Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


SOCIOLOGIA DEI MASS MEDIA E LINGUAGGI DEL BRAND
MASS MEDIA SOCIOLOGY AND BRAND LANGUAGES

A.A. CFU
2017/2018 10
Docente Email Ricevimento studenti
Bernardo Valli mercoledì (ore 9-11) e giovedì (ore 11-13)

Assegnato al Corso di Studio

Informazione, Media, Pubblicità (L-20)
Curriculum: PERCORSO COMUNE
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

1) Inquadramento teorico sui mass media fino a quelli digitali e all'età della convergenza

2) Sviluppo di una strumentazione teorica e metodologica per analizzare i media: i loro contenuti, i linguaggi e le professionalità.

3) Gli strumenti teorici e pratici che sono utili per comprendere l'evoluzione del brand  con un particolare riferimento agli aspetti comunicativi

4) Analisi del 'made in Italy': sviluppo storico ed analisi di case studies

Programma

1) come nasce la comunicazione di massa.

2) media, llinguaggi e generi delle comunicazioni di massa

3) il significato teorico del brand nella società complessa.

4) evoluzione del concetto di made in Italy con particolare attenzione all'aspetto comunicativo del fenomeno.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

1) capire l'evoluzione dei mass media attraverso l'acquisizione di conoscenze teoriche articolate che permettano di inquadrare i problemi storici e sociologici che hanno caratterizzato la società dal moderno al post-moderno fino all'era digitale. Sviluppare un percorso analitico che permetta di inquadrare nella sua evoluzione storica e sociologica il fenomeno del  Brand con un particolare riguardo alla questione relativa al made in Italy

1.1. gli studenti conseguono tali conoscenze attraverso la frequenza delle lezioni e lo studio dei testi

2) acquisizione di una metodologia che permetta l'analisi dei vari media di massa e dei brand presi in considerazione nella loro interazione con la società

2.1 competenze che vengono acquisite attraverso discussioni ed esercitazioni in classe

3) capacità di giudizio e riflessione critica sulle attuali trasformazioni dovute alla globalizzazione e all'era digitale

3.1 questa capacità verrà sviluppata nel confronto fra docenti ed allievi nel corso delle lezioni e nei momenti laboratoriali

4) lo studente verrà stimolato a sviluppare le proprie capacità comunicative attraverso interventi mirati nel corso delle lezioni e con brevi relazioni.

4.1 tali abilità verranno organizzate attraverso specifici momenti di discussione ed esercitazione.

5) lo studente verrà aiutato ad adottare un metodo critico che sia nello stesso tempo maturo dal punto di vista teorico ma anche pratico.

5.1 tali obiettvi si potranno sviluppare nell'interazione con gli altri studenti e il professore.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dalla/dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni della/del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Accanto alle lezioni frontali si farà apio ricorso a visione e commento di materiali audiovisivi, nonchè ad attività di esercitazione in classe.


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali con l'utilizzo di supporti audiovisivi e laboratori in classe.

Obblighi

Partecipazione ad almeno 2/3 delle ore di lezione (40 ore sulle 60 ore totali)

Studio dei testi di riferimento.

Esercitazioni proposte nel corso delle lezioni.

Testi di studio

Laura Minestroni, Il Manuale della marca, Fausto Lupetti Editore, Bologna, 2010;

Lyn Gorman, David McLean, Media e società nel mondo contemporaneo, Il Mulino, Bologna, 2009;

Dispense del corso, Quel che resta del made in italy. Un'indagine comparata sulle percezioni del made in italy

Per gli studenti non frequentanti si aggiunge il volume:

Gian Luca Gregori (a cura di), Made in Italy. Una lettura critica fra eredi virtuosi e dissipatori, Il Mulno, Bologna, 2016.

Modalità di
accertamento

La verifica dell’apprendimento avverrà tramite colloquio orale individuale basato sui testi di riferimento per l’esame, volto a valutare sia l'apprendimento dei contenuti da parte dello studente sia la sua capacità di rielaborazione e di argomentazione. È prevista la possibilità di presentare un paper scritto, su un tema concordato con il docente.

Daranno luogo a valutazioni di eccellenza: il possesso da parte dello studente di buone capacità critiche e di approfondimento; il saper collegare tra loro le principali tematiche affrontate nel corso; l’uso di un linguaggio appropriato rispetto alla specificità della disciplina.

Daranno luogo a valutazioni discrete: il possesso da parte dello studente di una conoscenza mnemonica dei contenuti; una relativa capacità critica e di collegamento tra i temi trattati: l’uso di un linguaggio appropriato.

Daranno luogo a valutazioni sufficienti: il raggiungimento di un bagaglio di conoscenze minimale sui temi trattati da parte dello studente, pur in presenza di alcune lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.

Daranno luogo a valutazioni negative: difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d'esame; lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.

Disabilità e DSA

Le studentesse e gli studenti che hanno registrato la certificazione di disabilità o la certificazione di DSA presso l'Ufficio Inclusione e diritto allo studio, possono chiedere di utilizzare le mappe concettuali (per parole chiave) durante la prova di esame.

A tal fine, è necessario inviare le mappe, due settimane prima dell’appello di esame, alla o al docente del corso, che ne verificherà la coerenza con le indicazioni delle linee guida di ateneo e potrà chiederne la modifica.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Obblighi

Studio dei testi di riferimento

Testi di studio

Laura Minestroni, Il Manuale della marca, Fausto Lupetti Editore, Bologna, 2010;

Lyn Gorman, David McLean, Media e società nel mondo contemporaneo, Il Mulino, Bologna, 2009;

Volume in preparazione, Quel che resta del made in italy. Un'indagine comparata sulle percezioni del made in italy.

Gian Luca Gregori (a cura di), Made in Italy. Una lettura critica fra eredi virtuosi e dissipatori, Il Mulino, Bologna, 2016;

Volume in preparazione, Quel che resta del made in italy. Un'indagine comparata sulle percezioni del made in italy.

Modalità di
accertamento

La verifica dell’apprendimento avverrà tramite colloquio orale individuale basato sui testi di riferimento per l’esame, volto a valutare sia l'apprendimento dei contenuti da parte dello studente sia la sua capacità di rielaborazione e di argomentazione. È prevista la possibilità di presentare un paper scritto, su un tema concordato con il docente.

Daranno luogo a valutazioni di eccellenza: il possesso da parte dello studente di buone capacità critiche e di approfondimento; il saper collegare tra loro le principali tematiche affrontate nel corso; l’uso di un linguaggio appropriato rispetto alla specificità della disciplina.

Daranno luogo a valutazioni discrete: il possesso da parte dello studente di una conoscenza mnemonica dei contenuti; una relativa capacità critica e di collegamento tra i temi trattati: l’uso di un linguaggio appropriato.

Daranno luogo a valutazioni sufficienti: il raggiungimento di un bagaglio di conoscenze minimale sui temi trattati da parte dello studente, pur in presenza di alcune lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.

Daranno luogo a valutazioni negative: difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d'esame; lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.

Disabilità e DSA

Le studentesse e gli studenti che hanno registrato la certificazione di disabilità o la certificazione di DSA presso l'Ufficio Inclusione e diritto allo studio, possono chiedere di utilizzare le mappe concettuali (per parole chiave) durante la prova di esame.

A tal fine, è necessario inviare le mappe, due settimane prima dell’appello di esame, alla o al docente del corso, che ne verificherà la coerenza con le indicazioni delle linee guida di ateneo e potrà chiederne la modifica.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 08/11/2017


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

15 22

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522, scarica l'app o chatta su www.1522.eu

Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2024 © Tutti i diritti sono riservati

Top