Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


LINGUISTICA GENERALE I
GENERAL LINGUISTICS I

A.A. CFU
2020/2021 6
Docente Email Ricevimento studenti
Chiara Celata Concordare un appuntamento per email
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Scienze Umanistiche. Discipline Letterarie, Artistiche e Filosofiche (L-10)
Curriculum: FILOLOGICO-LETTERARIO MODERNO
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso è finalizzato all’acquisizione dei principi teorici e metodologici fondamentali della Linguistica Generale. In particolare, il corso mira alla padronanza dell'apparato concettuale e della terminologia specifica utilizzati dalle scienze del linguaggio per descrivere la struttura e il funzionamento delle lingue naturali. Gli obiettivi formativi fondamentali sono:

- comprendere i meccanismi che regolano il mutamento delle lingue nel tempo e nello spazio;

- sapere individuare le proprietà del linguaggio verbale umano che lo differenziano dagli altri sistemi di comunicazione umani e animali; 

- sapere associare singoli fenomeni linguistici al livello di analisi appropriato: fonetico-fonologico, morfologico, sintattico, semantico, pragmatico;

- sviluppare una prima consapevolezza delle potenzialità e dei limiti della variazione interlinguistica.

Programma

1. Caratteristiche generali del linguaggio verbale umano. Principi generali dell'analisi linguistica. Teorie e scoperte recenti sull'origine del linguaggio (cenni). 

2. La struttura dei testi: atti linguistici, implicature conversazionali, struttura informativa dell'enunciato. 

3. La struttura delle frasi: costituenti, sintagmi, struttura argomentale dei predicati, struttura intonativa degli enunciati, morfosintassi dei casi, tipologia sintattica (cenni).

4. La struttura delle parole: nozione di parola, morfema e tipi di morfemi, tipi di parole morfologicamente complesse, processi di formazione delle parole, variabili quantitative (produttività, iconicità, trasparenza morfotattica e morfosemantica), tipologia morfologica.

5. La comunicazione parlata: fonemi, nozione di contrasto fonologico e tipi di allofonia, la catena del discorso (speech chain); organi e principi fondamentali della produzione del parlato; teoria sorgente-filtro e sonorità; vocali vs consonanti; International Phonetic Alphabet (cenni).

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

conoscenza e capacità di comprensione: Conoscenze teoriche e metodologiche di base dell'analisi linguistica, attraverso (i) la conoscenza delle principali unità di analisi del dato linguistico (atto linguistico, enunciato, sintagma, parola, morfema, fonema, tratto fonetico); (ii) la comprensione dei parametri principali lungo cui si realizza la variazione interlinguistica. 

conoscenza e capacità di comprensione applicate: Abilità di problem-solving: estrarre una semplice generalizzazione da un gruppo di dati linguistici eterogenei; fare ipotesi esplicative in rapporto a un dato fenomeno linguistico e individuare la procedura scientificamente corretta per verificarle.

autonomia di giudizio: Sapere riflettere criticamente su dati linguistici relativi a lingue antiche e moderne; saper mettere in discussione luoghi comuni sul linguaggio e determinare se essi abbiano o meno una validità scientifica. 

abilità comunicative: Padronanza dei mezzi espressivi delle scienze del linguaggio a livello di comprensione di manuali di linguistica ed elaborazione di brevissimi testi argomentativi su argomenti di ambito linguistico.  

capacità di apprendere: Sviluppo di conoscenze tecniche e di capacità di ragionamento formale necessarie a (i) intraprendere in modo critico e indipendente l'analisi linguistica di testi scritti e orali del presente e del passato; (ii) sviluppare competenze trasversali sia sul versante della storia del patrimonio (linguistico-letterario in primo luogo) che su quello dell'analisi socio-pedagogica e psicologica dei processi di acquisizione linguistica e delle dinamiche della comunicazione.  

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali ed esercitazioni in classe. Dato il tecnicismo di molti degli argomenti trattati, le lezioni saranno strutturate in modo tale che alla trattazione sistematica dei vari snodi concettuali precederà sempre una fase di riflessione in classe su esempi concreti tratti dall'italiano e da altre lingue, non necessariamente conosciute. Per lo stesso motivo durante le lezioni potranno essere eseguite delle esercitazioni collettive il cui scopo, oltre a quello di simulare la prova d'esame, sarà principalmente quello di far emergere eventuali dubbi e aspetti problematici che necessitino di ulteriore spiegazione.

