Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


FILOSOFIA DEI LINGUAGGI FORMALI E SIMBOLICI
PHILOSOPHY OF FORMAL AND SYMBOLICAL LANGUAGES

A.A. CFU
2023/2024 6
Docente Email Ricevimento studenti
Gino Tarozzi mercoledì dopo la lezione alle 17 e giovedì prima della lezione alle 15
Didattica in lingue straniere
Insegnamento parzialmente in lingua straniera Inglese
La didattica è svolta parzialmente in lingua italiana e parzialmente in lingua straniera. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Le lezioni del corso corso, che avrà come oggetto I principi della meccanica quantistica e la loro rappresentazione nel linguaggio teatrale e cinematografico, si propongono di introdurre gli studenti alla comprensione dei principi fondamentali della microfisica a partire da un punto di vista formale elementare, per poi evidenziare come la radicale svolta epistemologica prodotta dal loro recepimento abbia avuto un'influenza culturale profonda nei confronti di forme di espressione artistica come cinema e teatro, sottolineando la valenza comunicativa dei loro linguaggi simbolici rispetto alla chiarificazione di tali principi.

Particolare attenzione sarà dedicata all'analisi della rappresentazione e trasfigurazione del principio di sovrapposizione degli stati quantici, dal quale hanno origine i principali paradossi della meccanica quantistica, nel linguaggio teatrale, e del principio di complementarità di Bohr in alcuni importanti esempi di cinematografia scientifica che mostrano l’autointerferenza dell’elettrone singolo.   


 

Programma

Il corso è incentrato sulla rappresentazione e trasfigurazione dei principi della meccanica quantistica e in particolare dei principi di sovrapposizione e di complementarità (che verranno brevemente introdotti a livello elementare, ma saranno oggetto di approfondimento in corsi successivi) nel linguaggio teatrale e cinematografico. Ci si propone di mostrare inoltre come queste forme di espressione e comunicazione artistica possano costituire non solo uno strumento di comprensione e di chiarificazione concettuale, che rende più accessibili i concetti delle scienze, ma anche importante supporto al linguaggio scientifico stesso.
Nel corso verranno analizzate le versioni opposte e inconciliabili dell'incontro svoltosi a Copenaghen poco dopo l'inizio della seconda guerra mondiale tra Bohr e Heisenberg, principali padri fondatori della meccanica quantistica “ortodossa”, sulla questione dei due progetti, alleato e nazista, della bomba atomica in due testi teatrali, nei quali  l’inaccessibilità nei confronti di una ricostruzione storica di eventi passati non viene interpretata come nel teatro Pirandelliano nei termini di un mero relativismo gnoseologico rispetto a verità inaccessibili o nascoste (con la possibilità che la scoperta di qualche nuova fonte o documento possa far luce sul reale andamento dei fatti), ma assumendo che tutte le possibilità descritte/previste siano contemporaneamente reali nello stesso modo in cui viene stabilito dal principio di sovrapposizione degli stati quantici fino a quando l’evento considerato non venga osservato o misurato. 
Per quanto riguarda invece il caso del linguaggio cinematografico, verranno analizzati due filmati di autointeferenza degli elettroni che consentono una visualizzazione del comportamento duale, ondulatorio e corpuscolare degli oggetti atomici, ritenuto inosservabile nelle interpretazioni restrittive del principio di complementarità, secondo le quali l’aspetto ondulatorio e corpuscolare si escludono completamente all’interno di una stessa situazione fisica.
Nell’ambito del corso il dott. Franco Pollini terrà un seminario sul tema Teatro e scienza che verrà considerato parte del programma d’esame.
Le caratteristiche distintive del corso saranno la grande attenzione all'analisi critica dei concetti e metodologie in gioco nei processi di interazione razionale. L'approccio didattico e introduttivo alle varie nozioni logiche e matematiche utilizzate renderanno il corso autosufficiente.

Eventuali Propedeuticità

Il corso non richiede propedeuticità.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding):
A fine corso gli studenti dovranno essere in grado di comprendere e spiegare alcuni testi sulla storia della scienza, conoscere e discutere alcuni dei problemi classici dei fiondamentoi delka fisica e utilizzare alcuni principali strumenti bibliografici e informativi attinenti al settore.
 Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding):
A fine corso gli studenti dovranno dimostrare capacità di discutere e valutare le principali argomentazioni e tesi nell'ambito della storia dei concetti fisici e saper utilizzare tali conoscenze nell'analisi dei dibattiti contemporanei sull'argomento.
 Autonomia di giudizio (making judgements):
A fine corso gli studenti dovranno dimostrare autonomia di giudizio a proposito dei principali temi affrontati dal corso. A tal fine sarà dato spazio alla discussione in classe. Nell'accertamento dell'apprendimento avrà rilievo anche la capacità di rielaborazione personale delle conoscenze.
 Abilità comunicative (communication skills):
A fine corso gli studenti dovranno essere in grado di esporre e discutere i problemi studiati con precisione concettuale e linguistica, e di delineare quadri generali che illustrino efficacemente e sinteticamente le problematiche affrontate. A questo fine  saranno importanti tra l'altro, oltre alle interazioni durante le lezioni, un'attenta lettura e un'analisi puntuale dei testi di riferimento.
 Capacità di apprendimento (learning skills):
A fine corso gli studenti dovranno aver conseguito una certa familiarità con l'argomento e col metodo della ricerca nel settore in modo da poter  acquisire autonomamente nuove conoscenze consultando i principali strumenti bibliografici in questo settore e in settori affini. 

