Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


DIRITTI DELLE PARI OPPORTUNITÀ
THE RIGHTS OF EQUAL OPPORTUNITIES

A.A. CFU
2022/2023 6
Docente Email Ricevimento studenti
Luciano Angelini Su appuntamento, richiesto e concordato via email. Nel semestre di lezioni, prima e dopo lo svolgimento delle stesse, come da calendario lezioni
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Francese Inglese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso si propone di offrire agli studenti gli elementi necessari per un inquadramento sistematico dei diversi diritti delle pari opportunità e non discriminazione presenti nell'ordinamento sovranazionale e in quello interno, con prioritaria attenzione ai rapporti di lavoro.

A partire da una ricostruzione della valenza del principio d'eguaglianza formale e sostanziale nella Costituzione Repubblicana, nel diritto internazionale e in quello dell'Unione Europea, verrà proposta una disamina delle diverse fattispecie del diritto antidiscriminatorio, nonché degli orientamenti della giurisprudenza della Corte di Giustizia, della Corte europea dei diritti dell'Uomo e della Corti nazionali.

La metodologia del corso, che coniuga la didattica tradizionale (lezioni frontali) a tecniche innovativo-sperimentali (Debate, Flipped Learning e utilizzo della piattaforma Moodle-blended learning), è finalizzata a sviluppare sia le conoscenze cognitive di base, sia le conoscenze cognitive superiori. In tal modo, attraverso il confronto diretto con il docente e il lavoro in classe (Teaching Working Class), si vuole sollecitare il processo di apprendimento attraverso un più efficace coinvolgimento degli studenti e una migliore organizzazione del materiale, per agevolare i processi di conoscenza durante lo svolgimento del corso.

Programma

1. Introduzione al Corso. Eguaglianza, parità di trattamento e non discriminazione. In particolare, nel diritto del lavoro

2. Eguaglianza formale e sostanziale nella Costituzione Repubblicana

2.1. Le pari opportunità nella rappresentanza politica. Cenni

3. Eguaglianza e non discriminazione nell’Ordinamento internazionale. La CEDU e le Convenzioni OIL. Cenni

4. La genesi e lo sviluppo dei principi di eguaglianza, parità di trattamento e non discriminazione e la loro funzione essenziale nel processo di integrazione europea. Fonti e ambiti di applicazione  

4.1. Tra cittadinanza italiana ed europea. I diritti fondamentali degli “stranieri”. L’accesso al “Welfare” e al mercato dei beni e dei servizi. I cittadini extracomunitari

5. Dal “vecchio al nuovo” diritto antidiscriminatorio comunitario. Le nozioni. Discriminazione diretta, indiretta, molestie, molestie sessuali, azioni positive

6. I fattori di discriminazione “vietati”, nelle direttive e nei pronunciamenti della Corte di Giustizia: genere, razza e origine etnica, religione, disabilità. età, orientamento sessuale.  In particolare, la prospettiva dei rapporti di lavoro

7. Pari opportunità e divieti di discriminazione nel Diritto del lavoro italiano. Dallo Statuto dei lavoratori al Codice delle Pari opportunità (d. lgs. n. 198/2006)

8. Le “nuove” nozioni. Parità effettiva e azioni positive

9.  Il ruolo delle Istituzioni di parità di genere, prima e dopo il d. lgs. 151/2015

10. Sul ruolo della "società civile" e della contrattazione collettiva

11. Gli strumenti per il contrasto alle discriminazioni. La tutela giurisdizionale

12. Rassegna casistica degli orientamenti giurisprudenziali più recenti

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Conoscenza e capacità di comprensione: al termine del corso lo studente avrà una conoscenza completa del diritto antidiscriminatorio europeo.

Conoscenza e capacità di comprensione applicate: lo studente sarà in grado di comprendere e interpretare la giurisprudenza della Corte di Giustizia e della Corte europea dei diritti dell'Uomo.

Autonomia di giudizio: lo studente avrà la capacità di interpretare le fonti del diritto europee ed italiane.

Abilità comunicative: lo studente sarà in grado di intervenire in un dibattito in materia di diritto antidiscriminatorio

Capacità di apprendere: lo studente dovrà essere capace di orientarsi nella ricerca della giurisprudenza e della normativa comunitaria e nazionale.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Con gli studenti frequentanti sarà possibile concordare l'utilizzo di specifici materiali di approfondimento e lo svolgimento di test di autovalutazione al fine di supportare le attività di studio.  


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Il Corso si terrà nel secondo semestre.

La didattica si svolgerà in modalità tradizionale (lezioni frontali) e in modalità innovativa-sperimentale (Teaching Working Class). Si farà ricorso inoltre a forme seminariali anche ibride attraverso l’utilizzo delle touchboard digitali. Nello specifico, le lezioni saranno svolte con modalità di didattica mista.

Inoltre, il corso sarà accompagnato da una articolata attività di tutorato. Le lezioni in Teaching Working Class e le attività seminariali hanno l’obiettivo di fornire agli studenti un’occasione di approfondimento e spunti di riflessione sulle tematiche più rilevanti.

