Università degli Studi di Urbino Carlo Bo / Portale Web di Ateneo


DIRITTO COSTITUZIONALE
CONSTITUTIONAL LAW

A.A. CFU
2023/2024 12
Docente Email Ricevimento studenti
Licia Califano Il ricevimento delle studentesse e degli studenti, finalizzato a fornire chiarimenti sulle modalità e sugli argomenti trattati a lezione e a seguirli nella assegnazione e nella elaborazione delle tesi di laurea, si terrà il mercoledì pomeriggio a partire dalle ore 16.00 in modalità mista (in presenza e/o on-line).
Didattica in lingue straniere
Insegnamento con materiali opzionali in lingua straniera Inglese Francese Spagnolo
La didattica è svolta interamente in lingua italiana. I materiali di studio e l'esame possono essere in lingua straniera.

Assegnato al Corso di Studio

Giurisprudenza (LMG/01)
Curriculum: Percorso comune
Giorno Orario Aula
Giorno Orario Aula

Obiettivi Formativi

Il corso di diritto costituzionale nel percorso di studi della laurea magistrale in Giurisprudenza è destinato a fornire allo studente una conoscenza critica del diritto costituzionale nonché gli strumenti essenziali alla comprensione della struttura dell'ordinamento statale nel suo complesso, con riferimento: all'organizzazione costituzionale dello Stato e ai rapporti fra organi costituzionali, ai diritti fondamentali e alle libertà nella dimensione tanto interna quanto sovranazionale e internazionale, alla giustizia costituzionale. Di particolare rilievo nell'itinerario formativo è lo studio delle fonti del diritto, la cui conoscenza è condizione preliminare per una corretta comprensione di gran parte delle materie che lo studente è chiamato ad affrontare nel corso degli studi giuridici. Il corso ha peraltro una impostazione metodologica teorico - pratica, affiancando lo studio della manualistica e della normativa ad un'analisi ragionata di casi giurisprudenziali e ad una serie di approfondimenti tematici in forma seminariale, con particolare riferimento all’implementazione del quadro costituzionale e all’evoluzione del quadro normativo, anche in una prospettiva europea e sovranazionale. 
La metodologia del corso, che coniuga la didattica tradizionale (lezioni frontali) a tecniche innovativo-sperimentali (working-class, Flipped Learning e utilizzo della piattaforma Moodle-blended learning), è finalizzata a sviluppare sia le conoscenze cognitive di base, sia le conoscenze cognitive superiori. In tal modo, attraverso il confronto diretto con la docente e il lavoro in classe, si vuole sollecitare il processo di apprendimento attraverso un più efficace coinvolgimento degli studenti e una migliore organizzazione del materiale, per agevolare i processi di conoscenza durante lo svolgimento del corso.

Programma

Il corso ha durata semestrale.

Il corso fornirà agli studenti gli strumenti di comprensione teorico-pratici relativi alle linee generali e ai fondamenti della materia oggetto di insegnamento. In questa prima parte del corso verranno affrontate le seguenti tematiche:
• L'ordinamento giuridico e il diritto costituzionale.
• Lo Stato e gli altri ordinamenti.
• L'ordinamento internazionale.
• L'ordinamento dell'Unione Europea: le istituzione europee ed i rapporti con lo Stato italiano.
• Le fonti del diritto.
• Introduzione allo studio delle fonti normative: classificazione e profili generali.
• Il sistema delle fonti: principi e criteri di ordinamento.
• L'integrazione del sistema delle fonti: fonti nazionali e sovranazionali, fonti delle autonomie regionali e locali.
• Esame analitico delle principali tipologie: Costituzione e leggi costituzionali; fonti primarie; fonti secondarie; fatti normativi.
• I diritti fondamentali.
• L'organizzazione e l'esercizio del potere politico.
• La sovranità popolare.
• Il Parlamento.
• Il Presidente della Repubblica.
• Il Governo.
• I governi regionali e locali nello Stato delle autonomie.
• La pubblica amministrazione.
• Le garanzie giurisdizionali
• La giustizia costituzionale
• L'ordinamento italiano e la sua evoluzione

Inoltre, nel corso delle lezioni, la docente affronterà alcune specifiche tematiche di approfondimento su singoli profili del Diritto costituzionale, quali in primo luogo la costruzione giurisprudenziale delle fonti del diritto e la trattazione più specifica di singoli diritti individuali, al fine di far cogliere agli studenti, sin dal principio del loro percorso formativo individuale, l'importanza di alcune problematiche inerenti allo studio del diritto costituzionale di volta in volta analizzate.

Eventuali Propedeuticità

Nessuna. 

