Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


STORIA DEL TEATRO GRECO
HISTORY OF THE GREEK THEATRE

Introduzione al teatro greco con lettura di Euripide, Medea
Introduction to the Greek theatre, with a reading of Euripides' Medea

A.A. CFU
2018/2019 6
Docente Email Ricevimento studenti
Liana Lomiento IMMEDIATAMENTE DOPO LE LEZIONI, in Via Veterani, 36
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese Francese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Informazione, Media, Pubblicità (L-20)
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Lo studente acquisirà le informazioni di base sugli aspetti materiali e strutturali del teatro antico (attore, coro, organizzazione materiale dello spettacolo, occasione agonale, spazio scenico, pubblico) e sulla vicenda della trasmissione dei testi drammatici dalla “prima” performance fino a noi.

Attraverso la lettura della Medea di Euripide, lo studente si eserciterà alla comprensione di un testo drammatico di età classica nelle sue dimensioni linguistica, metrico-musicale, tematica, storico-letteraria, e sotto il profilo delle dinamiche teatrali.

Programma

Il corso partirà (I-III settimana) da un’introduzione generale al teatro attico, nei suoi aspetti storico-evolutivi (dalle fasi iniziali al momento della maturità), e storico-culturali (società, vicende storiche), come anche nei suoi aspetti materiali (la forma dell'edificio teatrale, la maschera, gli attori) e drammaturgici (lo spazio scenico, le macchine teatrali, i ruoli e i movimenti sulla scena).

Proseguirà (IV settimana) illustrando la figura e l’opera di Euripide, una cui tragedia sarà oggetto specifico di lettura e di analisi.

La porzione restante del corso (V-IX settimana) sarà interamente dedicata alla lettura della Medea, il cui testo sarà tradotto e commentato sul piano critico-testuale, storico-letterario, sotto il profilo del plot e degli aspetti scenico-drammaturgici. Sarà introdotto e illustrato, con esercitazioni di lettura, il trimetro giambico e alcuni cenni saranno dati intorno alla struttura delle sezioni liriche.

Eventuali Propedeuticità

Non è richiesta la conoscenza preliminare della lingua greca.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Lo studente sarà portato a una conoscenza di base del teatro greco classico, e alla capacità di leggere in maniera autonoma un testo di teatro classico con le complessità che esso presenta.

Dal punto di vista delle informazioni ottenute, lo studente acquisirà un’approfondita conoscenza delle questioni relative alla trasmissione del testo, alla sua performance e realizzazione scenica, al trattamento del plot in rapporto alla tradizione mitografica.

Più in generale, il procedimento della lettura analitica del testo prescelto avrà un'importante ricaduta sulla capacità dello studente di affrontare in maniera autonoma, competente e rigorosa la lettura di ogni genere di fonte (letteraria, storiografica, ecc.) proveniente da quella civiltà, sviluppando le sue abilità di analisi, di close reading, di sintesi e di pensiero critico sui dati e sulle fonti.

Dal punto di vista della formazione, lo studente approfondirà la propria consapevolezza di specifici aspetti metodologici caratterizzanti l'indagine di tipo letterario e, in particolare, drammatico, nonché la sensibilità estetica agli aspetti formali e retorici del discorso poetico e teatrale.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Il corso potrà essere eventualmente integrato da seminari e conferenze di argomento pertinente o, in ogni caso, di rilevanza formativa e metodologica per ciò che attiene alle metodiche e alle tematiche della Storia del teatro greco antico.


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali.

Obblighi

E’ fortemente raccomandata la presenza assidua al corso e agli eventuali seminari integrativi.

Testi di studio

L’edizione di riferimento per il testo oggetto di studio sarà

Euripide, Medea, introduzione e traduzione di Maria Grazia Ciani, commento di Davide Susanetti, Marsilio, Venezia 1997

Lo studente è tenuto alla scrupolosa lettura delle sezioni sul teatro attico (inclusivo delle sezioni relative alla commedia e alla tragedia, dal V secolo all’età di Menandro) in uno dei seguenti manuali:

L.E. Rossi (Firenze, Le Monnier, 1995)

G.A. Privitera - R. Pretagostini (Torino, Einaudi, 1997)

F. Montanari (Roma-Bari, Laterza, 1998)

A. Porro - W. Lapini (Bologna, Il Mulino, 2017)

Per quanto attiene alla conoscenza degli aspetti materiali del teatro antico, potrà utilmente consultare, inoltre

 G. Mastromarco, P. Totaro, Storia del Teatro greco, Firenze 2008,

oppure

A. Pickard-Cambridge, Le feste drammatiche di Atene, Firenze 1996 (ed. aggiornata di Oxford 1968)

Lo studente leggerà, inoltre, uno dei seguenti saggi, a scelta:

- Medea nella letteratura e nell’arte, a cura di Bruno Gentili e Franca Perusino, Marsilio, Venezia 2000