In accordo con gli studenti potranno essere organizzati ricevimenti collettivi in modalità mista, finalizzati a fornire chiarimenti e a svolgere un eventuale ripasso degli argomenti-chiave del programma affrontato a lezione.

Obblighi

Frequenza di almeno 2/3 delle lezioni previste in calendario

Testi di studio

1.  Barbera M., Guariso A. (a cura), La tutela antidiscriminatoria, Fonti Strumenti Interpreti, Giappichelli Editore, 2020.

2. Aa. V.v.. Decreto legislativo 11 aprile 2006 n. 198 - Codice delle Pari Opportunità tra uomo e donna, in De Luca Tamajo M. e Mazzotta O. (a cura di), Commentario breve alle leggi sul Lavoro, 2022  (disponibile sulla Piattaforma Blended) 

Modalità di
accertamento

La prova di esame consiste in una approfondita discussione orale, basata su almeno tre domande, durante la quale gli studenti dovranno dimostrare, oltre alla conoscenza dei materiali di studio indicati, anche la capacità di inquadrare gli argomenti che verranno trattati nel più ampio contesto giuridico-ordinamentale in cui devono essere correttamente collocati. In tale prospettiva, la prova orale si rivela più adatta a verificare il livello delle conoscenze acquisiste e il possesso di un adeguato linguaggio giuridico. 

    Gli studenti che abbiano assiduamente frequentato le lezioni potranno sostenere, alternativamente mediante apposito colloquio orale o test scritto a risposta multipla, una verifica intermedia relativamente alle tematiche inerenti la Parte generale del Corso.  Anche in tale caso, la verifica finale sarà svolta in forma esclusivamente orale.

    La Prova orale consente di valutare nel modo più completo, oltre che la capacità comunicativa dello studente, l'acquisizione delle capacità analitiche e critiche richieste allo studente in considerazione della complessità delle tematiche e delle argomentazioni oggetto del corso di cui deve dimostrare la conoscenza e la comprensione.

     I criteri di valutazione e i punteggi sono determinati secondo la seguente scala:

    • meno di 18/30: livello di competenza insufficiente. ll candidato non raggiunge nessuno dei risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;
    • 18-20/30: livello di competenza sufficiente. Il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;
    • 21-23/30: livello di competenza pienamente sufficiente. Il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione” e “conoscenza e capacità di comprensione applicate”;
    • 24-26/30: livello di competenza: buono. Il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate” e “autonomia di giudizio”;
    • 27-29/30: livello di competenza molto buono. Il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio” e “abilità comunicative”;
    • 30-30 e lode: livello di competenza eccellente. Il candidato raggiunge pienamente i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio”; “abilità comunicative” e “capacità di apprendere”. 

    Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

    Modalità didattiche

    Studio individuale dei testi di riferimento. Al fine di approfondire alcuni argomenti, è possibile leggere (ma non costituisce obbligo) altri contributi forniti dal docente sulla Piattaforma Blended

      Testi di studio

      1. .Barbera M., Guariso A. (a cura di), La tutela antidiscriminatoria, Fonti Strumenti Interpreti, Giappichelli Editore, 2020

      2. Aa. V.v.. Decreto legislativo 11 aprile 2006 n. 198 - Codice delle Pari Opportunità tra uomo e donna, in De Luca Tamajo R. e Mazzotta O. (a cura di), Commentario breve alle leggi sul Lavoro, 2022  (disponibile sulla Piattaforma Blended) 

      3. Barbera M., Borelli S., Principio di eguaglianza e divieti di discriminazione, WP CSDLE "Massimo D'Antona".IT - 451/2022 (disponibile sulle Piattaforma Blended)

      Modalità di
      accertamento

      Prova orale. Tale modalità di accertamento consente di valutare nel modo più completo, oltre che la capacità comunicativa dello studente, l'acquisizione delle capacità analitiche e critiche richieste allo studente in considerazione della complessità delle tematiche e delle argomentazioni oggetto del corso di cui deve dimostrare la conoscenza e la comprensione.

       I criteri di valutazione e i punteggi sono determinati secondo la seguente scala:

      • meno di 18/30: livello di competenza insufficiente. ll candidato non raggiunge nessuno dei risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;
      • 18-20/30: livello di competenza sufficiente. Il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;
      • 21-23/30: livello di competenza pienamente sufficiente. Il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione” e “conoscenza e capacità di comprensione applicate”;
      • 24-26/30: livello di competenza: buono. Il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate” e “autonomia di giudizio”;
      • 27-29/30: livello di competenza molto buono. Il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio” e “abilità comunicative”;
      • 30-30 e lode: livello di competenza eccellente. Il candidato raggiunge pienamente i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio”; “abilità comunicative” e “capacità di apprendere”. 
      « torna indietro Ultimo aggiornamento: 04/08/2022


      Condividi


      Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


      Il tuo feedback è importante

      Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

      Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

      Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

      Posta elettronica certificata

      amministrazione@uniurb.legalmail.it

      Social

      Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
      Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
      Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
      2022 © Tutti i diritti sono riservati

      Top