Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


A.A. Sede
2017/2018 Urbino

Obiettivi formativi

Come risulta dall'Allegato A al citato accordo del 7 luglio 2016, Il Modulo C deve consentire ai responsabili dei servizi di prevenzione e protezione di acquisire le conoscenze/abilità relazionali e gestionali per:

-progettare e gestire processi formativi in riferimento al contesto lavorativo e alla valutazione dei rischi, anche per la diffusione della cultura alla salute e sicurezza e del benessere organizzativo;

-pianificare, gestire e controllare le misure tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza aziendali attraverso sistemi di gestione della sicurezza;

-utilizzare forme di comunicazione adeguate a favorire la partecipazione e la collaborazione dei vari soggetti del sistema.

Il corso è mirato alla formazione dei RSPP nel settore privato ed in quello pubblico

Il percorso formativo si riconnette a quanto previsto nella legislazione italiana in merito alla necessità che coloro che intendono svolgere le funzioni di Responsabile e di Addetto al Servizio di prevenzione e protezione nei luoghi di lavoro acquisiscano adeguate competenze in virtù della frequenza a specifici corsi di formazione articolati in vari moduli (art. 32, comma 2, del d.lgs. n. 81/2008; accordo Stato Regioni del 7 luglio 2016).

I percorsi formativi, sono strutturati in tre moduli: A, B e C.

Il MODULO A costituisce il corso di base, per lo svolgimento della funzione di RSPP e di ASPP.

La sua durata è di 28 ore, escluse le verifiche di apprendimento finali. Il Modulo A è propedeutico per l’accesso agli altri moduli. Il suo superamento consente l’accesso a tutti i percorsi formativi. È consentito l’utilizzo della modalità e-learning secondo i criteri previsti nell’allegato II dell’Accordo del 7 luglio 2016.

Il Modulo B è il corso correlato alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative. Come il Modulo A anche il Modulo B è necessario per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP.

L’articolazione degli argomenti formativi e delle aree tematiche del Modulo B è strutturata prevedendo un Modulo comune a tutti i settori produttivi della durata di 48 ore. Il suddetto Modulo B comune è esaustivo per tutti i settori produttivi ad eccezione di quattro per i quali il percorso deve essere integrato con la frequenza dei moduli di specializzazione indicati nell’accordo del 7 luglio 2016. Il Modulo B comune è propedeutico per l’accesso ai moduli di specializzazione.

Il Modulo C, di specializzazione per le sole funzioni di RSPP, è il corso su prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e da stress lavoro correlato di cui all’art. 28 comma 1, di organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali, in attuazione dell’art. 32, comma 2, del D.Lgs. n. 81/2008. La durata complessiva è di 24 ore escluse le verifiche di apprendimento finali.

Unità didattica C1 - 8 ore

Presentazione e apertura del corso

Conoscere gli obiettivi, i contenuti e le modalità didattiche del Modulo.

Gli obiettivi didattici del Modulo. L’articolazione del corso in termini di programmazione.

Le metodologie impiegate.

Il ruolo e la partecipazione dello staff. Le informazioni organizzative.

Presentazione dei partecipanti.

Ruolo dell’informazione e della formazione

Evidenziare la stretta connessione e coerenza tra il DVR e la predisposizione dei piani della informazione e formazione.

Effettuare una ampia panoramica delle metodologie e degli strumenti disponibili per realizzare una corretta informazione sul posto di lavoro.

Conoscere le metodologie didattiche utilizzabili per le diverse esigenze formative e i principali elementi della progettazione didattica.

Dalla valutazione dei rischi alla predisposizione dei piani di informazione e formazione in azienda (d.lgs. n. 81/2008 e altre direttive europee).

Le fonti informative su salute e sicurezza del lavoro.

Metodologie per una corretta informazione in azienda (riunioni, gruppi di lavoro specifici, conferenze, seminari informativi, ecc.).

Strumenti di informazione su salute e sicurezza sul lavoro (circolari, cartellonistica, opuscoli, audiovisivi, avvisi, news, sistemi in rete, ecc.). La formazione: il concetto di apprendimento. Le metodologie didattiche attive: analisi e presentazione delle principali metodologie utilizzate nell’andragogia.

Elementi di progettazione didattica: analisi del fabbisogno, definizione degli obiettivi didattici, scelta dei contenuti in funzione degli obiettivi, metodologie didattiche, sistemi di valutazione dei risultati della formazione in azienda.

