Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


STORIA DELLA PEDAGOGIA
HISTORY OF PEDAGOGY

Verso una cultura delle emozioni e degli immaginari.
Culture of Emotions and Imaginaries

A.A. CFU
2017/2018 6
Docente Email Ricevimento studenti
Angela Giallongo su appuntamento: Mercoledì ore 19; Giovedì ore 13.

Assegnato al Corso di Studio

Scienze dell'Educazione (L-19)
Curriculum: PROGETTAZIONE EDUCATIVA
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso consente alle studentesse e agli studenti di esplorare, dall’età arcaica al XXI secolo, l’influenza delle emozioni e degli immaginari nei processi di socializzazione. Fornirà inoltre gli strumenti critici per approcciarsi alla loro storia  attraverso un uso consapevole delle fonti scritte e visive. Parallelamente verrà rafforzata la comprensione delle nuove tendenze, a livello internazionale, nella ricerca storico-educativa. Lo studio degli immaginari occidentali sulla donna serpente consentirà infine di individuare i set emotivi radicati nelle pratiche formative del passato riguardo al genere.

Programma

I temi affrontati dal Corso forniscono: 1. le coordinate generali della ricerca scientifica contemporanea sulla storia delle emozioni; 2. un quadro articolato sulla complessità (biologica, soggettiva, relazionale e culturale) delle emozioni nei processi educativi; 3. un panorama sulle metodologie di indagine e sulle principali fonti pedagogiche funzionali alla comprensione degli immaginari della tradizione occidentale. In sintesi, il Corso focalizza con studi, ricchi anche di esempi iconografici, le emozioni come cognizioni e strutture storiche della sensibilità e dell’immaginazione educativa collettiva.

Il corso, che con il testo di K. Oatley - Breve storia delle emozioni ( il Mulino, Bologna 2006) - focalizza l’attenzione su tematiche emergenti nei settori di ricerca della Storia dell’educazione, intende promuovere una maggiore consapevolezza  storica, teorica e metodologica  sull’ uso delle competenze relazionali nel sistema scolastico ed educativo,  ancora minato dalla tradizionale dicotomia tra ragione ed emozioni. Viene pertanto esaminato  il tema  della “cultura delle emozioni† con riferimento agli aspetti  storici e a quelli biologici, sociali, psicologici, culturali e pedagogici.

Il testo La donna serpente. Storia di un enigma dall' antichità   al XXI secolo  ( Dedalo, Bari 2013) studia attraverso le metamorfosi di Medusa  la storia sociale delle emozioni, secondo il genere. E sollecita, fra diverse questioni, due interrogativi principali: quali insegnamenti e sentimenti pubblici le donne serpenti hanno trasmesso alle comunità  dei periodi presi in esame? La lunga e complessa storia della figura della Gorgone viene messa in relazione all'immaginario sottinteso dalla sensibilità  collettiva. L'invenzione delle donne serpenti viene collegata alle emozioni sociali, per lo più negative - paura, rabbia, disprezzo, vergogna -  funzionali al mantenimento della gerarchia sessuale.

Eventuali Propedeuticità

Conoscenze di base delle principali teorie e dei campi d’indagine della storia dell’educazione.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

La verifica dei livelli di conoscenze e competenze acquisiti dalle studentesse e dagli studenti riguarda:

  • una ragionevole padronanza dei principi teorici educativi dell’epoca classica e medievale, con particolare attenzione alla loro influenza nei successivi modelli  formativi della modernità e della post-modernità, unita al riconoscimento  delle fonti relative alla storia delle emozioni e degli immaginari nei rapporti sociali di genere;
  • capacità di individuare e valutare esempi di fonti visive utili alla ricostruzione del contesto storico esaminato, di formulare in modo chiaro ipotesi da sottoporre al gruppo classe al fine di individuare i temi emergenti nel campo della ricerca storico-educativa e di rendere manifeste autonome competenze di studio;
  • gestione di progetti/attività atti ad individuare e ad interpretare i concetti necessari alla formulazione di giudizi critici e a potenziare, attraverso il lavoro di gruppo in aula e gli incontri seminariali, la riflessione sui temi emergenti della ricerca storico-educativa. Nello specifico, l’esposizione critica  delle ricerche storiografiche sui diversi regimi emotivi e sulle stereotipie degli immaginari come chiave interpretativa degli attuali problemi formativi.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Il programma dettagliato e il materiale didattico messo a disposizione dalla docente è anche reperibile, assieme ad altre attività di supporto, all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Le lezioni frontali sono integrate con proposte di attività  esperienziali (in gruppo o individuali) sulle tematiche affrontate, durante il corso, attraverso esercitazioni scritte con domande a risposte aperte sui testi di riferimento. Le prove in itinere, prevalentemente non strutturate, prevedono - durante le ore di lezioni- esercitazioni su saggi brevi, elaborati scritti con domande  aperte e colloqui orali al fine di accertare  le le conoscenze e le abilità  previste dal corso. Verrano attivati  seminari ed esercitazioni, affidate a personale contrattualizzato (Dr.ssa Bruna Piatti Morganti) e a cultori della disciplina (Dr.ssa Annamaria Ursi, esperta di cooperative learning).

