Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


PEDAGOGIA DEI SERVIZI EDUCATIVI
PEDAGOGY OF EDUCATIONAL SERVICES

A.A. CFU
2019/2020 6
Docente Email Ricevimento studenti
Silvia Fioretti Martedì 16-17; Mercoledì 10-11; Studio Palazzo Albani, via Bramante 17
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Francese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Scienze dell'Educazione (L-19)
Curriculum: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER L'INFANZIA
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso intende fornire risposta ad alcuni degli interrogativi posti dal dibattito della pedagogia dei servizi educativi oggi. Le risposte e i problemi fondamentali verranno individuati e affrontati attraverso una ricognizione dello sviluppo disciplinare della pedagogia dei servizi educativi. 

In particolare verranno indagati criticamente alcuni dei temi e dei problemi fondamentali della pedagogia dei servizi educativi quali:

- la formazione critica ed euristica del soggetto;

- il ruolo dell'educatore nei servizi educativi; 

- la pratica educativa nei servizi per la prima infanzia;

- la scrittura professionale dell'educatore.

Programma

1. La formazione critica ed euristica del soggetto:

  • i modelli teorici della ricerca;
  • i modelli educativi;
  • ricerca e apprendimento;
  • la formazione del pensiero critico ed euristico.

2. Il ruolo dell'educatore nei servizi

3. La pratica educativa nei servizi per la prima infanzia

4. La scrittura professionale

Eventuali Propedeuticità

Nessuna 

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding): aver acquisito i contenuti previsti dal programma, comprendere le linee fondamentali e gli aspetti specifici della pedagogia dei servizi educativi. 

Applicazione delle conoscenze e della capacità di comprensione (applying knowledge and uderstanding): saper applicare i concetti, le idee, le teorie e le metodologie apprese anche in contesti diversi da quello originario; saper usare conoscenze e concetti per ipotizzare interventi e progetti su questioni specifiche; saper individuare relazioni anche a livello interdisciplinare. 

Autonomia di giudizio (making judgements): sviluppare un pensiero critico, autonomo e flessibile attraverso il ragionamento e la riflessione sui vari contenuti appresi; aprirsi alla compelssità della realtà della pedagogia dei servizi educativi attraverso un atteggiamento esplorativo e di ricerca; mettere in discussione le teorie proprie e altrui. 

Abilità comunicative (communication skills): dimostrare di aver acquisito una sicura padronanza del lessico di base della disciplina e di saperlo utilizzare in modo coerente e logicamente strutturato (uso analisi e sintesi, processi induttivi e deduttivi).

Capacità di apprendimento (learning skills): al termine del corso lo studente dovrà aver acquisito la capacità di esprimere chiaramente i contenuti del corso, di comunicarli attraverso un corretto linguaggio disciplinare, di argomentare su temi e problemi della pedagogia dei servizi educativi.  

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

I libri di testo e il materiale messo a disposizione dal docente costituiscono parte integrante del programma di studio. 

Il materiale didattico e le comunicazioni specifiche del docente sono reperibili, assieme ad altre attività di supporto, all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

L'insegnamento è strutturato attraverso lezioni frontali di tipo partecipato (durante le quali gli studenti sono chiamati a riflettere e dialogare, insieme al docente, su specifici aspetti della disciplina), momenti seminariali di approfondimento e attività laboratoriali di esercitazione in aula. 

Obblighi

Nessuno

Testi di studio

Fioretti S., La strategia della ricerca. Modelli e ipotesi operative, FrancoAngeli, Milano, 2013. 

Infantino A., Pratiche educative nei servizi per l'infanzia, FrancoAngeli, Milano, 2014. 

Sposetti P., Le scritture professionali in educazione. Teorie, modelli, pratiche, Edizioni Nuova Cultura, Roma, 2017. 

Materiali messi a disposizione sulla piattaforma blended.uniurb.it 

Modalità di
accertamento

Prova scritta, o colloquio, teso ad accertare le conoscenze, la capacità d'uso delle stesse e dei concetti critici della disciplina.  

I critieri di valutazione utilizzati per le prove sono: - pertinenza ed efficacia delle risposte in relazione ai contenuti del programma; - livello di articolazione della risposta; - adeguatezza del linguaggio disciplinare utilizzato. 

La redazione di una relazione individuale, quale sviluppo e approfondimento delle attività svolte in aula, costituisce un elemento di valutazione. 

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

L'insegnamento è strutturato attraverso lezioni frontali di tipo partecipato (durante le quali gli studenti sono chiamati a riflettere e dialogare, insieme al docente, su specifici aspetti della disciplina), momenti seminariali di approfondimento e attività laboratoriali di esercitazione in aula. 

Obblighi

Nessuno

Testi di studio

Fioretti S., La strategia della ricerca. Modelli e ipotesi operative, FrancoAngeli, Milano, 2013. 

Infantino A., Pratiche educative nei servizi per l'infanzia, FrancoAngeli, Milano, 2014. 

Sposetti P., Le scritture professionali in educazione. Teorie, modelli, pratiche, Edizioni Nuova Cultura, Roma, 2017. 

Materiali messi a disposizione sulla piattaforma blended.uniurb.it 

Modalità di
accertamento

Prova scritta, o colloquio, teso ad accertare le conoscenze, la capacità d'uso delle stesse e dei concetti critici della disciplina.

I critieri di valutazione utilizzati per le prove sono: - pertinenza ed efficacia delle risposte in relazione ai contenuti del programma; - livello di articolazione della risposta; - adeguatezza del linguaggio disciplinare utilizzato. 

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 30/09/19


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Numero Verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2019 © Tutti i diritti sono riservati

Top