Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


STORIA MEDIEVALE I
MEDIEVAL HISTORY I

A.A. CFU
2019/2020 12
Docente Email Ricevimento studenti
Tommaso Di Carpegna Gabrielli Falconieri Dopo le lezioni (a palazzo Albani: lun. h .16, mar. h 11 e 18) e su appuntamento (da prendere per email)
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese Francese
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso consta di una introduzione generale agli aspetti politici, economici, sociali e culturali del millennio medievale in Italia, in Europa e nell’area mediterranea. Con esso si intende permettere agli studenti il raggiungimento di una buona consapevolezza intorno ai principali strumenti cognitivi (metodologia della ricerca storica, esegesi delle fonti, storiografia) e ai temi fondamentali che caratterizzano lo studio di questo periodo. Una particolare attenzione viene posta a che lo studente colga il senso della Storia non come una descrizione consolidata di fatti da apprendere mnemonicamente, bensì come una riflessione e una ricerca in continua evoluzione intorno ad accadimenti che, sebbene avvenuti in epoche remote, in realtà ancora oggi condizionano il nostro presente.

Programma

Nel corso vengono presentate in senso diacronico alcune macrotematiche della Storia medievale, come, a titolo di esempio, il passaggio dall'antichità al medioevo; l'Islam; l'Impero; la Chiesa; le istituzioni di governo; le evoluzioni ambientali, sociali e demografiche; le città; l’economia; l’idea di medioevo, la storia di genere. Vengono inoltre lette e commentate alcune fonti medievali.

Il programma completo delle lezioni (syllabus) viene fornito agli studenti durante le prime lezioni, e pubblicato in rete.

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

Conoscenza e capacità di comprensione. Gli studenti devono conseguire conoscenze e capacità di comprensione dei principali processi storici verificatisi nell'ampio arco cronologico che va dal secolo V al secolo XV in area italiana, europea e mediterranea, raggiungendo un livello di padronanza della disciplina medievistica che includa anche la conoscenza, a livello post secondario, delle principali modalità dell’indagine storica, anche nella sua dimensione interdisciplinare.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione. Gli studenti devono essere in grado di applicare le loro conoscenze e capacità di comprensione dei processi storici in maniera da dimostrare un approccio professionale al loro lavoro – cioè l’applicabilità dello studio della Storia medievale nel mondo contemporaneo – e devono possedere competenze adeguate sia per ideare e sostenere argomentazioni che per impostare (ed eventualmente risolvere) problemi nel campo degli studi medievistici.

Autonomia di giudizio. Gli studenti devono avere la capacità di raccogliere ed interpretare i dati forniti nel corso delle lezioni, nonché nei testi bibliografici e nelle fonti, in modo da poter giungere a formulare giudizi autonomi sui fenomeni politico-istituzionali, economico-sociali e culturali del periodo medievale.

Abilità comunicative. Gli studenti devono saper comunicare in modo efficace, a interlocutori specialisti e non specialisti, tanto le informazioni relative alle tematiche e agli accadimenti storici medievali, quanto i problemi di ordine metodologico, epistemologico e comunicativo che sono caratteristici della disciplina medievistica.

Capacità di apprendimento. Gli studenti devono aver sviluppato le capacità di apprendimento necessarie per intraprendere con un alto grado di autonomia gli studi successivi nell’ambito della Storia medievale.

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Presentazioni con PowerPoint; visite di studio a istituti di conservazione.


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Lezioni frontali; incontri con specialisti. È consigliata l’interlocuzione con il docente, attraverso domande e richieste di approfondimento.

Obblighi

La frequenza non è obbligatoria, ma fortemente consigliata. Si considera frequentante chi è presente ad almeno 2/3 delle lezioni.

Testi di studio

a) Un manuale di Storia medievale.

  • Si suggerisce: F. Cardini, M. Montesano, Storia medievale, Firenze, Le Monnier, 2019

b) I seguenti libro e articolo:

  • T. di Carpegna Falconieri, A. Feniello, Ch. Grasso, Fonti medievali. Un'antologia, Roma, Carocci, 2017
  • T. di Carpegna Falconieri, Medioevo, quante storie! Fra divagazioni preziose e ragioni dell’esistenza, in Medioevo quante storie. V Settimana di Studi Medievali 130 anni di storie. Giornata conclusiva, Roma, 21-23 maggio 2013, a cura di Isa Lori Sanfilippo, Roma, Istituto storico italiano per il medio evo, 2014, pp. 109-137 (reperibile online)

c) Un libro a scelta tra i seguenti:

  • F. Bertini (a cura di), Medioevo al femminile [qualsiasi edizione, per es. Roma-Bari, Laterza, 2010]
  • M. Bloch, I re taumaturghi [qualsiasi edizione, per es. Torino, Einaudi, 2005]
  • M. Bloch, Apologia della storia o mestiere di storico [qualsiasi edizione, per es. Torino, Einaudi, 2009]
  • T. di Carpegna Falconieri, Medioevo militante. La politica di oggi alle prese con barbari e crociati, Torino, Einaudi, 2011
  • T. di Carpegna Falconieri, R. Facchini (a cura di), Medievalismi italiani (secoli XIX-XXI), Roma, Gangemi, 2018
  • T. di Carpegna Falconieri, Cola di Rienzo, Roma, Salerno Editrice, 2020
  • P. Delogu, Introduzione alla storia medievale, Bologna, il Mulino, 2003
  • G. Duby, La domenica di Bouvines [qualsiasi edizione, per es. Torino, Einaudi, 2010]
  • A. Gurevic, Le categorie della cultura medievale [qualsiasi edizione, per es. Torino, Bollati Boringhieri, 2007]
  • E.H Kantorowicz, Federico II imperatore [qualsiasi edizione, per es. Milano, Garzanti, 2000]
  • L. Russo, I crociati in Terrasanta. Una nuova storia (1095-1291), Roma, Carocci, 2018
  • S. Tramontana, Il medioevo. Le fonti e i temi, Roma, Carocci, 2005
Modalità di
accertamento

Esame orale. L'esame consta di alcune domande (di solito tre) sui testi di studio e sui temi affrontati nel corso delle lezioni. Le domande sono di carattere piuttosto generale e proposte nella forma di una conversazione.