Obblighi

Nessun obbligo particolare. Una conoscenza approfondita della grammatica dell'italiano contemporaneo è fortemente raccomandata.

Testi di studio

I seguenti testi sono da considerarsi come strumento integrativo di riflessione individuale e di sistematizzazione dei concetti e dei problemi affrontati a lezione. Se ne raccomanda pertanto lo studio in particolare agli studenti non frequentanti. I seguenti testi NON sostituiscono comunque lo studio degli argomenti trattati in classe a partire dai materiali forniti a lezione e messi a disposizione sulla piattaforma Moodle - tali materiali sono infatti essenziali per la preparazione dell'esame finale. 

1) Graffi & Scalise (2013) Le lingue e il linguaggio. Introduzione alla linguistica, Il Mulino: Capitolo 1 (Che cos'è il linguaggio) + Capitolo 2 (Che cos'è una lingua) ad eccezione dei Paragrafi 2, 5, 8, 9 e 10; Capitolo 5 (morfologia) ad eccezione del paragrafo 12; Capitolo 4 (fonetica e fonologia) ad esclusione dei seguenti paragrafi: 4, 5.3, 5.5, 5.6, 6, 7, 8, 10, 12, 13

2) Lombardi Vallauri (2013) La linguistica. In pratica, 3a edizione, Il Mulino: pag. 38-44 (atti linguistici e implicature), 78-89 (presupposizioni e inferenze), 144-153 (intonazione), 187-208 escluso il Quadro 8.1 (funzioni sintattiche, struttura sintattica, come si costruisce il diagramma ad albero, testa del sintagma, ordine basico e tipologia sintattica, struttura argomentale e valenza, ruoli tematici e struttura profonda, ergatività), 232-237 (struttura informativa dell'enunciato), 245-248 (focalizzazione).

3) Per la fonetica e fonologia, in alternativa al Capitolo 4 di Graffi & Scalise: Simone (2013) Nuovi fondamenti di linguistica, McGraw Hill Education: Capitolo 4 (I suoni delle lingue) ad esclusione dei seguenti paragrafi: 4.11.3, 4.11.4, 4.12, 4.13.5, 4.15.

4) Per la morfologia, come ulteriore eventuale approfondimento di temi e nozioni affrontati in classe: M.S. Micheli (2020), La formazione delle parole - Italiano e altre lingue. Roma, Carocci.

Modalità di
accertamento

È prevista una prova scritta della durata di circa mezz'ora. Tale prova comprende sia prove strutturate (per l’accertamento di conoscenze dichiarative e della comprensione di concetti), sia prove semistrutturate e non strutturate (compiti procedurali aperti) per accertare la capacità di riprodurre le procedure di analisi linguistica proposte in classe e verificare lo sviluppo di abilità di coordinamento tra conoscenze e abilità diverse, necessarie alla risoluzione di semplici problemi su dati linguistici inediti. I risultati dell’apprendimento verranno quindi misurati tramite l’attribuzione di un giudizio complessivo che tiene conto non solo della padronanza degli argomenti trattati e della capacità di richiamo o riconoscimento degli stessi, ma anche della capacità di applicazione delle procedure e di elaborazione di idee e soluzioni originali in rapporto a fenomeni linguistici reali. Se richiesto da parte dello studente, sarà possibile anche un breve colloquio orale, volto a visionare insieme al docente i risultati dello scritto, commentare eventuali errori, motivare le scelte fatte, completare parti mancanti etc.

Il giudizio finale sarà espresso in trentesimi. Saranno valutate molto buone o eccellenti le prove in cui lo studente avrà dimostrato, oltre alle conoscenze dichiarative e alla comprensione dei concetti chiave del corso, anche l'acquisizione della metodologia necessaria all'analisi linguistica di materiale inedito e alla soluzione di problemi linguistici generali. Saranno valutate sufficienti le prove in cui lo studente avrà dimostrato unicamente il possesso di conoscenze dichiarative e la comprensione dei concetti chiave del corso. 

