Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


FILOSOFIA DEL DIRITTO
PHILOSOPHY OF LAW

A.A. CFU
2019/2020 9
Docente Email Ricevimento studenti
Maria Paola Mittica Lunedì e martedì, previo appuntamento per e-mail, negli altri giorni - anche via skype - sempre previo appuntamento per e-mail
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Giurisprudenza (LMG/01)
Curriculum: Percorso comune
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso ha come principale obiettivo l'acquisizione di competenze avanzate nell'ambito dell'osservazione e dell'analisi critica del fenomeno giuridico; della comprensione e della necessarietà della funzione del diritto nel contesto delle relazioni umane a partire da una ricostruzione dei principali orientamenti teorici della filosofia del diritto.

Obiettivo specifico è guidare lo studente alla problematizzazione del rapporto tra norma giuridica e pluralismo etico in contesti complessi della società contemporanea.

Programma

Il programma è diviso in due parti.

La prima parte è dedicata all’inquadramento storico della filosofia del diritto, tramite la ricostruzione delle principali correnti filosofiche: giusnaturalismo, giuspositivismo, antiformalismo. 

La seconda parte è rivolta al rapporto tra diritto, morale ed etica, avendo per obiettivo la problematizzazione dei conflitti pratici, ovvero i casi in cui la pluralità degli orientamenti morali si scontra con la necessità selettiva della norma e della decisione giuridica.

Eventuali Propedeuticità

Nessuna.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Si attende che gli studenti possano acquisire:

a) conoscenza e comprensione delle teorie filosofico e sociologico giuridiche sufficientemente approfondite per sviluppare, da una parte, autonome capacità di valutazione critica e sottrarsi alle varie e ricorrenti semplificazioni ideologiche che accompagnano la valutazione dei fenomeni giuridici, e, dall'altra parte, un'adeguata sensibilità culturale e metodologica utile all'interpretazione dei contesti complessi della vita relazionale che il diritto è chiamato a regolare

b) capacità di risolvere problemi teorici e applicativi in contesti relazionali complessi, anche mediante la partecipazione a working class a tema animate da interventi elaborati preventivamente da gruppi di studio

c) capacità di integrare autonomamente le proprie conoscenze e di formulare giudizi in situazioni teoriche o applicative complesse, anche attraverso l'attiva partecipazione ai dibattiti in aula sollecitati dal docente

d) capacità di comunicare le conoscenze acquisite in maniera chiara, essenziale e scientificamente corretta e di sostenere in modo convincente il confronto argomentativo

e) capacità di procedere nell'apprendimento con autonomia e senso critico, capacità che il docente incoraggerà nell'intero svolgimento della didattica e sarà oggetto di valutazione particolarmente attenta in sede d'esame

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

A richiesta la docente predisporrà attività di supporto individualizzate.


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali, Working class

Obblighi

La frequenza al corso non è obbligatoria, ma si consiglia vivamente la partecipazione attiva alle lezioni. Si precisa che coloro che avranno frequentato per almeno 46 ore il corso di Filosofia del diritto avranno accesso alla verifica intermedia prevista alla fine delle lezioni.

Testi di studio

Testi obbligatori: 

  • C. Faralli, Le grandi correnti della filosofia del diritto, Giappichelli, Torino, 2014 (2° ed.), capp. 1, 2, 3 e Conclusioni (pp. 1-132)
  •  D. Canale, Conflitti pratici. Quando il diritto diventa immorale, Laterza, Roma-Bari 2019 (4° ed.)

Testi facoltativi: 

  • R. Bodei-G. Giorello-M. Marzano-S. Veca, Le virtù cardinali, Laterza, Roma-Bari 2018 (2° ed.)
  •  C. Faralli, Le grandi correnti della filosofia del diritto, Giappichelli, Torino, 2014 (2° ed.), Appendice antologica a cura di Corrado Roversi (pp. 137-302)
Modalità di
accertamento

Ai fini dell’accertamento della preparazione, lo studente dovrà sostenere una prova orale preceduta da una prova scritta obbligatoria e selettiva costituita da un test avente ad oggetto gli argomenti del corso di studio. La prova scritta mira prevalentemente ad accertare le conoscenze. La prova orale mira ad accertare le capacità di comprensione e di comunicare e applicare con autonomia di giudizio le conoscenze acquisite.

La prova scritta è strutturata in 30 domande a risposta multipla e deve essere svolta entro il termine di un’ora, nella prima ora riservata all’appello di esame. Coloro che avranno superato il test accederanno alla prova orale consistente, salvo eccezioni, in una domanda. Le prove orali avranno luogo dopo la correzione della prova scritta e la comunicazione degli esiti della stessa, entro la seconda ora riservata all'appello di esame.