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dalla/dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni della/del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali e seminario.

Obblighi

Si raccomanda di seguire le lezioni dall'inizio, attivamente e regolarmente. Data la natura fortemente astratta di alcuni dei problemi affrontati, sarà molto importante una partecipazione attiva alla discussione degli argomenti trattati. 

Testi di studio

Michel Frayn, Copenaghen, Sironi (2009)

Franco Pollini, Margrethe e la bomba, Carocci, Roma (); ivi in particolare Quanti Margrethe pp. 201-217

Franco Pollini e Gino Tarozzi, Dialoghi sopra le due massime interpretazioni della meccanica quantistica, in corso di pubblicazione

Clelia Sedda e Gino Tarozzi, “To See or not to See the Dual Nature of Quantum Objects? Self-Interference of Electrons in Motion Pictures as a proof of of the Realist Interpretation of the Schrödinger Wave Function” in Proceedings XXX conference SISFA, a cura di Roberto Mantovani, Argalia, Urbino, pp. 231-238 (2012)

Flavia Marcacci, “Illusions, Ghosts and Movies in the History of Scientific Instruments”, in Gino Tarozzi Philosopher of Physics, a cura di Vincenzo Fano, Angeli, Milano (2014); pp. 148-160

Modalità di
accertamento

L'esame, che si svolgerà in forma orale di propone di accertare non solo la conoscenza dei concetti, dei problemi e delle questioni trattate, ma anche la comprensione, l'acquisizione delle previste capacità di analisi, comprensione ed esposizione, lo sviluppo di un'attitudine al ragionamento analitico, e la capacità di discutere in modo critico e personale le tematiche delle lezioni e delle letture compiute. Tutti questi criteri avranno peso uguale nella valutazione.

Disabilità e DSA

Le studentesse e gli studenti che hanno registrato la certificazione di disabilità o la certificazione di DSA presso l'Ufficio Inclusione e diritto allo studio, possono chiedere di utilizzare le mappe concettuali (per parole chiave) durante la prova di esame.

A tal fine, è necessario inviare le mappe, due settimane prima dell’appello di esame, alla o al docente del corso, che ne verificherà la coerenza con le indicazioni delle linee guida di ateneo e potrà chiederne la modifica.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Studio personale seguendo le direttive del Vademecum e avvalendosi per quanto possibile del tutoraggio offerto dal docente negli orari di ricevimento e per via telematica. 

Obblighi

Si richiede un'applicazione particolarmente attenta, per ovviare alla mancata frequenza delle lezioni, oltre a una buona autonomia di apprendimento. Si consiglia, ove possibile, lo studio insieme ad altri studenti, frequentanti o non.

Testi di studio

Michel Frayn, Copenaghen, Sironi (2009)

Franco Pollini, Margrethe e la bomba, Carocci, Roma (); ivi Quanti Margrethe pp. 201-217

Franco Pollini e Gino Tarozzi, Dialoghi sopra le due massime interpretazioni della meccanica quantistica, in corso di pubblicazione

Clelia Sedda e Gino Tarozzi, “To See or not to See the Dual Nature of Quantum Objects? Self-Interference of Electrons in Motion Pictures as a proof of of the Realist Interpretation of the Schrödinger Wave Function” in Proceedings XXX conference SISFA, a cura di Roberto Mantovani, Argalia, Urbino, pp. 231-238 (2012)

Flavia Marcacci, “Illusions, Ghosts and Movies in the History of Scientific Instruments”, in Gino Tarozzi Philosopher of Physics, a cura di Vincenzo Fano, Angeli, Milano (2014); pp. 148-160

Modalità di
accertamento

L'esame, che si svolgerà in forma orale di propone di accertare non solo la conoscenza dei concetti, dei problemi, degli autori e delle questioni trattate, ma anche la comprensione, l'acquisizione delle previste capacità di analisi, comprensione ed esposizione, lo sviluppo di un'attitudine al ragionamento analitico, e la capacità di discutere in modo critico e personale le tematiche delle lezioni e delle letture compiute. Tutti questi criteri avranno peso uguale nella valutazione. 

E' prevista la possiblità di sostenere un pre-esame basato sulla discussione di una tesina di approfondimento di uno degli argomenti in programma, che verrà presentato attraverso slides coinvongendo attivamente anche gli altri studenti del corso.

Disabilità e DSA

Le studentesse e gli studenti che hanno registrato la certificazione di disabilità o la certificazione di DSA presso l'Ufficio Inclusione e diritto allo studio, possono chiedere di utilizzare le mappe concettuali (per parole chiave) durante la prova di esame.

A tal fine, è necessario inviare le mappe, due settimane prima dell’appello di esame, alla o al docente del corso, che ne verificherà la coerenza con le indicazioni delle linee guida di ateneo e potrà chiederne la modifica.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 19/07/2023


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

15 22

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522, scarica l'app o chatta su www.1522.eu

Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2024 © Tutti i diritti sono riservati

Top