- Medea Contemporanea (Lars von Triar, Christa Wolf, scrittori balcanici), a cura di Margherita Rubino e Chiara Degregori, Pubblicazioni DARFICLET, Genova 2000

Leggerà infine, in traduzione italiana (in una delle edizioni con testo a fronte attualmente disponibili), tutte le seguenti opere teatrali:

Euripide, Elena

Euripide, Alcesti

Aristofane, Lisistrata

Modalità di
accertamento

La verifica dell’apprendimento avverrà tramite colloquio orale individuale basato sui testi di riferimento per l’esame, volto a valutare sia l'apprendimento dei contenuti da parte dello studente sia la sua capacità di rielaborazione e di argomentazione.

Daranno luogo a valutazioni di eccellenza: il possesso da parte dello studente di buone capacità critiche e di approfondimento; il saper collegare tra loro le principali tematiche affrontate nel corso; l’uso di un linguaggio appropriato rispetto alla specificità della disciplina.

Daranno luogo a valutazioni discrete: il possesso da parte dello studente di una conoscenza mnemonica dei contenuti; una relativa capacità critica e di collegamento tra i temi trattati: l’uso di un linguaggio appropriato.

Daranno luogo a valutazioni sufficienti: il raggiungimento di un bagaglio di conoscenze minimale sui temi trattati da parte dello studente, pur in presenza di alcune lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.

Daranno luogo a valutazioni negative: difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d'esame; lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato”.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Non è prevista la modalità di insegnamento a distanza.

Obblighi

Allo studente si richiede di attenersi scrupolosamente al programma d'esame indicato nel vademecum.

In caso di necessità specifiche, che richiedano una variazione del programma in questione, lo studente dovrà contattare il docente per concordare un programma alternativo.

Testi di studio

L’edizione di riferimento per il testo oggetto di studio sarà

Euripide, Medea, introduzione e traduzione di Maria Grazia Ciani, commento di Davide Susanetti, Marsilio, Venezia 1997

Lo studente è tenuto alla scrupolosa lettura delle sezioni sul teatro attico (inclusivo delle sezioni relative alla commedia e alla tragedia, dal V secolo all’età di Menandro) in uno dei seguenti manuali:

L.E. Rossi (Firenze, Le Monnier, 1995

G.A. Privitera - R. Pretagostini (Torino, Einaudi, 1997

F. Montanari (Roma-Bari, Laterza, 1998

A. Porro - W. Lapini (Bologna, Il Mulino, 2017

Per quanto attiene alla conoscenza degli aspetti materiali del teatro antico, potrà utilmente consultare, inoltre

 G. Mastromarco, P. Totaro, Storia del Teatro greco, Firenze 2008,

oppure

A. Pickard-Cambridge, Le feste drammatiche di Atene, Firenze 1996 (ed. aggiornata di Oxford 1968)

Lo studente leggerà, inoltre, uno dei seguenti saggi, a scelta:

- Medea nella letteratura e nell’arte, a cura di Bruno Gentili e Franca Perusino, Marsilio, Venezia 2000

- Medea Contemporanea (Lars von Triar, Christa Wolf, scrittori balcanici), a cura di Margherita Rubino e Chiara Degregori, Pubblicazioni DARFICLET, Genova 2000

Leggerà anche, in traduzione italiana (in una delle edizioni con testo a fronte attualmente disponibili), tutte le seguenti opere teatrali:

Euripide, Elena

Euripide, Alcesti

Aristofane, Lisistrata

Lo studente non frequentante è inoltre tenuto alla lettura del saggio: 

Women on the Edge. Four Plays by Euripides. Alcestis Medea Helen Iphigenia at Aulis, transl. by R. Blondell, M.K. Gamel, N. Sorkin Rabinowitz, B. Zweig, Routledge, New York-London 1999

Modalità di
accertamento

La verifica dell’apprendimento avverrà tramite colloquio orale individuale basato sui testi di riferimento per l’esame, volto a valutare sia l'apprendimento dei contenuti da parte dello studente sia la sua capacità di rielaborazione e di argomentazione.

Daranno luogo a valutazioni di eccellenza: il possesso da parte dello studente di buone capacità critiche e di approfondimento; il saper collegare tra loro le principali tematiche affrontate nel corso; l’uso di un linguaggio appropriato rispetto alla specificità della disciplina.

Daranno luogo a valutazioni discrete: il possesso da parte dello studente di una conoscenza mnemonica dei contenuti; una relativa capacità critica e di collegamento tra i temi trattati: l’uso di un linguaggio appropriato.

Daranno luogo a valutazioni sufficienti: il raggiungimento di un bagaglio di conoscenze minimale sui temi trattati da parte dello studente, pur in presenza di alcune lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.

Daranno luogo a valutazioni negative: difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d'esame; lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato”.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 20/09/18


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top