Daranno luogo a valutazioni da eccellente a molto buono (30 e lode-27): il possesso da parte dello studente di ottime/molto buone capacità critiche e di approfondimento; il saper collegare tra loro le tematiche affrontate nel corso; l’uso di un linguaggio appropriato rispetto alla specificità della disciplina.
Daranno luogo a valutazioni da buono a discreto (26-23): il possesso da parte dello studente di una conoscenza mnemonica dei contenuti; una relativa capacità critica e di collegamento tra i temi trattati: l’uso di un linguaggio appropriato.
Daranno luogo a valutazioni sufficienti (22-18): il raggiungimento di un bagaglio di conoscenze minimale sui temi trattati da parte dello studente, pur in presenza di alcune lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.
Daranno luogo a valutazioni negative: difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d'esame; lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.
 

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Studio individuale.

Obblighi

Oltre a studiare tre libri e un articolo come gli studenti frequentanti, gli studenti non frequentanti (cioè coloro che sono stati presenti a meno di 2/3 delle lezioni) dovranno reperire - nella piattaforma online predisposta per il "Blended learning" - le fonti che sono state esaminate in classe. Dovranno inoltre scrivere una tesina di circa 25.000 battute su un argomento da concordare con il docente e da inviare per email almeno una settimana prima dell'esame. La tesina deve essere completa di note e bibliografia.

Testi di studio

a) Un manuale di Storia medievale.

  • Si suggerisce: F. Cardini, M. Montesano, Storia medievale, Firenze, Le Monnier, 2019

b) I seguenti libro e articolo:

  • T. di Carpegna Falconieri, A. Feniello, Ch. Grasso, Fonti medievali. Un'antologia, Roma, Carocci, 2017
  • T. di Carpegna Falconieri, Medioevo, quante storie! Fra divagazioni preziose e ragioni dell’esistenza, in Medioevo quante storie. V Settimana di Studi Medievali 130 anni di storie. Giornata conclusiva, Roma, 21-23 maggio 2013, a cura di Isa Lori Sanfilippo, Roma, Istituto storico italiano per il medio evo, 2014, pp. 109-137 (reperibile online)

c) Un libro a scelta tra i seguenti:

  • F. Bertini (a cura di), Medioevo al femminile [qualsiasi edizione, per es. Roma-Bari, Laterza, 2010]
  • M. Bloch, I re taumaturghi [qualsiasi edizione, per es. Torino, Einaudi, 2005]
  • M. Bloch, Apologia della storia o mestiere di storico [qualsiasi edizione, per es. Torino, Einaudi, 2009]
  • T. di Carpegna Falconieri, Medioevo militante. La politica di oggi alle prese con barbari e crociati, Torino, Einaudi, 2011
  • T. di Carpegna Falconieri, R. Facchini (a cura di), Medievalismi italiani (secoli XIX-XXI), Roma, Gangemi, 2018
  • T. di Carpegna Falconieri, Cola di Rienzo, Roma, Salerno Editrice, 2020
  • P. Delogu, Introduzione alla storia medievale, Bologna, il Mulino, 2003
  • G. Duby, La domenica di Bouvines [qualsiasi edizione, per es. Torino, Einaudi, 2010]
  • A. Gurevic, Le categorie della cultura medievale [qualsiasi edizione, per es. Torino, Bollati Boringhieri, 2007]
  • E.H Kantorowicz, Federico II imperatore [qualsiasi edizione, per es. Milano, Garzanti, 2000].
  • L. Russo, I crociati in Terrasanta. Una nuova storia (1095-1291), Roma, Carocci, 2018
  • S. Tramontana, Il medioevo. Le fonti e i temi, Roma, Carocci, 2005
Modalità di
accertamento

 Esame orale come per gli studenti frequentanti, e valutazione della tesina. L'esame consta di alcune domande (di solito tre) sui testi di studio e sui temi affrontati nel corso delle lezioni. Le domande sono di carattere piuttosto generale e proposte nella forma di una conversazione.

Daranno luogo a valutazioni da eccellente a molto buono (30 e lode-27): il possesso da parte dello studente di ottime/molto buone capacità critiche e di approfondimento; il saper collegare tra loro le tematiche affrontate nel corso; l’uso di un linguaggio appropriato rispetto alla specificità della disciplina.
Daranno luogo a valutazioni da buono a discreto (26-23): il possesso da parte dello studente di una conoscenza mnemonica dei contenuti; una relativa capacità critica e di collegamento tra i temi trattati: l’uso di un linguaggio appropriato.
Daranno luogo a valutazioni sufficienti (22-18): il raggiungimento di un bagaglio di conoscenze minimale sui temi trattati da parte dello studente, pur in presenza di alcune lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.
Daranno luogo a valutazioni negative: difficoltà di orientamento dello studente rispetto ai temi affrontati nei testi d'esame; lacune formative; l’uso di un linguaggio non appropriato.

Note

Sito web del docente: www.tommasodicarpegna.it

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 27/01/2020


Condividi


Questo contenuto ha risposto alla tua domanda?


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Performance della pagina

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2020 © Tutti i diritti sono riservati

Top