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Studio individuale, sulla base sia dei materiali del docente forniti tramite Moodle, sia dei testi di studio indicati sotto (parti di manuali).  

Obblighi

Nessun obbligo particolare. Una conoscenza approfondita della grammatica dell'italiano contemporaneo è fortemente raccomandata.

Testi di studio

I seguenti testi sono da considerarsi come strumento importante di sistematizzazione dei concetti e dei problemi affrontati nei materiali del docente forniti tramite Moodle. Se ne raccomanda pertanto lo studio in particolare agli studenti non frequentanti. I seguenti testi NON sostituiscono comunque lo studio degli argomenti trattati in classe a partire dai materiali forniti a lezione e messi a disposizione sulla piattaforma Moodle - tali materiali sono infatti essenziali per la preparazione dell'esame finale. 

1) Graffi & Scalise (2013) Le lingue e il linguaggio. Introduzione alla linguistica, Il Mulino: Capitolo 1 (Che cos'è il linguaggio) + Capitolo 2 (Che cos'è una lingua) ad eccezione dei Paragrafi 2, 5, 8, 9 e 10; Capitolo 5 (morfologia) ad eccezione del paragrafo 12; Capitolo 4 (fonetica e fonologia) ad esclusione dei seguenti paragrafi: 4, 5.3, 5.5, 5.6, 6, 7, 8, 10, 12, 13

2) Lombardi Vallauri (2013) La linguistica. In pratica, 3a edizione, Il Mulino: pag. 38-44 (atti linguistici e implicature), 78-89 (presupposizioni e inferenze), 144-153 (intonazione), 187-208 escluso il Quadro 8.1 (funzioni sintattiche, struttura sintattica, come si costruisce il diagramma ad albero, testa del sintagma, ordine basico e tipologia sintattica, struttura argomentale e valenza, ruoli tematici e struttura profonda, ergatività), 232-237 (struttura informativa dell'enunciato), 245-248 (focalizzazione).

3) Per la fonetica e fonologia, in alternativa al Capitolo 4 di Graffi & Scalise: Simone (2013) Nuovi fondamenti di linguistica, McGraw Hill Education: Capitolo 4 (I suoni delle lingue) ad esclusione dei seguenti paragrafi: 4.11.3, 4.11.4, 4.12, 4.13.5, 4.15.

4) Per la morfologia, come ulteriore eventuale approfondimento di temi e nozioni affrontati in classe: M.S. Micheli (2020), La formazione delle parole - Italiano e altre lingue. Roma, Carocci.

Modalità di
accertamento

È prevista una prova scritta della durata di circa mezz'ora. Tale prova comprende sia prove strutturate (per l’accertamento di conoscenze dichiarative e della comprensione di concetti), sia prove semistrutturate e non strutturate (compiti procedurali aperti) per accertare la capacità di riprodurre le procedure di analisi linguistica proposte in classe e verificare lo sviluppo di abilità di coordinamento tra conoscenze e abilità diverse, necessarie alla risoluzione di semplici problemi su dati linguistici inediti. I risultati dell’apprendimento verranno quindi misurati tramite l’attribuzione di un giudizio complessivo che tiene conto non solo della padronanza degli argomenti trattati e della capacità di richiamo o riconoscimento degli stessi, ma anche della capacità di applicazione delle procedure e di elaborazione di idee e soluzioni originali in rapporto a fenomeni linguistici reali. Se richiesto da parte dello studente, sarà possibile anche un breve colloquio orale, volto a visionare insieme al docente i risultati dello scritto, commentare eventuali errori, motivare le scelte fatte, completare parti mancanti etc.

Il giudizio finale sarà espresso in trentesimi. Saranno valutate molto buone o eccellenti le prove in cui lo studente avrà dimostrato, oltre alle conoscenze dichiarative e alla comprensione dei concetti chiave del corso, anche l'acquisizione della metodologia necessaria all'analisi linguistica di materiale inedito e alla soluzione di problemi linguistici generali. Saranno valutate sufficienti le prove in cui lo studente avrà dimostrato unicamente il possesso di conoscenze dichiarative e la comprensione dei concetti chiave del corso. 

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 27/02/2021


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2023 © Tutti i diritti sono riservati

Top