Risultati di Apprendimento (Descrittori di Dublino)

I risultati di apprendimento dello studente sono i seguenti:

A) conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente dovrà dimostrare di possedere conoscenze e capacità di comprendere la materia, tanto con riguardo alla lettura e interpretazione dei testi normativi, quanto ai principali istituti del Diritto costituzionale. Lo studente dovrà, altresì, dimostrare di avere acquisito una buona conoscenza del sistema costituzionale italiano e una particolare capacità di comprendere, a partire dal dato normativo, le principali prassi, elaborando idee proprie ed originali, anche in un contesto di ricerca normativa, giurisprudenziale e bibliografica (knowledge and understanding).

B) conoscenza e capacità di comprensione applicate: Lo studente dovrà dimostrare di avere la capacità di interpretare ed applicare le proprie conoscenze, abilità e capacità di comprensione nella ricerca di soluzioni a problemi connessi al Diritto costituzionale. Lo studente saprà interpretare ed applicare le norme dell'ordinamento costituzionale italiano e comprenderà le fonti del diritto e la giurisprudenza costituzionale, con riferimenti a contesti concreti e specifici, individuando, interpretando ed applicando le norme che, di volta in volta, concorrono a caratterizzare il caso di specie. In questo contesto lo studente dovrà dimostrare la capacità di elaborare testi e documenti giuridici in contesti giudiziali ed extragiudiziali. Il tutto, in alcuni casi, tenendo conto anche di un più ampio approccio interdisciplinare (applying knowledge and understanding).

C) autonomia di giudizio: Lo studente dovrà dimostrare capacità interpretativa delle norme dell'ordinamento giuridico nazionale. Lo studente integrerà le conoscenze acquisite con i riferimenti alle prassi del Diritto costituzionale e al cd. diritto vivente. Questo tanto con riferimento, per esempio, alla dinamica funzionale della forma di governo quanto ai concreti problemi di tutela dei diritti fondamentali. Tutto ciò includerà altresì una riflessione sulle responsabilità sociali collegate all'applicazione delle conoscenze sviluppate e dei giudizi che lo studente ha elaborato nel corso delle lezioni e dello studio individuale (making judgements).

D) abilità comunicative: Lo studente dimostrerà di saper comunicare in modo chiaro e senza ambiguità le proprie considerazioni e conclusioni sia nell'ambito del dibattito che potrebbe sorgere nel corso delle lezioni frontali sia nei seminari di approfondimento tematici e su casi giurisprudenziali (working class), o nelle eventuali conferenze organizzate nell'ambito del corso. Lo studente deve dimostrare di saper esporre le nozioni acquisite con coerenza argomentativo, rigore logico-sistematico e proprietà di linguaggio. (communication skills).

E) capacità di apprendere: Lo studente dovrà dimostrare di aver sviluppato capacità di comprendere la complessità del fenomeno giuridico-costituzionale, nonché quelle capacità di apprendimento che possano consentirgli di proseguire nello studio in modo per lo più auto-diretto o autonomo e di aver conseguito doti di apprendimento idonee al proseguimento degli studi giuridici, con particolare riferimento all'approfondimento della conoscenza degli ulteriori ambiti del diritto pubblico (diritto dell'Unione europea, diritto costituzionale comparato, diritto internazionale pubblico, diritto regionale, diritto amministrativo). Questo anche procedendo con un aggiornamento costante delle proprie competenze ed utilizzando le conoscenze e gli strumenti acquisiti durante il corso (learning skills).

Materiale Didattico

Il materiale didattico predisposto dalla/dal docente in aggiunta ai testi consigliati (come ad esempio diapositive, dispense, esercizi, bibliografia) e le comunicazioni della/del docente specifiche per l'insegnamento sono reperibili all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it

Attività di Supporto

Per gli studenti frequentanti sono organizzati degli incontri di approfondimento e di tutorato.

Il materiale didattico messo a disposizione dal docente è reperibile, assieme ad altre attività di supporto, all'interno della piattaforma Moodle › blended.uniurb.it. Ulteriore materiale potrà essere indicato dalla docente nel corso delle lezioni.


Modalità Didattiche, Obblighi, Testi di Studio e Modalità di Accertamento

Modalità didattiche

Per la parte generale: Lezioni frontali
Per la parte speciale: Lezioni frontali, seminari di approfondimento tematici e su casi giurisprudenziali, conferenze di docenti italiani e stranieri; lavori di gruppo; flipped learning; debate.