Unità didattica C2 - 8 ore

Organizzazione e sistemi di gestione

Conoscere la struttura di un SGSL

secondo le principali normative

Organizzare il coordinamento dei processi amministrativi interni (capitolati, specifiche prestazionali di beni e servizi) ed esterni dell’azienda che hanno impatto sui rischi introdotti.

Conoscere i principali elementi di “organizzazione aziendale”.

La valutazione del rischio come:

processo di pianificazione della prevenzione;

conoscenza del sistema di organizzazione aziendale come base per l’individuazione e l’analisi dei rischi con particolare riferimento ad obblighi, responsabilità e deleghe funzionali ed organizzative;

elaborazione di metodi per il controllo della efficacia ed efficienza nel tempo dei provvedimenti di sicurezza adottati.

Il sistema di gestione della sicurezza: linee guida UNI-INAIL integrazione confronto con norme e standard (OSHAS 18001, ISO, ecc.).

Il processo del miglioramento continuo. Organizzazione e gestione integrata:

-          sinergie tra i sistemi di gestione qualità (ISO 9001), ambiente (ISO 14001), sicurezza

(OHSAS 18001);

-         procedure semplificate MOG (d.m.

13/02/2014);

-          attività tecnico amministrative (capitolati, percorsi amministrativi, aspetti economici);

-          programma, pianificazione e organizzazione della manutenzione ordinaria e straordinaria.

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (d.lgs. n. 231/2001): ambito di operatività e effetti giuridici (art. 9 legge n.

123/2007).

IUS/07

Unità didattica C3 - 4 ore

Il sistema delle relazioni e della comunicazione

Identificare il sistema di relazioni interno/esterno tra i diversi soggetti della prevenzione e il flusso comunicativo. Illustrare sia i concetti e i principi della comunicazione sia i metodi e le tecniche finalizzate alla migliore efficacia della comunicazione per la sicurezza.

Gestire efficacemente la riunione periodica per meglio valutare le condizioni di salute e sicurezza del posto di lavoro e per monitorare l’attuazione delle eventuali decisioni adottate al riguardo.

Il sistema delle relazioni: RLS, datore di lavoro, medico competente, lavoratori, enti pubblici, fornitori, lavoratori autonomi, appaltatori, ecc. Caratteristiche e obiettivi che incidono sulle relazioni.

Ruolo della comunicazione nelle diverse situazioni di lavoro.

Individuazione dei punti di consenso e disaccordo per mediare le varie posizioni.

Cenni ai metodi, tecniche e strumenti della comunicazione.

La rete di comunicazione in azienda.

Gestione degli incontri di lavoro e della riunione periodica.

Chiusura della riunione e pianificazione delle attività.

Attività post-riunione.

La percezione individuale dei rischi.

Aspetti sindacali

Comprendere cosa si intende per relazioni sindacali.

Elementi di contatto e differenziazioni fra relazioni sindacali e sistema della sicurezza.

Negoziazione e gestione delle relazioni sindacali. Art. 9 della legge n. 300/1970.

Rapporto fra gestione della sicurezza e aspetti sindacali.

Criticità e punti di forza.

Unità didattica C4 - 4 ore

Benessere organizzativo compresi i fattori di natura ergonomica e da stress lavoro correlato

Conoscere gli elementi relativi allo stress da lavoro correlato in funzione del benessere aziendale.

Conoscere i principi base legati alla motivazione delle persone.

Cultura della sicurezza:

-  analisi del clima aziendale;

-  elementi fondamentali per comprendere il ruolo dei bisogni nello sviluppo della motivazione delle persone.

Benessere organizzativo:

-  motivazione, collaborazione, corretta circolazione delle informazioni, analisi delle relazioni, gestione del conflitto;

-  fattori di natura ergonomica e stress lavoro correlato.

Team building:

-  aspetti metodologici per la gestione del team building finalizzato al benessere organizzativo.

Verifica finale delle conoscenze acquisite

La frequenza al Corso è obbligatoria per almeno il 90% del complesso delle attività formative di didattica frontale.

La verifica dell’apprendimento deve essere svolta mediante test, somministrabili anche in itinere, per un totale minimo di 30 domande, ciascuna con almeno tre risposte alternative (esito positivo dato dalla risposta corretta ad almeno il 70% delle domande) eventualmente integrato da un colloquio di approfondimento. Il superamento della verifica finale consente l’acquisizione di 5 CFU.

