Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


DIRITTO DELLE PARI OPPORTUNITà NEL RAPPORTO DI LAVORO

A.A. CFU
2007/2008 9
Docente Email Ricevimento studenti
Luciano Angelini Prime e dopo le lezioni

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

I Modulo: Il corso si propone di fornire un'ampia panoramica sulla disciplina dei rapporti di lavoro, sulle politiche e sui principi fondamentali del diritto nazionale in tema di diritti della persona , attraverso l'analisi degli strumenti normativi destinati a gestire le peculiarità dei diversi gruppi di soggetti che lavorano - a titolo esemplificativo, donne, minori, disabili, extracomunitari - al fine di valorizzarne le differenze e valutare i percorsi di integrazione economico e sociale (40 h).   

II Modulo: Il corso approfondirà lo studio delle politiche e dei principi fondamentali del diritto comunitario del lavoro inerenti ai diritti delle persone, con particolare attenzione a donne, minori, disabili, extracomunitari, al fine di individuarne le peculiarità ed analizzare le misure predisposte per la loro effettiva realizzazione professionale (20 ore).

Programma

I Modulo: 1. Eguaglianza e differenze nel diritto costituzionale e nel diritto del lavoro. 2. Subordinazione e discriminazione. 3. I Divieti di discriminazione e le tutele apprestate dall'ordinamento. 3.1. Il licenziamento discriminatorio. 3.2. Il licenziamento nelle organizzazioni di tendenza. 4. La tutela antidiscriminatoria di genere come modello. 5. Diritto diseguale ed azioni positive nella legislazione e nella giurisprudenza. 6. Pari opportunità e pubbliche amministrazioni.

II Modulo: 1. Parità di trattamento e tutela antidiscriminatoria nell'ordinamento comunitario. 1.1. Le nuove direttive. 2. Diritto diseguale ed azioni positive. 2.1. Le decisioni della Corte di Giustizia. 3 Empowerment e mainstreaming. 3.1. Strategie e strumenti. 4. Lavoratori svantaggiati e politiche di sostegno.

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Corso annuale con lezioni frontali, discussione di materiali  e seminari di approfondimento tematico

Testi di studio

I Modulo: G. De Simone, Dai principi alle regole, Eguaglianza e divieti di discriminazione nella disciplina dei rapporti di lavoro, Giappichelli, 2001, oppure, D. Izzi. Eguaglianza e differenze nei rapporti di lavoro, Il diritto antidiscriminatorio tra genere e fattori di rischio emergenti, Jovene, 2005.

II Modulo: M.V. Ballestrero, Introduzione, in M.V. Ballestrero e G. Balandi, I lavoratori svantaggiati tra eguaglianza e diritto diseguale, Bologna, Il Mulino, 2005, pp. 9-39; G. De Simone, Eguaglianza e nuove differenze nei lavori flessibili, fra diritto comunitario e diritto interno, in LD, n. 3-4/2004, pp. 527-555; F. Savino, Differenze di trattamento e giustificazioni legittime nella giurisprudenza della Corte di Giustizia, in LD, n. 3-4/2004, pp. 571/591; L. Angelini, A proposito di diritti sociali e principio di uguaglianza nella Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, in DLRI, 2001, pp. 633-640; L. Calafà, Azioni positive nel diritto comunitario, in M.G.Garofalo (a cura di), Lavoro delle donne e azioni positive. Lesperienza giuridica italiana, Bari Cacucci, 2002, pp. 321-352.

Se concordato con il docente, gli studenti frequentanti potranno sostituire le letture consigliate con altri saggi o materiali di approfondimento

Modalità di
accertamento

 I e II Modulo:La prova di esame consiste in una discussione orale.

Gli studenti frequentanti potranno sottoporsi anche ad accertamenti in itinere consistenti in prove scritte – colloqui – valutazione di tesine preventivamente concordate con il docente

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Corso annuale

Testi di studio

 

I Modulo: G. De Simone, Dai principi alle regole, Eguaglianza e divieti di discriminazione nella disciplina dei rapporti di lavoro, Giappichelli 2001, oppure, D. Izzi, Eguaglianza e differenze nei rapporti di lavoro, Il diritto antidiscriminatrorio tra genere e fattori di rischio emergenti, Jovene, 2005.

II Modulo:M. V. Ballestrero, Introduzione, in M. V. Ballestrero e G. G. Balandi ( a cura di), I lavoratori svantaggiati tra eguaglianza e diritto diseguale, Bologna, Il Mulino , pp. 9-39;b) G. De Simone, Eguaglianza e nuove differenze nei lavori flessibili, fra diritto comunitario e diritto interno, in LD, n. 3-4/2004, pp. 527-555;c) F. Savino, Differenze di trattamento e giustificazioni legittime nella giurisprudenza della Corte di Giustizia, in LD, n. 3-4/2004, pp. 571-591; d) L. Angelini, A proposito di diritti sociali e principio di uguaglianza nella Carta dei diritti fondamentali dell’unione europea, in DLRI, 2001, pp. 633-640; e) L. Calafà, Azioni positive nel diritto comunitario, in M. G. Garofalo (a cura di), Lavoro delle donne e azioni positive. L’esperienza giuridica italiana, Bari, Cacucci, 2002, pp. 321-352.

Modalità di
accertamento

I e II Modulo:La prova di esame consiste in una discussione orale

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 16/07/2007


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2022 © Tutti i diritti sono riservati

Top