 (ed edd. success.).

Letteratura critica:

due libri a scelta tra i seguenti:

G. M. Barbuto, Machiavelli, Roma, Salerno editrice, 2013

G. Inglese, Per Machiavelli, Roma, Carocci, 2006

U. Dotti, Machiavelli rivoluzionario, Roma, Carocci, 2003.

Machiavelli: tempo e conflitto, a cura di R. Caporali, V. Morfino e S. Visentin, Milano, Mimesis, 2013

Modalità di
accertamento

Esame orale.

Note

Su richiesta dello studente, l'esame e la bibliografia potranno essere in una delle seguenti lingue: francese, inglese, portoghese, spagnolo, tedesco.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 15/07/2020


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top