Per l’anno accademico 2017/2018 si attiveranno soltanto i moduli A e C

Data presunta di inizio e fine corso:  dal 15 giugno 2018 al 15 luglio 2018

Iscriversi a Responsabile dei Servizi di Prevenzione e Protezione (RSPP) e di Addetto dei Servizi di Prevenzione e Protezione (ASPP) - Modulo C

Accesso
Corso ad accesso limitato
Posti
35 posti disponibili
Ammissione
Termine utile per presentare la domanda di preiscrizione / ammissione: 31/05/2018
Indicazioni

Diploma di Istruzione Superiore

È prevista una riserva di n. 5 posti per candidati esterni, mentre i restanti 25 posti sono destinati agli iscritti al Corso di laurea in "Scienze giuridiche per la consulenza del lavoro e la sicurezza dei lavoratori" (L-14). Ove i posti messi a disposizione per gli studenti iscritti al Corso di laurea citato non venissero interamente coperti, verranno messi a disposizione dei candidati esterni e viceversa.

Modalità di ammissione degli iscritti al Corso di laurea in "Scienze giuridiche per la consulenza del lavoro e la sicurezza dei lavoratori" (L-14):

Possono essere ammessi, previa istanza, gli studenti iscritti almeno al secondo anno del predetto Corso di laurea. In caso di un numero di domande superiore ai posti disponibili si procederà alla redazione di una graduatoria di merito basata sulla media ponderata dei voti degli esami di profitto sostenuti.

Modulistica
Modulo di ammissione
Iscrizione
Puoi iscriverti dal 12/06/2018 al 14/07/2018 . Tramite la procedura online puoi iscriverti al corso e scaricare il modulo elettronico (MAV) per il pagamento della contribuzione.
Iscrizione online
Iscriviti online Guida all'Iscrizione online
Contribuzione

Quota per gli esterni: € 750,00 da pagarsi  in una unica rata al momento dell’iscrizione (14 luglio 2018);

Gli iscritti al Corso di laurea in "Scienze giuridiche per la consulenza del lavoro e la sicurezza dei lavoratori" (L-14) sono esonerati dal pagamento della tassa di iscrizione, fatta salva la corresponsione dell'imposta di bollo (16,00 euro).

Le quote devono considerarsi al netto delle spese bancarie. Il contributo di iscrizione è comprensivo delle spese per imposta di bollo e copertura assicurativa. I contributi saranno restituiti solo in caso di non attivazione del Corso, esclusa l'imposta di bollo.

I pagamenti possono essere effettuati presso qualsiasi sportello della UBI BANCA o presso qualsiasi Istituto di Credito, utilizzando il bollettino MAV on-line universitario prodotto al termine della procedura di iscrizione online seguendo la procedura di seguito descritta:

Area riservata: selezionare direttamente il link “LOGIN”, inserendo le proprie credenziali (nome utente =

n.cognome@stud; password = codice personale rilasciato all’atto dell’iscrizione).

Area registrato: selezionare Pagamenti, stampare il MAV online

Per i pagamenti dall’estero utilizzare le seguenti coordinate bancarie: IBAN IT 87N 03111 68701 000000013607 - BIC BLOPIT22

Documentazione utile

Bando download
Elenco ammessi download
Scheda del corso download

Richiesta informazioni sulla didattica del corso

Organizzazione

Direttore del Corso Prof. Paolo Pascucci - Dipartimento di Giurisprudenza - DiGiur.

 

A chi rivolgersi

La segreteria didattica e organizzativa è presso la Scuola di Giurisprudenza, Via Matteotti, 1, 61029 Urbino, e-mail: scuola.giurisprudenza@uniurb.it, tel. 0722.303220, fax 0722.2955.

Contatti
Paolo Pascucci
 0722/303220   paolo.pascucci@uniurb.it
Luciano Angelini
 0722 303220   luciano.angelini@uniurb.it

Richiesta informazioni di carattere amministrativo

Segreteria
Segreteria Studenti Corsi di Alta Formazione
 Via Valerio 9 - 61029 Urbino PU
Orari di apertura
Dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13. Apertura pomeridiana: martedì dalle ore 14 alle ore 17
Contatti
 Tel. +39 0722 304632 / +39 0722 304634 / +39 0722 304635 / +39 0722 304636   altaformazione@uniurb.it

Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

numero verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2017 © Tutti i diritti sono riservati

Top