Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


GEOLOGIA APPLICATA
APPLIED GEOLOGY


A.A. CFU
2018/2019 6
Docente Mail Ricevimento studenti
Diego Talozzi Venerdì - ore 12

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Conoscenze e comprensione:

Il corso si propone di fornire agli studenti le conoscenze e le abilità necessarie per intraprendere l'attività professionale nei vari ambiti applicativi. Lo studio teorico associato ad esercitazioni pratiche, sia in aula che in cantiere, e all’illustrazione di casi di studio reali sono atti a sviluppare la capacità di riconoscere e risolvere i problemi tipici della geotecnica.

Capacità di applicare le conoscenze:

Il corso intende far acquisire allo studente gli strumenti minimi per la programmazione di una corretta campagna di indagini geotecniche, la progettazione geotecnica, con particolare attenzione verso lo strumento normativo.

Competenze trasversali:
La materia in esame si caratterizza per la sua impostazione interdisciplinare e richiede molte delle competenze già acquisite in precedenti corsi, con particolare riferimento a Geologia tecnica e Indagini e prove in sito. Durante il corso tali competenze verranno richiamate dal docente e gli studenti saranno invitati a rivederle. Indispensabile la partecipazione alle esercitazioni guidate per migliorare la capacità di apprendimento e di analisi dei problemi posti. 

Programma

Prerequisiti 

  • Nozioni di base dell'analisi matematica e della fisica; conoscenza di base di meccanica delle terre, delle tecniche sperimentali, delle indagini e prove in sito, necessarie per la caratterizzazione fisica e meccanica delle terre.
  • Capacità di analisi di risultati di prove sperimentali.

Programma

  • Introduzione alle Norme Tecniche per le Costruzioni D.M. 14/01/2008 e Circolare esplicativa. Cenni di dinamica delle strutture, costruzione spettro di risposta elastico, definizione parametri sismici sito dipendenti, zonizzazione sismica e determinazione dell'azione sismica con riferimento alle NTC. Stati limite. Categorie di sottosuolo e condizioni topografiche. Risonanza terreno-struttura.
  • Criteri di progettazione e realizzazione di campagne geognostiche. Concetto di modello geologico e di modello geotecnico. Parametrizzazione dei terreni coesivi e non coesivi in relazione agli obiettivi progettuali. Caratterizzazione fisico-meccanica dei terreni in termini di valori caratteristici.
  • Tipologie di fondazione superficiali su terreni coesivi e non coesivi. Capacità portante delle fondazioni dirette con diversi approcci di calcolo. Propagazione dei carichi trasmessi dalle strutture di fondazione nel terreno. Valutazione dei cedimenti totali e differenziali e dei tempi di consolidazione di fondazioni superficiali su terreni coesivi e non coesivi.
  • Tipologie di fondazione profonde su terreni coesivi e non coesivi. Capacità portante delle fondazioni profonde. Valutazione dei cedimenti su terreni coesivi e non coesivi.
  • Verifiche allo Stato Limite di Esercizio e allo Stato Limite Ultimo per le fondazioni superficiali e profonde secondo il D.M. 2008. Interazione tra terreno, fondazione e sovrastruttura. Cenni fenomeno liquefazione.
  • Opere di materiali sciolti e Fronti di scavo. Materiali da costruzione per la realizzazione di opere in terra. Idoneità delle terre alla costruzione di differenti opere (es. rilevati stradali, opere idrauliche). Messa in opera delle terre. Rinforzo delle opere in terra mediante geogriglie e geotessuti. Miglioramento delle caratteristiche fisico-meccaniche delle terre stabilizzazione a calce e/o cemento.
  • Consolidamento dei versanti in frana, progettazione delle opere di stabilizzazione dei pendii. Stabilità dei fronti di scavo in cantieri temporanei, valutazione del grado di stabilità di un pendio artificiale, progettazione delle opere di intervento per la messa in sicurezza.
  • Opere di sostegno. Requisiti generali. Dimensionamento muri di sostegno e paratie. Verifiche di sicurezza.
  • Progettazione di piccoli invasi. Impermeabilità dell’invaso. Stabilità delle sponde e dei fianchi dell’invaso. Studio della sezione di sbarramento. Indagini per il controllo della tenuta idraulica della sezione di sbarramento. Moto stazionario di filtrazione e sifonamento.
  • Cenni di idraulica fluviale. Elaborazione statistica delle precipitazioni. Equazione di possibilità pluviometrica. Elaborazione statistica secondo Gumbel. Metodi per il calcolo delle portate di piena in funzione delle caratteristiche geometriche del bacino imbrifero. Moto uniforme e moto permanente. Problematiche legate ai fenomeni di erosione. Sistemazione dei torrenti.
  • Applicazioni in ingegneria sanitaria. Dimensionamento di un impianto per lo smaltimento delle acque reflue provenienti da edifici di civile abitazione mediante la tecnica della subirrigazione. Richiami normtivi.
  • Prestazioni di competenza dei geologi con riferimento alla Circolare Ordine Geologi Marche n. 1/2015 DEL 30/07/2015. Modalità di redazione di una relazione specialistica con riferimento alla Circolare Ordine Geologi Marche n.2/2015 del 14/09/2015: ″Linee guida per la valutazione degli elaborati geologici, geotecnici e sismici di competenza della figura del geologo”.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Conoscenze e comprensione:

Il corso si propone di fornire agli studenti le conoscenze e le abilità necessarie per intraprendere l'attività professionale nei vari ambiti applicativi. Lo studio teorico associato ad esercitazioni pratiche, sia in aula che in cantiere, e all’illustrazione di casi di studio reali sono atti a sviluppare la capacità di riconoscere e risolvere i problemi tipici della geotecnica.

Capacità di applicare le conoscenze:
Il corso intende far acquisire allo studente gli strumenti minimi per la programmazione di una corretta campagna di indagini geotecniche, la progettazione geotecnica, con particolare attenzione verso lo strumento normativo.

Competenze trasversali:
La materia in esame si caratterizza per la sua impostazione interdisciplinare e richiede molte delle competenze già acquisite in precedenti corsi, con particolare riferimento a Geologia tecnica e Indagini e prove in sito. Durante il corso tali competenze verranno richiamate dal docente e gli studenti saranno invitati a rivederle. Indispensabile la partecipazione alle esercitazioni guidate per migliorare la capacità di apprendimento e di analisi dei problemi posti. 

Materiale Didattico e Attività di Supporto

Il materiale didattico predisposto dal docente (come ad esempio diapositive, dispense, esercitazioni) e le comunicazioni specifiche del docente sono reperibili, assieme ad altre attività di supporto, all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Testi di studio
  • C. VIGGIANI: Fondazioni. Hevelius Edizioni;
  • R. LANCELLOTTA: Geotecnica. Zanichelli;
  • Colombo P. & Colleselli F. – Elementi di Geotecnica. Zanichelli.
  • Norme Tecniche delle Costruzioni D.M. 14/01/2008 e Circolare esplicativa;
  • Dispense fornite dal docente.
Modalità di
accertamento

Prova orale con svolgimento di esercizi pratici. Durante il corso saranno eseguiti esercizi nei vari argomenti e proposti test di verifica dell'apprendimento comunque non vincolanti per sostenere la prova orale.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 19/09/18


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

numero verde

800 46 24 46

Richiesta informazioni

informazioni@uniurb.it

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2018 © Tutti i diritti sono riservati

Top