Il corso sarà articolato in modalità tradizionale (lezioni frontali) e in modalità innovativa-sperimentale (didattica della tecnica Flipped Learning, forme seminariali ibride anche attraverso l’utilizzo delle touchboard digitali).

Lezioni

Le lezioni saranno svolte secondo le seguenti modalità:

· tradizionale (lezioni frontali)

· con tecnica flipped (3 lezioni incontri)

· mista (lezioni frontali e working class o con flipped)

Inoltre, il corso sarà accompagnato da una articolata attività di tutorato, da esercitazioni su casi giurisprudenziali, nonché da seminari di approfondimento. Le lezioni di didattica innovativa e i seminari sono organizzati con l’obiettivo di fornire agli studenti un'occasione di approfondimento e spunti di riflessione rispetto ad alcuni temi giuridici classici, declinati sulla base di una prospettiva attuale, anche grazie al coinvolgimento di relatori esperti provenienti da diverse realtà accademiche italiane, cercando di valutarne le implicazioni anche a livello europeo e sovranazionale. L’occasione è quella di confrontarsi con i relatori, dopo aver approfondito i temi oggetto dei seminari. 

Il ricevimento delle studentesse e degli studenti, finalizzato a fornire chiarimenti sulle modalità e sugli argomenti trattati a lezione e a seguirli nella assegnazione e nella elaborazione delle tesi di laurea, si terrà il mercoledì pomeriggio a partire dalle ore 16.00 in modalità mista (presenziale e a distanza). 

Per informazioni è possibile contattare la docente all’indirizzo email licia.califano@uniurb.it 
e i collaboratori della cattedra Ramona Furiani (ramona.furiani@uniurb.it), Giuliaserena Stegher (giuliaserena@uniurb.it) e Giulia Vasino (giulia.vasino@uniurb.it).

Didattica innovativa

Flipped Learning (classroom)

Didattica seminariale in aula e a distanza attraverso l’utilizzo delle touchboard digitali

Obblighi

Il corso non prevede una frequenza obbligatoria.
Per gli studenti frequentanti è prevista la possibilità di svolgere test intermedi per la verifica della preparazione, secondo le modalità comunicate dal docente durante le lezioni.

Testi di studio

Per la Parte generale, si consiglia il seguente manuale: 

Q. CAMERLENGO, F. FURLAN, Lezioni di diritto costituzionale vivente, Cedam, 2023.

In alternativa:

A. BARBERA – C. FUSARO, Corso di Diritto pubblico, il Mulino, Bologna, ultima edizione disponibile;

R. BIN – G. PITRUZZELLA, Diritto costituzionale, Giappichelli, Torino, ultima edizione disponibile;

Per uno studio sistematico del testo costituzionale:

L. CALIFANO - M. RUBECHI, Guida ragionata alla Costituzione italiana, Maggioli, Rimini, 2019;

Per la Parte speciale:

Ulteriore materiale di studio (come ad es. sentenze delle Corti, dossier, pareri di Autorità amministrative indipendenti, dottrina, etc.), sarà segnalato a lezione dalla docente e reso disponibile agli studenti (frequentanti e non frequentanti) tramite piattaforma Moodle-blended learning.

Modalità di
accertamento

Ai fini dell'accertamento della preparazione al termine del corso lo studente dovrà sostenere una prova orale, volta all’accertamento delle conoscenze acquisite (con particolare riferimento alla volontà di verificare al contempo sia la capacità di sintesi dello studente che le abilità comunicative ed espressive, nonché l'avvenuta acquisizione del lessico giuridico appropriato). 

Per gli studenti frequentanti è prevista la possibilità di svolgere test intermedi per la verifica graduale della preparazione e delle conoscenze, secondo le modalità comunicate dal docente durante le lezioni, anche ai fini di predisporre un programma di recupero attraverso attività di tutorato effettuate dai collaboratori della cattedra. Resta comunque salva la possibilità di sostenere l'esame integralmente, a conclusione del corso.

I risultati di apprendimento attesi saranno valutati mediante la formulazione di tre o più domande. I criteri di valutazione e i punteggi sono determinati secondo la seguente scala:

·  meno di 18/30 - livello insufficiente: il candidato non raggiunge nessuno dei risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;

·  18-20/30 - livello sufficiente: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;

·  21-23/30 - livello pienamente sufficiente: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione” e “conoscenza e capacità di comprensione applicate”;

·  24-26/30 - livello buono: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate” e “autonomia di giudizio”;

·  27-29/30 - livello molto buono: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio” e “abilità comunicative”;

·  30-30 e lode - livello eccellente: il candidato raggiunge pienamente i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio”; “abilità comunicative” e “capacità di apprendere”.