Qui di seguito i criteri di calcolo relativamente alla prova scritta:

  • meno di 15 domande corrette: mancata ammissione alla prova orale - livello di competenza: non sufficiente  
  • da 16 a 18 domande corrette: ammissione alla prova orale con la votazione di 18 - livello di competenza: appena sufficiente
  • da 19 a 20 domande corrette: ammissione alla prova orale rispettivamente con la votazione di19 e 20  - livello di competenza: sufficiente
  • da 21 a 23 domande corrette: ammissione alla prova orale rispettivamente con la votazione di 21, 22 e 23  - livello di competenza: pienamente sufficiente
  • da 24 a 26 domande corrette: ammissione alla prova orale rispettivamente conla votazione di 24, 25 e 26  - livello di competenza: buono
  • da 27 a 29 domande corrette: ammissione alla prova orale rispettivamente con la votazione di 27, 28 e 29  - livello di competenza: molto buono
  • 30 domande corrette: ammissione alla prova orale rispettivamente conla votazione di 30 - livello di competenza: eccellente

Qui di seguito i criteri di valutazione e i punteggi per la votazione relativi in trentesimi previsti per la prova orale:

  • meno di 18 - livello di competenza: non sufficiente  
  • 19-20 - livello di competenza: sufficiente
  • 21-23 - livello di competenza: pienamente sufficiente
  • 24-26 - livello di competenza: buono
  • 27-29 - livello di competenza: molto buono
  • 30-30 e lode - livello di competenza: eccellente

Il voto finale sarà dato da una valutazione complessiva in cui si terrà conto sia della prova scritta che di quella orale.

Gli studenti frequentanti potranno a loro scelta anticipare la prova del test nel corso di una verifica intermedia, che si terrà almeno una settimana dopo la fine delle lezioni, la cui data sarà concordata entro il primo mese di corso. Tale verifica è finalizzata principalmente a testare l’avanzamento nell’apprendimento e a sperimentare contenuti e modalità dell’esame. In caso di esito positivo, lo studente potrà avvalersene, integrando la valutazione ottenuta con la prova orale che dovrà sostenere nel corso dell’appello ufficiale. Vale in ogni caso la facoltà dello studente di non avvalersi della verifica intermedia o degli esiti della stessa e di sostenere integralmente la prova nelle modalità previste per l’esame finale nella sede dell’appello ufficiale.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Gli studenti non frequentanti sono tenuti a svolgere tutte le parti in programma attraverso lo studio individuale. 

Si segnala la possibilità di usufruire dei materiali e delle modalità didattiche che avranno luogo tramite la piattaforma blended.

Obblighi

Lo studio dei testi individuati per il programma d'esame deve essere approfondito e mirare al conseguimento dei risultati di apprendimento attesi.

Lo studio individuale previsto è di almeno 225 ore, pari a 25 ore per CFU.

Testi di studio

Testi obbligatori: 

  • C. Faralli, Le grandi correnti della filosofia del diritto, Giappichelli, Torino, 2014 (2° ed.), capp. 1, 2, 3 e Conclusioni (pp. 1-132)
  •  D. Canale, Conflitti pratici. Quando il diritto diventa immorale, Laterza, Roma-Bari 2019 (4° ed.)

Testi facoltativi: 

  • R. Bodei-G. Giorello-M. Marzano-S. Veca, Le virtù cardinali, Laterza, Roma-Bari 2018 (2° ed.)
  •  C. Faralli, Le grandi correnti della filosofia del diritto, Giappichelli, Torino, 2014 (2° ed.), Appendice antologica a cura di Corrado Roversi (pp. 137-302)
Modalità di
accertamento

Ai fini dell’accertamento della preparazione, lo studente dovrà sostenere una prova orale preceduta da una prova scritta obbligatoria e selettiva costituita da un test avente ad oggetto gli argomenti del corso di studio. La prova scritta mira prevalentemente ad accertare le conoscenze. La prova orale mira ad accertare le capacità di comprensione e di comunicare e applicare con autonomia di giudizio le conoscenze acquisite.

La prova scritta è strutturata in 30 domande a risposta multipla e deve essere svolta entro il termine di un’ora, nella prima ora riservata all’appello di esame. Coloro che avranno superato il test accederanno alla prova orale consistente, salvo eccezioni, in una domanda. Le prove orali avranno luogo dopo la correzione della prova scritta e la comunicazione degli esiti della stessa, entro la seconda ora riservata all'appello di esame.

Qui di seguito i criteri di calcolo relativamente alla prova scritta:

  • meno di 15 domande corrette: mancata ammissione alla prova orale - livello di competenza: non sufficiente  
  • da 16 a 18 domande corrette: ammissione alla prova orale con la votazione di 18 - livello di competenza: appena sufficiente
  • da 19 a 20 domande corrette: ammissione alla prova orale rispettivamente con la votazione di19 e 20  - livello di competenza: sufficiente
  • da 21 a 23 domande corrette: ammissione alla prova orale rispettivamente con la votazione di 21, 22 e 23  - livello di competenza: pienamente sufficiente
  • da 24 a 26 domande corrette: ammissione alla prova orale rispettivamente conla votazione di 24, 25 e 26  - livello di competenza: buono
  • da 27 a 29 domande corrette: ammissione alla prova orale rispettivamente con la votazione di 27, 28 e 29  - livello di competenza: molto buono
  • 30 domande corrette: ammissione alla prova orale rispettivamente conla votazione di 30 - livello di competenza: eccellente

Qui di seguito i criteri di valutazione e i punteggi per la votazione relativi in trentesimi previsti per la prova orale:

  • meno di 18 - livello di competenza: non sufficiente  
  • 19-20 - livello di competenza: sufficiente
  • 21-23 - livello di competenza: pienamente sufficiente
  • 24-26 - livello di competenza: buono
  • 27-29 - livello di competenza: molto buono
  • 30-30 e lode - livello di competenza: eccellente

Il voto finale sarà dato da una valutazione complessiva in cui si terrà conto sia della prova scritta che di quella orale.

Note

L’esame e la bibliografia potranno essere in lingua inglese su richiesta dello studente. 

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 27/01/2020


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un servizio pubblico promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2023 © Tutti i diritti sono riservati

Top