L’integrazione del colloquio orale con una o più prove scritte è finalizzata al potenziamento delle abilità  analitiche, sintetiche e argomentative. Il dibattito in aula è finalizzato al potenziamento della intelligenza emotiva e dei processi di problem solving.

Obblighi

Attenersi  alle indicazioni fornite dalle Informazioni sul Programma  e dai Risultati previsti e competenze da acquisire secondo  i Descrittori di Dublino. Frequenza facoltativa.

Testi di studio

- K. Oatley, Breve storia delle emozioni, tr. it., il Mulino, Bologna, 2007; da p.7 a 34; p.105 a127; da p.171 a 199.

- A.Giallongo, La donna serpente. Storie di un enigma dall’antichità al XXI secolo,  Dedalo, Bari 2012..  Totale pp. 299.

Modalità di
accertamento

La prova orale è finalizzata ad accertare le conoscenze,  le competenze e i vari livelli di preparazione acquisiti durante il percorso di studio. La verifica risponde ai seguenti criteri: 1.conoscenza dei contenuti del corso e del linguaggio specifico della disciplina; 2.capacità  di riflessione critica e di rielaborazione personale; 3. coerenza e chiarezza espositiva nei riferimenti teorici; 4. approfondimento dei problemi trattati anche attraverso le proposte progettuali emerse durante gli incontri in aula. La verifica degli apprendimenti  in itinere può essere integrata, dal punto di vista valutativo, dalla partecipazione attiva a lavori scritti, svolti in aula, con item (4/5 quesiti a risposta libera e breve). La preparazione caratterizzata da una visione organica dei temi affrontati dal corso, dalla padronanza del linguaggio scientifico sarà  valutata come ottima. La preparazione caratterizzata da competenze sintetiche ed analitiche complessivamente adeguate ma non sempre pertinenti, sarà  valutata come buona. La preparazione caratterizzata da contenuti descrittivi e da un linguaggio approssimativo, sarà  valutata come sufficiente. La preparazione caratterizzata da lacune contenutistiche e da  un lessico inappropriato, sarà  valutata come insufficiente.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Attenersi  alle indicazioni fornite dalle Informazioni sul Programma  e dai Risultati previsti e competenze da acquisire secondo  i Descrittori di Dublino.

Obblighi

Attenersi  alle indicazioni fornite dalle Informazioni sul Programma  e dai Risultati previsti e competenze da acquisire secondo  i Descrittori di Dublino.

Testi di studio

 K. Oatley, Breve storia delle emozioni, tr. it., il Mulino, Bologna, 2007; da p.7 a 34; p.105 a127; da p.171 a 199.

- A.Giallongo, La donna serpente. Storie di un enigma dall’antichità  al XXI secolo,  Dedalo, Bari 2013.  Totale pp. 299.

Modalità di
accertamento

La preparazione caratterizzata da una visione organica dei temi affrontati dal corso, dalla padronanza del linguaggio scientifico sarà  valutata come ottima. La preparazione caratterizzata da competenze sintetiche ed analitiche complessivamente adeguate ma non sempre pertinenti, sarà  valutata come buona. La preparazione caratterizzata da contenuti descrittivi e da un linguaggio approssimativo, sarà  valutata come sufficiente. La preparazione caratterizzata da lacune contenutistiche e da  un lessico inappropriato, sarà  valutata come insufficiente.

Note

- Il programma di studio è uguale per i frequentanti e  i non frequentanti. Non sono previste riduzioni del carico didattico.

- Possono essere utilizzate, oltre all’italiano, per le attività didattiche le seguenti lingue: inglese e spagnolo.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 10/10/2017


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top