Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


DIRITTO SPORTIVO COMUNITARIO

A.A. CFU
2008/2009 3
Docente Email Ricevimento studenti
Marcello Pierini Dopo le lezioni o su appuntamento (0722.303577/303578)

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso fornisce gli strumenti storici, tecnici e giuridici necessari per poter comprendere la nascita, l’evoluzione e la portata invasiva del sistema comunitario, nonché le principali problematiche che sono alla base dell'attuale fase di costruzione dell’Unione Europea.
Il corso tratterà, altresì, del modello di sport europeo e delle competenze e delle principali politiche esercitate dall'Unione Europea.

Programma

1.LA COSTRUZIONE STORICA DELLA COMUNITÀ EUROPEA E LA SUA
1.1 CECA, CEE, Euratom
1.2 Fusione degli esecutivi e allargamento della Comunità: da 6 a 15 Stati
1.3 L'ultimo allargamento della Comunità: da 15 a 25 Stati membri
1.4 La revisione dei trattati
1.5 L'Atto Unico Europeo, il Trattato di Maastricht, il Trattato di Nizza.
1.6 La Ce e l'UE: il secondo e il terzo pilastro
1.7 La Carta dei Diritti Fondamentali
1.8 I lavori della Convenzione per la futura costituzione dell'Unione
La discussione di questo particolare aspetto è strettamente connesso alla firma del nuovo trattato costituzionale da parte della conferenza intergovernativa.
2. LA STRUTTURA ISTITUZIONALE
2.1 Il Consiglio Europeo
2.2 Il Consiglio
2.3 La Commissione Europea
2.4 Il Parlamento Europeo
2.5 La Corte di Giustizia e il Tribunale di primo grado
2.6 La Corte dei Conti
2.7 Il Comitato Economico e sociale Europeo
2.8 Il Comitato delle Regioni
2.9 I Comitati e la comitologia
3. LE NORME
3.1 La revisione dei trattati e delle leggi internazionali
3.2 Il principio delle competenze per attribuzione i principi di sussidiarietà e proporzionalità
3.3 I principi del diritto comunitario
3.4 La legislazione secondaria:
• Regolamenti
• Direttive e direttive self executing
• Decisioni
3.5 Gli atti non vincolanti: Raccomandazioni e pareri
3.6 Relazioni tra il diritto comunitario e il diritto interno: analisi di alcune decisioni della Corte di giustizia della comunità e della Corte costituzionale italiana
3.7 La supremazia del diritto comunitario sul diritto interno
3.8 Cenni sulla protezione giurisdizionale nel diritto comunitario
3.9 Sanzioni per le infrazioni del diritto comunitario e azioni esperibili
4. IL MERCATO INTERNO E LE LIBERTÀ FONDAMENTALI
4.1 Il completamento del mercato interno
4.2 La libera circolazione dei beni
4.3 La libera circolazione dei capitali
4.4 La libera circolazione dei servizi
4.5 La libertà di stabilimento e la libera circolazione dei lavoratori subordinati autonomi: nozione di lavoratore e di subordinati e autonomi. Limiti e deroghe al principio di libera circolazione.
4.6 Il sistema di sicurezza sociale garantito ai lavoratori nell’Unione Europea
4.7 Libertà di stabilimento
5. LO SPORT NELLE COMPETENZE E NELLE POLITICHE DELL'UNIONE EUROPEA
5. 1 Il modello europeo di sport
5. 2 Le attività sportive nel sistema comunitario:
lo sport come attività economica
lo sport come attività lavorativa: dalla decisione Donà del 1976 alla decisione Bosman del 1995 (15-XII- 1995, causa C-415/93, Raccolta, p. I-4921)
5.3 La libera circolazione degli atleti professionisti nell’Unione Europea
5.4 Lo statuto delle associazioni sportive nel sistema comunitario
5.5 Piano di supporto alla lotta contro il doping nello sport
5.6 Le nuove competenze in materia di sport nell'Unione Europea
5.7 L’integrazione dello sport nelle politiche comunitarie
5.8 Anno Europeo dell’Educazione attraverso lo Sport, 2004

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali e seminari di approfondimento

Testi di studio

Diritto internazionale dello sport, a cura di Edoardo Greppi e Michele Vellano, Giappichelli Edizioni, Torino: parte III, cap. VIII; parte V, cap. XI.

Lo studente deve inoltre munirsi della Sentenza Meca-Medina-Majcen e studiarla approfonditamente.

Modalità di
accertamento

Esame orale

Note

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 12/04/2012


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2021 © Tutti i diritti sono riservati

Top