Disabilità e DSA

Le studentesse e gli studenti che hanno registrato la certificazione di disabilità o la certificazione di DSA presso l'Ufficio Inclusione e diritto allo studio, possono chiedere di utilizzare le mappe concettuali (per parole chiave) durante la prova di esame.

A tal fine, è necessario inviare le mappe, due settimane prima dell’appello di esame, alla o al docente del corso, che ne verificherà la coerenza con le indicazioni delle linee guida di ateneo e potrà chiederne la modifica.

Informazioni Aggiuntive per Studenti Non Frequentanti

Modalità didattiche

Il corso sarà accompagnato da una articolata attività di Tutorato cui possono partecipare anche gli studenti non frequentanti ai fini della preparazione dell'esame. La docente è contattabile tramite l'indirizzo di posta elettronica istituzionale licia.califano@uniurb.it e svolge ricevimento negli orari indicati.

Obblighi

Il corso non prevede una frequenza obbligatoria.

Testi di studio

Per la Parte generale, si consiglia il seguente manuale: 

Q. CAMERLENGO, F. FURLAN, Lezioni di diritto costituzionale vivente, Cedam, 2023.

In alternativa:

A. BARBERA – C. FUSARO, Corso di Diritto pubblico, il Mulino, Bologna, ultima edizione disponibile;

R. BIN – G. PITRUZZELLA, Diritto costituzionale, Giappichelli, Torino, ultima edizione disponibile;

Per uno studio sistematico del testo costituzionale:

L. CALIFANO - M. RUBECHI, Guida ragionata alla Costituzione italiana, Maggioli, Rimini, 2019;

Per la Parte speciale:

Ulteriore materiale di studio (come ad es. sentenze delle Corti, dossier, pareri di Autorità amministrative indipendenti, dottrina, etc.), sarà segnalato a lezione dalla docente e reso disponibile agli studenti (frequentanti e non frequentanti) tramite piattaforma Moodle-blended learning.

Modalità di
accertamento

Ai fini dell'accertamento della preparazione al termine del corso lo studente dovrà sostenere una prova orale, volta all’accertamento delle conoscenze acquisite (con particolare riferimento alla volontà di verificare al contempo sia la capacità di sintesi dello studente che le abilità comunicative ed espressive, nonché l'avvenuta acquisizione del lessico giuridico appropriato). 

I risultati di apprendimento attesi saranno valutati mediante la formulazione di tre o più domande. I criteri di valutazione e i punteggi sono determinati secondo la seguente scala:

·  meno di 18/30 - livello insufficiente: il candidato non raggiunge nessuno dei risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;

·  18-20/30 - livello sufficiente: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti al punto “conoscenza e capacità di comprensione”;

·  21-23/30 - livello pienamente sufficiente: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione” e “conoscenza e capacità di comprensione applicate”;

·  24-26/30 - livello buono: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate” e “autonomia di giudizio”;

·  27-29/30 - livello molto buono: il candidato raggiunge, in particolare, i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio” e “abilità comunicative”;

·  30-30 e lode - livello eccellente: il candidato raggiunge pienamente i risultati di apprendimento previsti ai punti “conoscenza e capacità di comprensione”; “conoscenza e capacità di comprensione applicate”; “autonomia di giudizio”; “abilità comunicative” e “capacità di apprendere”.

Disabilità e DSA

Le studentesse e gli studenti che hanno registrato la certificazione di disabilità o la certificazione di DSA presso l'Ufficio Inclusione e diritto allo studio, possono chiedere di utilizzare le mappe concettuali (per parole chiave) durante la prova di esame.

A tal fine, è necessario inviare le mappe, due settimane prima dell’appello di esame, alla o al docente del corso, che ne verificherà la coerenza con le indicazioni delle linee guida di ateneo e potrà chiederne la modifica.

« torna indietro Ultimo aggiornamento: 27/07/2023


Il tuo feedback è importante

Raccontaci la tua esperienza e aiutaci a migliorare questa pagina.

Il tuo 5x1000 per sostenere le attività di ricerca

L'Università di Urbino destina tutte le risorse che deriveranno da questa iniziativa alla ricerca scientifica ed al sostegno di giovani ricercatori.

15 22

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522, scarica l'app o chatta su www.1522.eu

Il numero, gratuito è attivo 24 h su 24, accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.

Posta elettronica certificata

amministrazione@uniurb.legalmail.it

Social

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Via Aurelio Saffi, 2 – 61029 Urbino PU – IT
Partita IVA 00448830414 – Codice Fiscale 82002850418
2024 © Tutti i diritti sono riservati

Top